A- A+
Controvento
Il commento/ La burocrazia non è uguale per tutti


Di Marco Volpati

Conosco un pizzaiolo che sta diventando matto: da mesi cerca di mettere in regola il suo forno a legna; ma quel che va bene alla ASL non piace al comune, e viceversa. Sta inseguendo una pila di scartoffie, timbri e bolli, con la spada di Damocle di una minaccia di chiusura. Eppure tutti sanno che quelle carte non garantiscono niente di concreto: solo ossequio a regole contraddittorie e a controllori spietati.

Non va sempre così. Prendete l’ILVA di Taranto e la Tirreno Power di Vado Ligure, dove la magistratura sta procedendo con l’ipotesi che quegli impianti abbiano provocato, negli anni, la morte di centinaia di persone avvelenate dagli scarichi nell’aria. Arriveranno prima o poi sentenze in base alla legge, e intanto i responsabili delle aziende potranno difendersi e sostenere le proprie ragioni.

Sgomenta, però, che si proceda dopo tanto tempo, quando i danni sono già avvenuti. Chissà, a Taranto e Vado può darsi che le carte e i timbri ci fossero tutti, e però le certificazioni dichiaravano il falso. Oppure non c’erano, o per lo meno non tutte; eppure non si è mai presentato alle porte un vigile a ingiungere: “o ti adegui alle mie indicazioni, o chiudi”, come capita a un pizzaiolo qualsiasi.

Cinquant’anni fa Pietro Nenni, leader dei socialisti di allora, disse che voleva cambiare uno Stato che era “forte con i deboli e debole con i forti”. Non c’è riuscito lui, ma hanno fallito anche tutti gli altri che sono venuti dopo.

Compirebbe davvero una rivoluzione un governo che riuscisse, non diciamo a ribaltare, ma almeno a correggere l’andazzo per cui potere, amicizie e comparaggi rendono indulgente la burocrazia; e non solo quella (pensiamo al credito delle banche).

Tags:
burocrazia
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.