A- A+
Viaggi
Cinema e viaggi: quando il film si trasforma in vacanza

di Martina Fragale

Cinema e viaggi: una liaison che data più di mezzo secolo e che si colloca ai confini tra realtà e sogno a occhi aperti, là dove il viaggio immaginario si trasforma in esperienza reale. Il fenomeno non è affatto “di nicchia”: sono molti infatti i turisti che scelgono la propria meta facendosi guidare dalle suggestioni del Grande Schermo. E visto che oggi tutto fa brodo – anzi, fa business – non stupisce constatare come spesso cinema e turismo viaggino di pari passo, alimentando un meccanismo osmotico in cui è difficile capire chi influenzi cosa. Ciò che è certo, è che il Cineturismo rappresenta oggi una realtà di fatto, che in Italia vanta anche una rassegna ad hoc: l’ “Ischia Film Festival”, che alla Bit di Milano ha annunciato la sua tredicesima edizione, dal 27 giugno al 4 luglio.

Nonostante il termine sia stato sfornato solo dieci anni fa, nella sostanza il Cineturismo nacque negli anni ‘40, quando negli Usa iniziarono a spuntare come funghi le prime Film Commission: ingranaggi di base di una vera e propria macchina da guerra. Di che si tratta? Di filtri, che regolano il rapporto tra cinema e territorio, in modo da promuovere attraverso il film la valorizzazione del territorio stesso. Di fatto, le Film Commission offrono incentivi di tipo tecnico e logistico, aiutano i registi a orientarsi nel ginepraio amministrativo locale e a volte foraggiano la produzione con consistenti contributi a fondo perduto, concessi a patto che il territorio benefici di un ritorno superiore all’investimento iniziale. 

ScoziaLA SICUREZZA DEL TURISMO - Secondo i dati del 2013, il turismo contribuisce all'economia scozzese in una misura pari a quasi il 5%, generando 10 miliardi di sterline di attivita' economica, compreso l'indotto. L'anno scorso i turisti hanno speso nel Paese 9 miliardi di sterline. Gli occupati nel settore sono invece 181.500, il 7% degli occupati totali.Guarda la gallery

Il meccanismo funziona e spesso e volentieri, il gioco vale la candela. Nel 2006 “Il Codice Da Vinci” ha regalato al Louvre 1 milione di visitatori in più, nel 2003 il “Signore degli Anelli” ha moltiplicato il flusso turistico della Nuova Zelanda per un fatturato di 24 milioni di dollari neozelandesi e otto anni prima, “Braveheart” aveva fruttato alla Scozia un incremento dei flussi turistici del 300%. In questa prospettiva, non stupisce che Woody Allen – accanto a capolavori collaudati – spesso produca film di dubbia qualità cinematografica, che però funzionano benissimo come surrogato della “Lonely Planet”: basti pensare a “Vicky Cristina Barcellona”, “To Rome with Love” o “Midnight in Paris”.

Al di là delle cifre, comunque, l’aspetto più interessante è quello motivazionale e si risolve tutto in una domanda: cosa spinge il turista a recarsi sui luoghi del cinema, trasformando il viaggio immaginario in viaggio reale? A rispondere, ci ha pensato l’Università Cattolica di Milano con uno studio (a cura di Roberto Nelli, Furio Reggente e Roberta Tedesco) che indaga il fenomeno del Cineturismo da un punto di vista psicologico. In questo senso, il film funziona come motore del circuito turistico quando riesce a innescare nel fruitore i meccanismi di identificazione e proiezione: quando, cioè, possiede quel certo non so che in grado di indurre il soggetto a trasformare il viaggio virtuale in vacanza. In base ai dati, sembra che il meccanismo funzioni soprattutto con un tipo psicologico delineato dallo studio come “turista ludico e sognatore”: giovane – l’età media è al di sotto dei 35 – e dotato di un buon livello di istruzione. Animale tutt’altro che raro, anzi, in potenziale espansione, il “turista ludico e sognatore” rappresenta la percentuale maggioritaria dei soggetti analizzati dallo studio ed esemplifica alcune caratteristiche tipiche del turista moderno: in primis il profilo emozionale e la tendenza a farsi attrarre “da ciò che la località promette e permette di far vivere, più che da elementi concreti e tangibili”.

Certo, sarebbe interessante studiare anche le reazioni a posteriori: se, cioè, il viaggio reale tenda a deludere o a rispondere alle aspettative del viaggio immaginario. Ma questa è un’altra storia, in cui le capacità di marketing del territorio giocano un ruolo  determinante. In questo senso, la palma d’oro andrebbe a Brescello, il paese di Don Camillo e Peppone: meta, dagli anni ’50, di veri e propri pellegrinaggi. Non a caso, nel non lontano ‘97, l’Emilia-Romagna si sarebbe classificata all’avanguardia nel panorama un po’retro’del Bel Paese, sfornando la prima Film Commission made in Italy. 

Tags:
cinema-viaggi-turismo-film
in vetrina
Temptation Island Vip 2, una coppia abbandona. Temptation Island Vip 2019 News

Temptation Island Vip 2, una coppia abbandona. Temptation Island Vip 2019 News

i più visti
in evidenza
Cr7 piange in tv per il padre "Non ha visto chi sono diventato"

Guarda il video dell'intervista

Cr7 piange in tv per il padre
"Non ha visto chi sono diventato"


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Michael Lohscheller, CEO di Opel, riceve il premio “Eurostar 2019”

Michael Lohscheller, CEO di Opel, riceve il premio “Eurostar 2019”


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.