Café Philo

di Angelo Maria Perrino e Virginia Perini

A- A+
Café Philo

Un discreto edificio in fondo a una corte, in una piccola strada nel centro di Berlino. Di giorno niente da segnalare, ma di notte, al piano terra succede di tutto: è qui che si trova e lavora il Chaos Computer Club (CCC), la più grande associazione di hacker in Europa. Nell'"hackerspace", vasto, un po' trascurato ma confortevole, una decina di adulti e adolescenti si occupano di politica. La cantina è stata trasformata in officina elettronica ben attrezzata, ma secondo la filosofia del gruppo il vero hacker deve anche sapere fabbricare le sue attrezzature. L'arredamento è eloquente: maschere anonime, fasci di cavi, un'ascia piantata nella tastiera di un computer... Il distributore di bevande è ornato da un poster di molto dall'aspetto ufficiale: "Dispositivo monitorato dalla NSA," con il logo dell'agenzia di intelligence degli Stati Uniti. Un uomo che si chiama "Nessuno" dice che il poster è lì da anni: la CCC spia il mondo.

A Berlino, il Chaos Computer Club ha mille membri, tra cui 150 militanti attivi - la maggior parte degli esperti di sicurezza di computer che hanno deciso di fare politica a modo loro. La loro missione: conservando il libero flusso di informazioni in rete, la protezione dei dati personali dei cittadini e dei governi impongono la piena trasparenza dei dati pubblici...

Pur mantenendo il suo spirito ribelle, CCC è emerso come un'istituzione riconosciuta. I suoi membri sono regolarmente consultati dalle autorità locali e federali. "Uno dei leader del Club,"Erdgeist"specialista della crittografia, è orgoglioso di questo nuovo ruolo:" noi abbiamo anche testimoniato davanti alla Corte costituzionale, la più alta istanza della Repubblica, per il progetto di legge sulla conservazione di dati o di voto elettronico. Il CCC è coinvolto anche nelle scuole per introdurre i giovani per il software libero e Internet security.

Ispirandosi al CCC, altri dieci hackerspace indipendenti hanno aperto a Berlino, assicurando la presenza del movimento in tutte le aree. Nel nord della capitale tedesca, il gruppo Raumfahrtagentur ha installato una piscina in disuso, cabine d'abbronzatura suoi laboratori nel centro storico. Più a sud, il c-base hackerspace conta da solo 500 membri. Lì, attrezzature video, audio e computer convivono con un macello di stravaganti opere artistiche. Sopra il bar, un ritratto di Edward Snowden, con didascalia: "Asilo" - quindi invitando la Germania a concedere asilo politico all'ex dipendente della NSA che trapelato migliaia di documenti segreti dell'agenzia americana, attualmente rifugiato in Russia per sfuggire alla giustizia del suo paese.

Uno dei responsabili della c-base, noto sotto il soprannome di "e-punc", dice che in questo caso, gli hacker sono in sintonia con l'opinione pubblica. Nella parte inferiore della stanza, un ampio schermo mostra un cartone animato che spiega che il sistema di sorveglianza del NSA, prodotto dalla televisione asiatica, riassume il caso Snowden... Grazie a questa atmosfera unica nel suo genere gli hacker in Europa si sentono a casa a Berlino. Allo stesso modo, molti attivisti americani vanno a lavorare nella capitale tedesca.

Nel 2000, tutti gli hacker si sono raggruppati intorno al progetto TOR, una rete di server clandestini hanno fornito materiale a WikiLeaks di Julian Assange. Il più famoso hacker è Jacob Appelbaum, uno dei principali artefici del progetto TOR. Per il suo impegno a WikiLeaks, questo hacker nel 2010 è stato ampiamente vessato dalla polizia. Berlino ha ospitato anche la britannica Sarah Harrison, la più stretta collaboratrice di Julian Assange a Londra dal 2010. In ogni caso, anche oggi, i compagni di Edward Snowden e coloro che lavorano sui documenti NSA possono contare a Berlino il supporto di una vasta rete di sostenitori oltre gli hacker hard-core. E la polemica s'infiamma.

 

Tags:
hacker
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.