A- A+
Viaggi
Scoprire il Montefeltro d’inverno, tra arte e itinerari inediti

Di Chiara Giacobelli

Fu terra di grandi eroi, di un ricco passato, di battaglie, conquiste, congiure e sofferti giorni di prigionia dentro oscure segrete, come accadde a Cagliostro. Il Montefeltro è una zona d’Italia tra le più belle e affascinanti da visitare in tutte le stagioni, un po’ per quel sentore antico denso di fatti e misteri ancora vibranti nell’aria, un po’ per la bellezza incontaminata dei paesaggi, spesso caratterizzati da speroni di roccia tra cui il più celebre è senza dubbio San Leo. Eppure, la terra che si divide a metà tra l’Emilia Romagna e le Marche non è soltanto questo. Per saperne di più e per accendere la vostra curiosità su un luogo del nostro Paese che meriterebbe di essere da tutti conosciuto e amato, abbiamo intervistato chi se ne occupa con totale passione e dedizione ormai da tanto tempo, potendone quindi parlare quasi fosse un amico, un amante, oltre ad una continua fonte di studi e ricerche. Davide Barbadoro è un Landscape Promoter che, attraverso la sua attività, non a caso denominata Divagando, ha portato alla luce buona parte dell’inedito che il Montefeltro abbia da offrire, grazie anche alla collaborazione con due studiose di alto livello: Rosetta Borchia e Olivia Nesci. Lasciamo dunque a voi il piacere di leggere qualcosa che di certo ancora non sapete sull’argomento in questione e che, con tutta probabilità, vi farà venir voglia di partire per un’escursione insolita e intrigante.

 

Partiamo dall’inizio: chi è Davide Barbadoro?
“Sono un professionista che negli ultimi diciotto anni si è dato parecchio da fare nelle Marche e in Emilia Romagna: mi occupo prevalentemente di promozione del territorio, proposte turistico-culturali e organizzazione di eventi, collaborando con enti pubblici a tutti i livelli, dalle università e le scuole in cui tengo costantemente seminari, fino alle consulente per agenzie di viaggi e tour operator. I nostri, però, sono itinerari un po’ speciali, differenti… da sognatori con i piedi per terra”.

Ce li spiega in poche parole?
“Il progetto principale prende il nome di Montefeltro Vedute Rinascimentali: da secoli gli storici dell’arte cercano di collocare geograficamente i paesaggi che ispirarono pittori come Piero della Francesca, Raffaello, Leonardo da Vinci e altri. Se in molti sono arrivati alla conclusione che si tratti di posti immaginari, due Cacciatrici di Paesaggi, Rosetta Borchia e Olivia Nesci, nel 2007 li hanno invece ritrovati in spazi reali nascosti lungo le colline del Montefeltro. Così, tra i picchi e le rupi calcaree della Valmarecchia, tra le dolci sinuosità della valle del Metauro, si sono materializzati all’improvviso i più grandi capolavori del Rinascimento italiano. Ne consegue che oggi il Montefeltro è diventato un immenso patrimonio culturale, tanto che visitarlo è un po’ come entrare dentro un’opera d’arte, ma a cielo aperto. Un elemento fondamentale dell’intera operazione è inoltre rappresentato dalla ricca rete di strade che attraversano il Paesaggio d’Arte: possiamo godere di scorci impareggiabili percorrendole a piedi, in auto, in fuoristrada, a cavallo, in mountain bike ecc”.

Che cosa dovrebbe fare, allora, un turista che volesse scoprire questo Montefeltro inedito?
“È semplice poter sperimentare la magia dei cosiddetti Balconi Rinascimentali, i quali si affacciano proprio sui paesaggi che hanno influenzato Piero della Francesca ed altri artisti. Attualmente abbiamo infatti allestito sette speciali belvedere nei comuni di Sant’Agata Feltria, Urbania, Montecopiolo, San Leo e Peglio. Ad essi si aggiunge una segnaletica stradale capace di condurre fino ai balconi entro un’area di circa 50 chilometri, oltre alla possibilità di scaricare delle App appositamente dedicate”.

E per chi abbia voglia di approfondire?
“Sono state realizzate anche numerose proposte turistiche con diversa durata e comprensorio territoriale coinvolti (i percorsi più lunghi arrivano fino a Firenze e toccano Monterchi, Anghiari, Arezzo, San Sepolcro ecc.). Parallelamente a questa attività finalizzata ad incentivare l’incoming, si è provveduto a stringere accordi con strutture ricettive, produttori e artigiani che rappresentino nella maniera più autentica possibile l’identità del territorio. Dal 2012 ad oggi, per quanto riguarda la promozione all’estero siamo stati presenti presso gli Istituti di Cultura di Amsterdam, Londra, Sofia, Lione, Helsinki, Beirut e Cracovia, oltre ovviamente all’Expo di Milano”.

Un’ultima domanda: che cos’è per lei il viaggio?
“Mi entusiasma sorprendermi ad ogni curva, magari davanti a un panorama capace di stimolare la parte più intima del mio essere: viaggiare e andare lontano con immutato entusiasmo, mosso da una curiosità senza limiti, con la voglia di scoprire ritrovandosi al tempo stesso sereni e sazi di emozioni attraverso la condivisione con l’altro. Ogni viaggio può diventare una storia, al pari di un innamoramento. Per come lo concepisco io, allora, il viaggio dilata tutti e cinque i sensi: sentiamo, guardiamo e percepiamo in maniera più profonda, con maggiore attenzione, ritrovandoci aperti, predisposti, affamati di esperienze nuove. Esso rappresenta una sorta di sospensione del tempo, una continua ricerca dell’Altrove, nonché un’alternativa alla ripetitività del proprio mondo di riferimento. Insomma, il viaggio è vacanza, è festa e nasce da un desiderio di diversità, curiosità, indipendenza dai ritmi della vita ordinaria”.
Info: www.divagando.it; www.montefeltroveduterinascimentali.eu.
 
Alcuni itinerari insoliti messi a punto da Davide Barbadoro e dal suo staff nel Montefeltro sono riportati all’interno del libro “Forse non tutti sanno che nelle Marche…” edito da Newton Compton Editori, a cui Barbadoro ha collaborato attivamente.
 

Tags:
montefeltroarte e itinerari inediti
in vetrina
GIULIA DE LELLIS E IANNONE: IL PRIMO BACIO! Iannone-De Lellis, i gossip sulla coppia dell'estate

GIULIA DE LELLIS E IANNONE: IL PRIMO BACIO! Iannone-De Lellis, i gossip sulla coppia dell'estate

i più visti
in evidenza
Amori, tradimenti e colpi di scena Che coppie bollenti sull'Isola

Temptation Island al via

Amori, tradimenti e colpi di scena
Che coppie bollenti sull'Isola


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Citroen: 100 anni di storia ed esperienza

Citroen: 100 anni di storia ed esperienza


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.