I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Controvento
Le carte di Moro furono fatte sparire. Assolto il cronista che diede la notizia

Di Marco Volpati

Per la prima volta a 37 anni dalla tragedia di Aldo Moro, la magistratura ha stabilito con una sentenza  che le carte di Moro (manoscritti e dattiloscritti dei suoi interrogatori durante i 55 giorni del suo sequestro) sono state notevolmente “assottigliate” e fatte sparire prima che potessero essere acquisite e valutate  dai magistrati inquirenti. Avvenne durante l’operazione che smantellò il 1° ottobre 1978 in via Monte Nevoso, a Milano, il covo-archivio delle Brigate Rosse.  

La sparizione di questi documenti di rilevante importanza politica e sociale è stata sancita e messa nero su bianco pochi giorni fa dalla  Seconda sezione civile della Corte d’appello del Tribunale di Milano con una sentenza che assume un rilievo storico per comprendere fino in fondo che cosa è veramente successo anche dopo l’assassinio dello statista democristiano per mettere il silenziatore sulle sue rivelazioni durante la prigionia.

Vale la pena riportare il brano centrale della sentenza di Milano: “L’appello proposto da Agata Bonaventura non è fondato. La parte del libro che tratta del ritrovamento delle “carte di Moro” ha ad oggetto fatti realmente accaduti, dà conto di un episodio realmente accertato, consistente nell’asportazione del fascicolo dall’appartamento di via Monte Nevoso prima della numerazione dei fogli cui era composto, espone poi i ricordi, le impressioni ed i giudizi dei protagonisti della vicenda, il capitano Roberto Arlati, che vengono riportati in modo corretto, dando conto infine della diversa ricostruzione operata da Umberto Bonaventura quando ascoltato il 23.5. 2000 dalla Commissione parlamentare  d’inchiesta sul Terrorismo e le Stragi”.

Questa sentenza ha finalmente dato ragione al libro Le carte di Moro di Renzo Magosso e Roberto Arlati ma ci sono voluti 10 anni di dura competizione a base di carte bollate per dimostrare che venne scritta una vicenda vera, realmente accaduta.  Nel frattempo, sul  libro “le carte di Moro” pubblicato nel 2004 è stato messo il silenziatore  proprio a causa di una querela per diffamazione intentata dalla sorella del generale Umberto Bonaventura (scomparso nel 2003 mentre era il responsabile dell’ufficio Sisde dei carabinieri). Il volume era scomparso subito dagli scaffali delle librerie.  

Iscriviti alla newsletter
Tags:
morocartecronistarapimento
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.