A- A+
Sport
Olimpiadi 2016, Lupo-Nicolai argento beach volley. Bolt re dei 200

Lupo e Nicolai vincono la medaglia d'argento nel beach volley a Rio 2016



Italia del beach volley ko col Brasile, è argento - Niente da fare per gli azzurri del beach volley. Nella finale disputata a Copacabana sotto la pioggia e valida per l'oro, Paolo Nicolai e Daniele Lupo sono stati battuti dai brasiliani Alison Cerutti e Bruno Oscar Schmidt con il punteggio di 2-0 con i seguenti parziali: 21-19 in 22', 21-17 in 22' per un totale di 44' di gioco complessivi. Si tratta del decimo argento per i colori azzurri a questi Giochi.

Beach volley. Gli azzurri "dato tutto, riproveremo a Tokyo" - Qualche rimpianto ma tanta gioia. Paolo Nicolai e Daniele Lupo non sono riusciti a ribaltare il pronostico della finale olimpica contro la forte coppia brasiliana formata da Alison e Bruno Schmidt, pero' festeggiano un argento storico per il beach volley italiano. "Finche' non mi hanno messo al collo la medaglia non ci credevo - ha ammesso con un sorriso Nicolai - Abbiamo dato tutto, lottato il piu' possibile e fatto quanto potevamo. Non siamo perfetti, abbiamo commesso degli errori e in alcuni momenti avremmo dovuto sfruttare meglio le occasioni, ma loro sono la coppia piu' forte al mondo e stasera l'hanno dimostrato ancora una volta. Quanto ha inciso la torcida? Ci aspettavamo peggio, sono stati molto corretti: e' bello giocare in una situazione del genere." Il rimpianto principale per la coppia azzurra e' il pallone schiacciato out proprio da Nicolai sul 19-19 del primo set, un'occasione che avrebbe potuto cambiare l'esito del parziale e della partita intera: "Come l'ho presa? L'ho accettato - ha spiegato l'abruzzese - Sarebbe presuntuoso da parte mia non pensare di poter fare un errore. Ovviamente quella palla potevo metterla dentro e poi chissa' come sarebbe andata la partita. Ma sono umano e abbastanza umile da capire di poter sbagliare". "Era una palla decisiva - ha aggiunto Lupo - ed e' un peccato non averla sfruttata. Ma i brasiliani hanno giocato meglio oggi e io forse ho sbagliato un po' troppo. Per questo sono contento cosi': speriamo si siano divertiti anche i miei familiari guardando la partita in tv". Adesso per gli azzurri e' il momento di festeggiare l'argento e guardare avanti: "In fondo il nostro obiettivo era una medaglia - ha riconosciuto Nicolai - Non avevamo mai pensato al colore. Il futuro? Proviamo a goderci questo argento, domani ci penseremo". Lupo, pero', ha gia' pronta una promessa: "Non aver vinto e' un peccato, a Tokyo ci riproveremo". La sfida e' gia' lanciata.

Bolt domina i 200 metri, seconda medaglia d'oro alle Olimpiadi di Rio

 

Rio 2016: atletica, Bolt come Ali' "sono il piu' grande" - "Non devo dimostrare nient'altro, cos'altro potrei fare per dimostrare al mondo di essere il piu' grande?". Usain Bolt mostra i muscoli dopo la doppia tripletta d'oro ai Giochi Olimpici in 100 e 200 metri. Il giamaicano, che potrebbe addirittura centrare la tripla tripla se riuscisse a vincere anche la 4X100 come a Pechino e Londra, non esita a paragonarsi ad altre leggende dello sport. "Sto provando a essere uno dei piu' grandi, come Muhammad Ali' e Pele' - aggiunge - Spero dopo questi Giochi di essere assieme a loro". Poi una battuta sulla gara: "Sul rettilineo il mio corpo non rispondeva, sto diventando vecchio". In attesa della staffetta, guardando agli otto ori conquistati, Bolt non sa sceglierne uno in particolare, "sono tutti speciali anche se i 200 sono la mia gara preferita". Poi, come gia' lasciato intendere dopo i 100, conferma che a Tokyo non ci sara': "Penso che questa sia la mia ultima Olimpiade". Usain Bolt ha vinto i 200 in 19"78. Il canadese De Grasse e il francese Lemaitre hanno conquistato argento e bronzo (20”02 e 20”12).

