I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Comunione e separazione

Hai problemi con il coniuge, vuoi separarti ma non conosci le normative? Devi affrontare un divorzio e non sai come fare? Su Affaritaliani.it c'è una rubrica per te. Scrivi all'avvocato matrimonialista Sara Severini alla e-mail comunione_separazione@affaritaliani.it

Domanda

Buon giorno avvocato, il mio problema e' legato al divorzio che la mia ex moglie non vuole concedermi. Esiste una legge per la quale posso chiedere sentenza parziale di divorzio? Grazie.

Risposta
Il legislatore ha previsto, sia nel giudizio di separazione personale dei coniugi (art. 709 bis c.p.c.) sia nel giudizio per lo scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio (art. 4, comma 12, l. 898/70), la possibilità che il Tribunale emetta sentenza non definitiva relativa, rispettivamente, alla separazione o al divorzio. L’art. 4, comma XII, legge sul divorzio, prevede, infatti che: “nel caso in cui il processo debba continuare per la determinazione dell’assegno, il tribunale emette sentenza non definitiva relativa allo scioglimento o alla cessazione degli effetti civili del matrimonio...” Alla luce di tale previsione è, quindi, possibile che venga emessa sentenza parziale con la quale il Tribunale si pronuncia limitatamente allo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio, per poi proseguire la causa al fine di regolamentare definitivamente gli aspetti controversi sorti tra le parti (ad es. quantificazione dell'assegno divorzile, affidamento dei figli..). Una volta divenuta definitiva, la sentenza sarà annotata in calce all’atto di matrimonio, a cura dell’ufficiale dello stato civile. Con tale normativa si riconosce al giudice la facoltà di limitare la decisione ad alcune domande proposte, disponendo la prosecuzione dell’istruttoria per le altre: il legislatore ha in tal modo predisposto uno strumento processuale volto a definire rapidamente lo status dei coniugi, qualora la domanda principale (quella appunto relativa allo status) risulti fondata senza bisogno di istruttoria ( e quindi già matura per la decisione), a differenza delle altre domande accessorie che, invece, impongono accertamenti più lunghi e tempi maggiori.

Tags:
divorzioseparazionesentenza
in evidenza
Non solo caldo africano... Attenti ai temporali violenti

Meteo, eventi estremi

Non solo caldo africano...
Attenti ai temporali violenti

i più visti
in vetrina
Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico

Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico


casa, immobiliare
motori
Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella

Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.