Café Philo

di Angelo Maria Perrino e Virginia Perini

A- A+
Café Philo

Essere hipster? Non è solo una moda, ma una filosofia. Proprrio in questi giorni dagli States arriva la notizia che Serge Belongie, un professore di informatica in California, a San Diego, ha sviluppato un programma in grado di identificare un hipster in base alle immagini. Il programma utilizza un algoritmo che identifica specifiche caratteristiche, analizzando abiti, volti e posizioni. Ma la ricerca non si ferma qui. Sociologi e filosofi stanno studiando il fenomeno, convinti che sia una chiara tendenza culturale dalla quale si possono trarre vantaggi anticrisi. Non può essere un caso che negli States la ripresa parte anche da loro. Secondo l'agenzia di collocamento “Pavone” di Harrisburg, in Pennsylvania, essere un “hipster” può aiutare a trovare lavoro: “Siamo una società che offre lavoro nella Pennsylvania centrale, abbiamo clienti importanti e, poiché non siamo a New York o Washington, abbiamo carenza di hipster” si legge nell’annuncio che punta ad offrire “opportunità reali” e “comodi spostamenti” a chiunque sia in grado di rappresentare la sottocultura dei “vecchi teenagers” degli anni Novanta.
 
MA CHI SONO GLI HIPSTER? Il neologismo nasce negli anni quaranta negli Stati Uniti per descrivere gli appassionati di jazz e in particolare di bebop; si trattava in genere di ragazzi bianchi della classe media, che emulavano lo stile di vita dei jazzisti afroamericani. Oggi si sta affermando una generazione neo-hipster che non solo va per locali a tema, ma propone uno stile di vita anti-globale.

Gli hipster amano la musica indipendente, le mode alternative, i tatuaggi, i film “autentici” e esprimono spesso idee progressiste o libertarie in cui il concetto di ideologia risulta tutt'altro che compassato. I pensatori di riferimento? Non più i grandi classici della filosofia, ma coloro che ne hanno reinterpretato il pensiero come Derrida o Deleuze. Tra le loro motivazioni c'è anche un sano ritorno alla semplicità (meno tv, droga, moda e più bici, benessere, consumo critico) e una rivalutazione del "gruppo" (di lavoro, di amici, di creativi, di discussione) come elemento fondante della società. Così al capo firmato si sostituiscono la vecchia camicia a quadri, il vestito a fiori della mamma o un paio di jeans usati. Gli scacchi al bar prendono il posto del pomeriggio in casa davanti alla tele e skate o bici sono più economici e salutari del motorino o dei mezzi pubblici. Questo per quanto riguarda il tempo libero. La svolta viene proposta anche nel lavoro: creatività manuale, ritorno ai lavori artigianali e tanta voglia di spendere tempo per progetti innovativi. Tutto purché lontani da uffici iper-tech e a patto che non si debba indossare il tailleur...

Iscriviti alla newsletter
Tags:
hipster
in evidenza
Ambra, lacrime in diretta "Ci si allontana da chi..."

Dopo la rottura con Allegri

Ambra, lacrime in diretta
"Ci si allontana da chi..."

i più visti
in vetrina
E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche

E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche


casa, immobiliare
motori
Ford: sempre più spazioso e versatile il nuovo Tourneo Connect

Ford: sempre più spazioso e versatile il nuovo Tourneo Connect


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.