A- A+
Milan News
Pensioni, Berlusconi: "1000 euro pensioni minime anche per mamme". APE PENSIONI CAOS

Pensioni, Berlusconi: "1000 euro pensioni minime anche per mamme". PENSIONI NOTIZIE

PENSIONI MINIME PIU' ALTE. Silvio Berlusconi lancia la proposta. Dare maggiore aiuto a chi ha bisogno. Questo uno dei punti del programma di Forza Italia, secondo quanto spiegato da Silvio Berlusconi, nel suo intervento al 32esimo convegno dei Giovani di Confindustria a Capri. L'ex premier ha proposto di portare la pensione sociale a mille euro al mese, per 13 mensilita', e di dare un assegno alle mamme, "le persone che lavorano di piu', la sera, il sabato, la notte, sempre".

Pensioni, Ape Sociale: Inps e domande respinte: ecco perché. PENSIONI NOTIZIE

Delle 25.695 domande di Ape social respinte dall'Inps quasi il 62% è dovuto alla mancanza del requisito di disoccupazione. Il richiedente, cioè. non era disoccupato a seguito di cessazione del rapporto per licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa, o risoluzione consensuale.  È quanto emerge dalla documentazione, presa in visione da Public Policy, inviata dall'Inps alla commissione Lavoro alla Camera.

Pensioni, Ape Sociale: Inps e domande respinte: ecco perché. PENSIONI NOTIZIE - mancati requisiti, nodo disoccupazione

Sul tema delle domande di Ape Sociale (anticipo pensionistico) rigettare, nelle scorse ore la stessa commissione ha ascoltato in audizione il direttore generale dell'Inps, Gabriella Di Michele, che ha riportato come quasi il 65% delle domande di anticipo pensionistico presentate all'Istituto siano state respinte per il mancato rispetto dei requisiti. Delle 39.721 domande pervenute, 13.601 sono state accolte, mentre 25.895 respinte. Le domande respinte per mancanza del requisito di disoccupazione ammontano a 15.874; altre 2.045 sono state respinte per mancanza della documentazione richiesta e 1.372 perchè l'attività lavorativa è cessata in seguito alla scadenza naturale del contratto.

Pensioni, Ape Sociale: respinte 70% domande all'Inps. RIFORMA PENSIONI NOTIZIE

Pensioni: l'Inps ha respinto quasi il 70% delle domande di Ape sociale ricevute entro il 15 luglio (per andare in pensione fino a tre anni e sette mesi prima al compimento dei 63 anni). Arriva la conferma dopo quanto fatto trapelare nei giorni scorsi dai sindacati che avevano avvertito di un potenziale rigetto di oltre i due terzi delle richieste per l'anticipo pensionistico e denunciato criteri molto rigidi applicati dall'Inps nel verificare il possesso dei requisiti di legge. L'Istituto di previdenza guidato da Tito Boeri nei fatti ha confermato le indiscrezioni dei sindacati.

Pensioni, Ape Sociale: respinte 70% domande all'Inps. RIFORMA PENSIONI NOTIZIE - i dati ufficiali sulle pensioni anticipate

I dati ufficiali sulle domande di pensione anticipata respinte dall'Inpas? Le domande rifiutate sono 44.306 su un totale di 66 mila: 25.895 per l'Ape sociale (65%) e 18.411 da lavoratori precoci (70%). Il ministero del Lavoro precisa che questi numeri si riferiscono "all'esame effettuato dall'Inps prima delle nuove indicazioni", fornite il 13 ottobre scorso dallo stesso ministero.

Pensioni, Ape Sociale: respinte 70% domande all'Inps. RIFORMA PENSIONI NOTIZIE - riesame Inps su domande respinte

L'Inps sarà richiamato a un riesame delle domande sin qui respinte.  E il ministero ne "valuterà i risultati, verificandone la coerenza" con le nuove disposizioni. Secondo quanto riferito dal direttore generale dell'Inps in audizione alla Camera Gabriella Di Michele, consentiranno di accogliere solo un numero "esiguo" di domande su Ape Sociale e precoci prima rigettate.

Pensioni, Ape Sociale: respinte 70% domande all'Inps. RIFORMA PENSIONI NOTIZIE - i lavoratori disoccupati

Il tema caldo è sui lavoratori disoccupati.  I sindacati denunciano tanti casi di lavoratori rimasti senza lavoro e ai quali è stata rifiutata l'Ape sociale, perché al termine del periodo di Naspi (sussidio di disoccupazione), avevano accettato lavoretti di brevissimo periodo, talvolta poche ore retribuite con voucher, perdendo così - secondo l'Inps - lo status di disoccupati. Il ministero fa sapere che il periodo di inoccupazione può essere interrotto dopo la fine della Naspi purché non siano superati i sei mesi di lavoro. Circa 2.100 domande, respinte per questo motivo, saranno accolte. Come pure 200 casi in cui i lavoratori sono stati occupati tramite voucher. Ma altre 4 mila non saranno accolte dall'Inps, perché il periodo di occupazione ha superato i sei mesi.

