A- A+
Home
Telemarketing selvaggio, si salvi chi può

Che siate a cena, in una riunione di lavoro, o in vacanza, difficilmente scamperete all'assalto dei call center che vi perseguitano per offrirvi l'ultima promozione speciale, che ultima sarà solo fino a quella successiva.

Anche se un tempo la telefonata che ci informava periodicamente sulle offerte più convenienti era tutto sommato gradita, negli ultimi anni il telemarketing é diventato sempre più aggressivo, mettendo a dura prova anche la pazienza dei più educati.

Neanche l'iscrizione al Registro delle Opposizioni per non ricevere più telefonate commerciali si é rivelato uno strumento del tutto efficace, perché tutela solo i numeri presenti negli elenchi pubblici, mentre quelli maggiormente presi di mira dai call center sono invece i cellulari, ai quali pervengono le chiamate più fastidiose.

Per difendersi dal marketing selvaggio, negli USA sono stati messi in commercio dei software fatti apposta per stufare i call center, che alle chiamate provenienti da numeri "sospetti", rispondono automaticamente intrattenendo i telefonisti con domande preregistrate del tipo "come ha fatto ad avere il mio numero?", "mi può spiegare meglio?", o "può ripetere per favore?"

Che le dimensioni del problema siano enormi, lo dimostra il database di oltre 12 milioni di persone scoperto dal Garante della Privacy, che un'azienda aveva formato mediante un sistema di "pesca a strascico" che scandagliava ogni angolo di internet per trovare numeri di telefono fissi e cellulari, naturalmente senza alcun consenso dei diretti interessati.

Anche se l'Authority sta valutando pesanti provvedimenti per sanzionare le violazioni del Codice della Privacy commesse da quella società, non é che l'ennesimo caso di utilizzo massivo di dati personali raccolti illecitamente per bersagliare i cittadini di telefonate, spesso più volte nell'arco di pochi giorni per proporre la stesa offerta.

Poiché questo telemarketing somiglia ormai ad una sorta di stalking su commissione, e le stime attestano che solo il 3% delle telefonate producono clienti, (ormai perlopiù anziani indifesi), i call center affiliati ad Assocontact (Confindustria Digitale) hanno stilato un proprio codice etico che dovrà essere ratificato alla prossima assemblea annuale dell'associazione. Staremo a vedere se arriverà un po' di sollievo per gli abbonati, nel frattempo si salvi chi può.

Nicola Bernardi, presidente di Federprivacy - @Nicola_Bernardi 

 

Tags:
telemarketingprivacycall centergarante privacy

in vetrina
The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

The Cal 2019: the presentation of Pirelli Calendar 2019 will be held in Milan

i più visti
in evidenza
"Dogman" candidato dell'Italia Garrone in corsa per l'Oscar 2019

Spettacoli

"Dogman" candidato dell'Italia
Garrone in corsa per l'Oscar 2019

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova Maserati Ghibli Ribelle, in edizione limitata

Nuova Maserati Ghibli Ribelle, in edizione limitata

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Coffee Break

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.