Rischio fallimento per Obama (e la Nato) in Afghanistan

Mercoledì, 3 dicembre 2008 - 16:50:00

Il New York Times (1.12.2008) spiega autorevolmente perché. Tracciando un quadro puntuale e suffragato da valutazioni di fonti militari e di Intelligence delle differenze fra la situazione irachena e quella più che mai pericolosa dell'Afghanistan. In Iraq, come si sa, la "surge" del 2007 ossia l'aumento improvviso delle forze americane combattenti, chiesto dal generale David Petraeus e deciso da Bush jr., ha consentito di volgere a favore degli Usa, della Coalizione multinazionale e del governo di Baghdad le sorti dello scontro sul terreno.

Ma le condizioni erano ben diverse. Gli "esperti militari" sentiti dal quotidiano convengono naturalmente sulla necessità di inviare rinforzi in Afghanistan, avvertendo però di non attendersi la "rapida svolta" che si è prodotta nel tormentato Paese arabo. E i servizi segreti sottolineano la crescente gravità della minaccia armata: da agosto alla fine di ottobre il numero degli attacchi quotidiani (alle forze Usa e straniere oltre che ai civili e alle forze militari e di polizia afgane) ha superato quelli in Iraq.

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA
In Vetrina