Taekwondo, oro Abughaush, 1* storica medaglia Giordania - Ahmad Abughaush regala alla Giordania la sua prima medaglia nella storia dei Giochi Olimpici ed e' d'oro. Abughaush e' infatti il nuovo campione olimpico di taekwondo per la categoria 68 kg dopo aver battuto in finale il russo Alexey Denisenko. La Giordania aveva conquistato due bronzi, sempre nel taekwondo, a Seul '88 ma all'epoca si trattava di uno sport dimostrativo. A completare il podio lo spagnolo Joel Gonzalez Bonilla (4-3 sul venezuelano Edgar Contreras) e il coreano Lee Daehoon (11-4 sul belga Joauad Achab). La britannica Jade Jones si conferma invece campionessa olimpica per la categoria -57 kg. Dopo l'oro di Londra domina (16-7) la finale contro la spagnola Eva Calvo Gomez, argento anche ai Mondiali dello scorso anno. Medaglie di bronzo per l'egiziana Hedaya Wahba e l'iraniana Kimia Alizadeh Zenoorin, rispettivamente vittoriose sulla belga Raheleh Asemani e sulla svedese Nikita Glasnovic.

Rio 2016: giavellotto donne, titolo olimpico alla croata Kolak - Con il nuovo record nazionale (66,18), la croata Sara Kolak ha vinto la medaglia d'oro nella finale del lancio del giavellotto femminile ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. Argento per la sudafricana Sunette Viljoen (64,92), bronzo per la ceca Barbora Spotakova (64,80)

Rio 2016: atletica. 400 hs donne, oro per l'americana Muhammad - Dalilah Muhammad rispetta il pronostico e si aggiudica la medaglia d'oro nella finale dei 400 ostacoli femminili ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. La 26enne statunitense, con il crono di 53"13, ha preceduto la danese Sara Slott Petersen, argento con il nuovo primato nazionale (53"55), e la sua connazionale Ashley Spencer (53"72), bronzo.

Rio 2016: atletica. 800 donne, Santiusti eliminata in semifinale - Yusneysi Santiusti si ferma in semifinale nella gara degli 800 metri femminili ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. La 31enne italo-cubana ha chiuso al settimo posto la prima delle tre batterie con il crono di 2'00"80. "Di solito alla fine riesco ad avere la volata, oggi l'ho avuta un po' ma non ero brillante - ha ammesso a Raisport l'azzurra - Magari ho sbagliato all'inizio di gara, dovevo portarmi piu' avanti. Ero venuta qui per fare il mio personale ma non ero lucida". Miglior crono d'accesso alla finale per la sudafricana Caster Semenya

Pallanuoto: Settebello ko con Serbia, niente finalissima - Niente finalissima per la medaglia d'oro per il Settebello: gli azzurri sono stati sconfitti in semifinale dalla Serbia per 10-8 e sabato affronteranno per la medaglia di bronzo il Montenegro, a sua volta sconfitto dalla Croazia. E' stato un inizio fulminante quello dei serbi: 3-0 per la squadra di Savic al termine del primo tempo con le marcature firmate Prlainovic, Nikic e Puetlovic. E nel secondo parziale altre tre reti serbe, con Filipovic, Mitrovic e Prlainovic. Gli azzurri vanno a segno solo a 1'52 dall'intervallo lungo, grazie a Gallo e Velotto. Nel terzo tempo entra Del Lungo per Tempesti in porta, ma intanto Nikic porta a 7 le reti serbe. L'ultimo quarto di gara vede Presciutti a rete, ma replicano Filipovic e Jaksoc. Arriva la doppietta di Velotto, poi Figlioli accorcia ancora, ma ecco Mandic portare i suoi sul 10 a 5. Presciutti a segno, quindi Gallo con altre due reti, ma la partita e' segnata, il risultato e' a favore della Serbia. Per gli azzurri ora il Montenegro, che ha gia' battuto nella fase a gironi.

Tags:
olimpiadi 2016olimpiadi riolupo nicolailupo nicolai olimpiadiboltusain boltbolt 200 metri
Loading...
in vetrina
Taylor Mega gioca a calcio senza vestiti: lato B in primo piano. VIDEO

Taylor Mega gioca a calcio senza vestiti: lato B in primo piano. VIDEO

i più visti
in evidenza
Victoria’s Secret, show annullato Niente sfilata di Angeli per Natale

Costume

Victoria’s Secret, show annullato
Niente sfilata di Angeli per Natale


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Skoda. Ecco Kamiq, il City Suv camaleontico per giovani e famiglie

Skoda. Ecco Kamiq, il City Suv camaleontico per giovani e famiglie


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.