Pensioni, Ape Sociale: respinte 70% domande all'Inps. RIFORMA PENSIONI NOTIZIE - seconda finestra per Ape Sociale

Seconda finestra per le domande.  Chi possiede i requisiti può ancora fare domanda per l'Ape sociale entro il 30 novembre. E' la seconda finestra di opportunità (la prima è scaduta a luglio). Se la domanda sarà accolta, l'anticipo pensionistico avrà decorrenza retroattiva dal primo maggio 2017.

PENSIONI: INCA CGIL, PURTROPPO CONFERMATE NOSTRE PREVISIONI SU APE SOCIALE

"Purtroppo, le previsioni di Inca Cgil sulle tante, troppe domande respinte di Ape sociale si sono avverate. I dati comunicati dal direttore generale di Inps, Gabriella Di Michele, alla commissione Lavoro della Camera, confermano quanto era stato preannunciato nel dossier del Patronato della Cgil il 12 ottobre scorso". E' quanto si legge in 'Esperienze', il periodico del patronato Inca Cgil. "Il 70% delle domande respinte dicono sostanzialmente che -osserva Morena Piccinini, presidente Inca- ci sono problemi sostanziali di interpretazioni delle norme, che vanno risolti. L'auspicio è che gli ulteriori chiarimenti, non ancora noti, ma comunque forniti ad Inps dal ministero del Lavoro soltanto dopo la denuncia di Inca, vadano nella direzione di un allargamento della platea dei beneficiari. Quanto alle risorse già stanziate per una platea previsionale di circa 60 mila domande, e che inevitabilmente resteranno inutilizzate -aggiunge- pretendiamo che vengono ugualmente spese per consentire a tanti disoccupati, invalidi e precoci di essere riammessi, come è giusto che sia". Per la presidente dell'Inca, quanto sta succedendo sull'applicazione dell'Ape sociale resta "inaccettabile e non cancella le responsabilità sui ritardi con cui Inps e ministero del Lavoro stanno cercando di porvi rimedio, ammesso che le nuove disposizioni ministeriali siano effettivamente estensive e non invece rivolte a togliere da una imbarazzante quanto davvero poco comprensibile posizione in cui si è ficcata Inps".

Pensioni, Ape Sociale. Inca-Cgil: "Purtroppo confermate nostre previsioni" - Il riesame delle domande di pensione anticipate respinte

"Il riesame delle domande respinte, promesso dall'Istituto previdenziale -afferma ancora Piccinini- deve essere fatto applicando correttamente la normativa e non con arbitrarie interpretazioni, che rischiano di vanificare lo spirito della legge istitutiva dell'indennità Ape sociale e, soprattutto, ad azzerare le già magre aspettative di numerosi lavoratori, che versano in precarie condizioni occupazionali, ultrasessantatreenni, ai quali va riconosciuto il sacrosanto diritto di poter anticipare il pensionamento di 3 anni". Per Inca, insomma, "sull'Ape sociale si è già perso molto tempo". "Si doveva partire il 1° maggio, ma il decreto applicativo - ricorda - è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale soltanto il 17 giugno, con oltre un mese e mezzo di ritardo, senza però modificare la data di scadenza per la presentazione delle domande, che è rimasta confermata al 15 luglio". "A disposizione degli Istituti abilitati nell'inoltro delle richieste, sono rimasti poco più di venti giorni lavorativi effettivi (escludendo i fine settimana) per svolgere l'attività di tutela individuale; dDa allora, gli uffici territoriali del Patronato - ricordano all'Inca - sono stati presi letteralmente d'assalto e hanno dovuto fronteggiare gli inevitabili stop end go delle procedure informatiche, che pure erano state predisposte da Inps, a suo dire, molto tempo prima".

PENSIONI: INCA CGIL, PURTROPPO CONFERMATE NOSTRE PREVISIONI SU APE SOCIALE - i ritardi sull'Ape Sociale per i pensionati

