A- A+
Affari Europei
“Dobbiamo guardare a Mosca, non all'Ue”. In Serbia monta l'ultranazionalismo

Si fa sempre più marcata la frattura tra Oriente ed Occidente, tra Russia ed Europa. E anche la Serbia non è immune a questa tendenza. Mentre una metà del Paese vede nell'Europa una risorsa e un amico, l'altra non perdona all'Ue i bombardamenti, di aver riconosciuto l'indipendenza del Kosovo e chiede che Belgrado guardi a Mosca come 'amico e protettore'.

Lo fa soprattutto Vojislav Seselj, rilasciato temporaneamente dal Tribunale penale dell'Aja dove è sotto processo per crimini di guerra. Tornato in patria, Seselj ha tenuto un comizio in piazza della Repubblica nel quale ha chiesto che alle prossime elezioni il popolo mandi a casa “i traditori, opportunisti e servitori dell'Occidente” al governo.

Secondo Seselj “dobbiamo decidere bene in quale direzione andare, se verso l'Occidente o verso l'Oriente”. Per l'ex combattente serbo il governo ha rapporti “servili” con l'Occidente che “non ha mai aiutato il nostro popolo, ma che anzi lo ha bombardato e infine umiliato con la separazione del Kosovo”. Nella piazza molte le bandiere russe.

Seselj, 60 anni e un tumore al colon, si consegnò spontaneamente al Tribunale dell'Aja nel 2003. Cinque anni dopo l'attuale presidente, Tomislav Nikolic, e il premier Aleksandar Vucic, a lui molto vicini, uscirono dal Partito radicale serbo  e fondarono il partito del progresso, ora al governo. Seslej vuole spazzare via i vecchi amici, che hanno il 50% dei consensi, e prendere il potere alle prossime elezioni.

Tags:
serbianazionalistieuroparussia
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.