A- A+
Comunione e separazione
Decadenza responsabilità genitoriale:quando e perchè

Domanda

Gent.ma Sara Severini,

 

scusi se la disturbo. Le espongo un caso drammatico a cui spero lei voglia darmi una risposta.Mio figlio ha un processo penale in corso e i rapporti con la moglie sono peggiorati fino ad arrivare alla separazione. Vi è anche una bambina alla quale non ha mai fatto mancare nulla sai dal punto di vista affettivo che patrimoniale: non ha mai pregiudicato beni fondamentali del minore, né ovviamente emergono atteggiamenti compromettenti quali violenze o abusi su di lei. Anzi, il contrario. Potrebbe rischiare la decadenza dalla potestà genitoriale?

La ringrazio

Risposta

L' art. 330 c.c. prevede che il genitore che viola o trascura i doveri verso la prole, ovvero abusa di poteri inerenti alla potestà genitoriale, con grave pregiudizio per il figlio, venga dichiarato decaduto dalla stessa.

In particolare dovrà aversi violazione :

dell'art. art. 147 c.c.: diritto dei figli al mantenimento, istruzione, educazione;
dell' art. 570 c.p. : sottrazione del genitore all'obbligo di assistenza e mantenimento;
dell' art. 591 c.p.: abbandono;
oppure allorquando un genitore abusi dei relativi poteri (artt. 320, 324 c.c.; artt. 571 e 572 cp) arrecando grave pregiudizio al figlio.

In generale , tenga comportamenti tali da pregiudicare la sana crescita del bambino o crei situazione di particolare gravità ( as esempio alcolismo o tossicodipendenza)

Le condotte pregiudizievoli per il minore comprendono sia l'ipotesi di maltrattamenti fisici nei confronti del figlio, ma anche abusi ed aggressioni psicologiche come nei casi di comprovata incapacità di capire i bisogni del minore con coartazione psichica da parte del genitore

 

La condotta commissiva o omissiva del genitore in violazione dei doveri su di essi gravanti non determini un pregiudizio grave , potranno essere adottati provvedimenti di limitazione della potestà ex artt. 333 e 334 c.c.

 

Con il provvedimento di decadenza viene accertata l'incapacità del genitore di assumere decisioni nell'interesse del minore:la natura di tali provvedimenti è infatti quella non di punire il genitore , ma quella di impedire che il minore subisca i pregiudizi cui è esposto a causa della condotta del genitore.

Tale provvedimento non andrà tuttavia ad influire sugli aspetti obbligatori, ovvero il mantenimento della prole, che resterà salvo: con esso infatti il genitore perde il potere decisionale, di scelta inerente la loro cura ed educazione ed il potere di rappresentarli in giudizio e di amministrare i loro beni.

 

 

Commenti

    Tags:
    decadenzaresponsabilitàgenitoriale
    Loading...
    Loading...
    
    i più visti

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ferrari svela la 812 Competizione e 812 Competizione A

    Ferrari svela la 812 Competizione e 812 Competizione A


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.