Rigoletto

di Angelo de' Cherubini

A- A+
Il rigoletto
Questa non è propaganda: la libertà d'informazione che danneggia la democrazia

Questa non è propaganda:  avventure nella guerra contro la realtà

La censura è morta, viva la censura. Da quando quella del KGB costringeva Igor e Liana Pomerantsev, lui giornalista e lei documentarista, a lasciare la Russia insieme al figlio Peter, di acqua sotto i ponti ne è passata. Del KGB si parla solo nei film di spionaggio, il regime è caduto e la guerra fredda è finita: il modello democratico occidentale ha vinto a colpi di libera informazione. O forse no? La pluralità di voci che oggi si leva dai social media sembra il frutto maturo della vera democrazia: ciascuno può esprimere il proprio pensiero senza subire né censure né propaganda, descrivendo la realtà come appare agli occhi di chiunque.

La stessa esistenza di questa pluralità però cancella l’idea di una realtà univoca e valida per tutti. “Censura tramite rumore” la chiama Pomerantsev, una vera tattica comunicativa: si inondano i social di una tale quantità di fake news che anche i contenuti verificabili si riducono a una delle tante versioni possibili e perdono il loro valore di verità. Dalle Filippine alla Cina, passando per Russia, America Latina, Gran Bretagna e Finlandia, Pomerantsev intreccia la propria storia con quella delle mutazioni subite dall’informazione mostrandoci che abbondanza e mancanza di fonti possono essere la faccia della stessa propaganda, ma soprattutto che non sempre pluralità di opinioni significa democrazia.

L'Autore

Peter Pomerantsev

Nato a Kiev nel 1977, si trasferisce con la famiglia prima in Germania e poi in Inghilterra, dopo che il padre viene accusato dal KGB di diffondere letteratura antisovietica. Si laurea a Edimburgo in Letteratura inglese e tedesca e dal 2001 al 2010 torna in Russia, dove lavora come giornalista televisivo. Oggi è Visiting Senior Fellow all’Institute of Global Affairs della London School of Economics, autore e produttore televisivo. Studia la propaganda e l’informazione, ed è stato consulente sul tema della guerra dell’informazione per le commissioni Affari esteri della Casa Bianca, del Senato americano e del parlamento inglese. Scrive, fra gli altri, per Granta, il Financial Times e la London Review of Books. Il suo primo libro, Niente è vero, tutto è possibile (2018), ha vinto il Royal Society of Literature Ondaatje Prize ed è stato tradotto in più di quindici paesi.

Editore: Bompiani

Collana: Munizioni

Traduttore: Andrea Silvestri

Titolo originale: This Is Not Propaganda. Adventures in the War Against Reality

Anno edizione: 2020

In commercio da: 22 luglio 2020

EAN: 9788830102736

ISBN: 8830102733

Pagine: 318

Formato: brossura

Questa non è propaganda Pomerantsev Rigoletto
 

Questa non è propaganda, Peter Pomerantsev per Bompiani nella collana Munizioni, diretta da Roberto Saviano

LEGGI UN ESTRATTO DEL LIBRO SU AFFARITALIANI.IT:

“TELEGRAMMA!”

Uscì dall’acqua e fu arrestato sulla spiaggia: c’erano due uomini in giacca e cravatta in piedi accanto ai suoi abiti quando tornò dalla nuotata. Gli ordinarono di vestirsi rapidamente, mettendosi i pantaloni sul costume bagnato. Durante il tragitto i calzoncini da bagno ancora zuppi si restrinsero e raffreddarono, lasciando una chiazza umida sui suoi pantaloni e sul sedile posteriore. Dovette tenerli anche durante l’interrogatorio. Eccolo lì, a tentare di conservare un po’ di dignità mentre i calzoncini bagnati lo costringevano a contorcersi, colmandolo d’imbarazzo. Gli passò per la testa che l’avessero fatto di proposito. Erano molto esperti in tal genere di cose, questi uomini del kgb di medio livello: maestri delle piccole umiliazioni, dei giochetti psicologici.

[…]

Sono passati quarant’anni da quando i miei genitori furono perseguiti dal kgb per aver perseguito il semplice diritto di leggere, scrivere e ascoltare quello che preferivano e di dire quello che volevano. Oggi, il mondo cui aspiravano, dove la censura sarebbe caduta come il Muro di Berlino, può sembrare molto più vicino: viviamo in quella che gli accademici definiscono un’era di “abbondanza di informazione.” Ma i presupposti alla base delle lotte per i diritti e le libertà nel XX secolo – tra cittadini armati di verità e informazioni e i regimi con i loro censori e la loro polizia segreta – sono stati ribaltati. Adesso abbiamo a disposizione più informazioni di quanto non sia mai accaduto, ma non ci hanno portato i benefici previsti.

Si pensava che una maggiore informazione avrebbe significato una maggiore libertà di opporsi al potere, ma ha dato anche al potere nuovi strumenti per schiacciare e mettere a tacere il dissenso. Si pensava che una maggiore informazione avrebbe significato un dibattito più informato, ma sembriamo meno capaci di discutere razionalmente di quanto non sia mai accaduto. Si pensava che una maggiore informazione avrebbe significato una maggiore comprensione reciproca al di là dei confini nazionali, ma ha reso possibili anche nuove e più sottili forme di conflitto e sovversione. Viviamo in un mondo di sfrenata persuasione di massa, dove gli strumenti di manipolazione si sono sviluppati e moltiplicati, un mondo di pubblicità occulta, guerra psicologica, pirateria informatica, bot, fattoidi, deepfake, notizie fasulle, Isis, Putin, troll, Trump…

Loading...
Commenti
    Tags:
    questa non è propagandapeter pomerantsevroberto savianobompianimunizionipropagandafake newsinformazionedirittilibertàdemocraziasocial networkkgb
    Loading...
    in evidenza
    Elisa Isoardi, amore con Todaro? L'ex di Salvini confessa che...

    La showgirl star di Ballando con le Stelle 2020

    Elisa Isoardi, amore con Todaro?
    L'ex di Salvini confessa che...

    i più visti
    in vetrina
    Chiara Ferragni incinta: annuncio dei Ferragnez. E la cena con Dybala-Oriana..

    Chiara Ferragni incinta: annuncio dei Ferragnez. E la cena con Dybala-Oriana..


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan: arriva Re-Leaf, il mezzo di soccorso del futuro

    Nissan: arriva Re-Leaf, il mezzo di soccorso del futuro


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.