A- A+
Affari Europei
L’Ue “accoglie” la Moldavia. Ira di Putin. Paura per nuove invasioni di Mosca

Prima la Crimea, poi il Donbass, è arrivata l'ora della Transnistria? La nuova politica interventista di Mosca a favore delle popolazioni russe di altri paesi potrebbe tradursi in una nuova invasione di uno stato indipendente: la Moldavia. Il Parlamento europeo ha infatti dato il via libera con una maggioranza schiacciante (535 voti favorevoli contro 94) all'apertura di un'area di libero scambio con il Paese ex sovietico. Un accordo simile aveva indotto il Cremlino ad invadere la Crimea per difendere la sua sfera di influenza.

E ora si teme che la stessa sorte possa essere riservata alla Moldavia. I territori ad est del paese, quelli che confinano con l'Ucraina, sono infatti abitati da una maggioranza filorussa che si è autoproclamata indipendente nel 1990 dal governo di Chisinau. Uno Stato nello Stato, sconosciuto ai più, chiamato Transnistria e che qualcuno può aver sentito nel servizio di Report sulla delocalizzazione delle maison del lusso nell'Est Europa. Uno Stato non riconosciuto ufficialmente, ma dove circola una moneta locale e ci sono controlli alle frontiere. Il 18 marzo 2014 la Transnistria ha chiesto l'adesione alla Russia in seguito all'annessione unilaterale della Crimea.

Le cancellerie europee temono ora che Mosca, già colpita dalle sanzioni internazionali e osteggiata durante il vertice del G20, possa ora scegliere una nuova provocazione annettendo il Paese o inviando militari sul territorio. Per evitarlo i deputati europei hanno approvato una risoluzione che invita Mosca a rispettare l’integrità territoriale della Moldavia e la sua scelta europea, specificando che l’accordo riguarda “l’intero territorio internazionalmente riconosciuto della Moldova” di cui la Transnistria è parte integrante.

 

Tags:
europarussiatransnistria
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.