A- A+
Sport
Milan? "Top sponsor nel capitale come il Bayern”: parla Giovanni Capuano
(foto Lapresse)

Milan? “I Top sponsor nel capitale come il Bayern Monaco”: parla Giovanni Capuano

Un nuovo modello di business per il Milan? Se ne parlerà lunedì 2 dicembre nella tavola rotonda 'Ac Milan un nuovo business model per i primary stakeholders' moderata dal direttore di Affaritaliani.it Angelo Maria Perrino.

 

milan perrino capuano
 

“L’idea nasce da uno studio che abbiamo effettuato sulla composizione delle principali voci di ricavo del bilancio del Milan. E ci siamo resi conto che il club rossonero, ma anche le maggior parte delle società calcistiche italiane, sta vivendo in questa fase quello che ha passato il Bayern Monaco qualche tempo fa: era top club in Germania, aveva toccato il massimo dei ricavi raggiungibili con le sponsorizzazioni, prendeva il massimo dai diritti televisivi. Però non riusciva a competere con le grandi squadre inglesi e spagnole. Questo perché gli introiti dai diritti tv in Germania erano più bassi rispetto a quelli di Liga e Premier League e i top sponsor erano già tutti alla corte del Bayern Monaco”, spiega ad Affari Giovanni Capuano, Managing Partner di A&A Italia – Auditing and Accountability.

affari italiani
 

Quindi cosa accadde?
“Decisero di cambiare l’assetto manageriale della società aprendo la partecipazione per il 25% ai top sponsor – Adidas, Audi e Allianz – facendoli entrare nel capitale sociale e creando un’associazione che raggruppa tutti gli azionisti suddivisi in 3 categorie. Ossia i Top, i Gold Silver e gli abbonati ordinari”

Il risultato qual è stato?
“Una fidelizzazione degli sponsor, con una prospettiva di lungo periodo di introiti e ricavi. Permettendo al Bayern di colmare quel gap con le squadre spagnole e inglesi. Garantendosi maggiori ricavi e facendo partecipare soprattutto i principali sponsor alla gestione della vita societaria”

Il Milan oggi…
“E’ nella stessa situazione: difficoltà sportiva ed economica. Intraprendere questo percorso  permetterebbe alla società di creare maggiore appeal degli sponsor alla partecipazione nella gestione pura dell’aspetto societario. E la partecipazione nel capitale sociale permetterebbe di avere forze economiche disponibili fresche. Con la ristrutturazione economica, sportiva e commerciale del club. Aiutando a superare quel gap che oggi il Milan ha sia in Italia che in Europa. Ovviamente…”

Ovviamente?
“Tutto passa da un ritorno almeno decente e decoroso ai risultati sportivi. E aiuterebbe sicuramente Elliott ad avere una maggiore forza sul mercato per la contrattazione della propria posizione da socio di maggioranza”

Secondo lei questo modello è realizzabile anche nel sistema Italia, nel sistema calcio Italia e nel sistema economico italiano?
“Secondo il mio punto di vista e quello del collega Enrico Gelmetti (che parteciperà alla tavola rotonda di lunedì 2 dicembre, ndr) sicuramente sì. Ovviamente con le dovute comparazioni del diritto societario e degli adempimenti fiscali che differenziano l’Italia dalla Germania. Anzi, sarebbe interessante se l’applicazione di questo modello vedesse protagoniste non solo le principali società che hanno un brand riconoscibile, ma anche quelle più piccole. Immagini una società media di serie A che si apre alla partecipazione nel capitale sociale di uno sponsor regionale o locale, che si vede coinvolto nella gestione delle sponsorizzazioni e delle strategie commerciali della società. Ha un appeal maggiore di una sponsorizzazione tout court del tipo ‘Ti do 12 milioni di euro, baci e abbracci’...”

In quest’ottica il discorso stadio nuovo come lo inquadra?
“Come lo hanno inquadrato al Bayern Monaco. La costruzione e la ristrutturazione dell’Allianz Arena ha visto la partecipazione diretta di un top sponsor come Allianz nella gestione dei Naming Rights dello stadio. Quindi, importante la strategia che Milan e Inter vorranno portare avanti con il Comune - che dovrà tutelare il pubblico interesse - ma importante è lo sviluppo commerciale che un top sponsor che partecipa al capitale sociale può intravedere nella costruzione di uno stadio. Per fare un esempio concreto, il Milan ha Fly Emirates come sponsor: si immagini se venisse direttamente coinvolto nel capitale sociale del Milan. Come è stato per Allianz o per Adidas da parte del Bayern. E in più se vedesse la prospettiva di dare il proprio nome allo stadio. Si svilupperebbe una strategia comune con il coinvolgimento nel capitale sociale anche nella costruzione e nella gestione dello stadio”

Negli anni passati, prima dell’ingresso di Elliott, si era parlato della possibilità di quotare il Milan in Borsa. Come vedrebbe questo scenario?
“Ovviamente cozza con questo modello qui. Il nostro è un modello che guarda alla base, mentre nella quotazione si guarda agli investitori istituzionali non direttamente coinvolti. Qui parliamo di un modello di business che coinvolge direttamente gli stakeholder. Io poi ho una mia personale convinzione, ossia che prima o poi il fenomeno delle quotazioni sportive in Borsa alla lunga non dia i benefici oggettivi alle società”

Loading...
Commenti
    Tags:
    milan bayern monacobayern monaco milanmilan elliottelliott milan
    Loading...
    in evidenza
    CAST, c'è la sensuale Paola Nove nomi per la Casa. Gallery

    GRANDE FRATELLO VIP NEWS

    CAST, c'è la sensuale Paola
    Nove nomi per la Casa. Gallery

    i più visti
    in vetrina
    Inter fuori dalla Champions League: i social in tackle su Conte e i nerazzurri

    Inter fuori dalla Champions League: i social in tackle su Conte e i nerazzurri


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La “Coscienza” di ACI per la Cultura della Guida #GUIDACONCOSCIENZA

    La “Coscienza” di ACI per la Cultura della Guida #GUIDACONCOSCIENZA


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.