"Anche considerando come attenuante la pausa estiva, si è arrivati a settembre -spiega ancora il Patronato- quando oramai gli errori interpretativi delle norme cominciavano a produrre un numero significativo 'sospetto' di domande respinte. Ciononostante, soltanto il 9 ottobre, cioè tre giorni prima della pubblicazione del dossier di Inca e sei giorni prima della scadenza del 15 ottobre, l'Inps si è attivata presso il ministero del lavoro per chiedere chiarimenti interpretativi. Risultato: l'applicazione dell'Ape sociale, che pure doveva partire il 1° maggio, ha accumulato quasi 6 mesi di ritardo; ancor di più ne ha già maturati l'Ape volontario, il cui decreto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale soltanto il 17 ottobre scorso. Anche questo provvedimento non può dirsi completamente fruibile perché mancano ancora le convenzioni con le associazioni bancarie e assicurative". Insomma, dalla legge di bilancio 2016, si legge ancora nella nota, "che ha introdotto l'indennità Ape sociale e l'anticipo finanziario a garanzia pensionistica (Ape volontario), è trascorso quasi un anno senza che queste misure siano state rese effettivamente operative, bruciando quasi la metà del tempo della sperimentazione di tali strumenti (fino al 2018), prevista nei rispettivi decreti attuativi". "Tutto questo si sta consumando -osserva ancora Piccinini- mentre il Consiglio dei ministri approva una manovra finanziaria respingendo la richiesta di Cgil, Cisl e Uil di rimodulare l'innalzamento automatico dell'età di pensionamento, che invece consentirebbe di restituire qualche elemento di flessibilità di uscita dal lavoro favorendo, anche per questa strada, l'occupazione stabile dei giovani".

PENSIONI - "NO INPS A 70% DOMANDE APE SOCIALE SBAGLIATO E INGIUSTO": FILCA. RIFORMA PENSIONI NOTIZIE

"Ingiusta, sbagliata e inaccettabil". Il segretario nazionale della Filca-Cisl Stefano Macale bolla così la decisione dell'Inps di respingere quasi il 70% delle domande di Ape sociale ricevute entro il 15 luglio. "Molti di quei richiedenti - spiega Macale - sono lavoratori edili che hanno passato una vita nei cantieri, un lavoro durissimo e faticoso. Alimentare le loro speranze e aspettative, per poi utilizzare meri cavilli, come i codici Ateco delle aziende di appartenenza, per negare loro di andare in pensione è quanto di più deprecabile e odioso. Il comportamento dell'Inps - continua Macale - è a dir poco vergognoso, e sapere che con i ricorsi una parte di quelle domande respinte sarà accolta non cambia lo stato delle cose. Non è la prima volta che l'Inps, per mere questioni di cassa, interpreta in modo restrittivo gli accordi, a volte andando anche contro la legge". "Bisogna subito fare chiarezze su queste rigidità imposte dall'Inps e dare seguito alla riforma delle PENSIONI introdotta dal governo, che prevede misure importanti come l'Ape sociale, per le quali ci siamo battuti e sulle quali non intendiamo arretrare di un centimetro, anzi. A questo punto - prosegue il segretario nazionale della Filca - chiediamo un intervento netto e risolutivo del ministro Poletti, che anche in questo caso non saprà sottrarsi alle proprie responsabilità e saprà trovare la soluzione a questo pasticcio all'italiana. Anche perché nel frattempo nei cantieri si continua a morire, e oltre il 22% delle vittime è ultra sessantenne", conclude Macale.

Pensioni, Ape Sociale e precoci, mole domande rigettate scandalosa. PENSIONI NOTIZIE

"Il fatto che l'Inps abbia rigettato il 70 per cento delle domande relative alla cosiddetta 'Ape sociale' e all’anticipo della pensione nel caso di lavoro precoce è scandaloso".Lo dichiara il responsabile dell’ufficio questioni previdenziali dell’Ugl, Nazzareno Mollicone, aggiungendo che "i limiti per accedere al trattamento pensionistico anticipato sono già gravosi per l’elevato numero di anni di contributi richiesti e per i rigidi requisiti previsti; a tutto ciò non vorremmo che si aggiungessero comportamenti pretestuosi, magari dovuti ad esigenze di bilancio, perché è strano che venga respinta una così grande mole di domande, generalmente presentate dai Patronati che sono appositamente formati per queste prestazioni"."Sollecitiamo ancora una volta l’Inps - prosegue il sindacalista - a dar immediato seguito alle domande pervenute, e a fare chiarezza sul proprio operato". "Ancora una volta - conclude - si dimostra il disinteresse del Governo nei confronti delle problematiche sociali, delle richieste che avanzano i sindacati e delle legittime aspettative dei lavoratori".

Tags:
pensionifiroma pensioniape socialeprecociape sociale pensioniape sociale riforma pensioniriforma pensioni ape socialpensioi ape socialedomanda ape socialeape sociale domandepensioni notizieriforma pensioni notiziepensioni newsriforma pensioni news
in vetrina
GRANDE FRATELLO 2019, FRANCESCA DE ANRE' E GENNARO: LITE. Gf 2019 news

GRANDE FRATELLO 2019, FRANCESCA DE ANRE' E GENNARO: LITE. Gf 2019 news

i più visti
in evidenza
Prada, addio a pellicce animali Via dalle passerelle dal 2020

Costume

Prada, addio a pellicce animali
Via dalle passerelle dal 2020


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Jeep Wrangler è "4x4 de l’Année 2019"

Jeep Wrangler è "4x4 de l’Année 2019"


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.