A- A+
Affari Europei
Mondiali 2018, Putin scarica gli amici hooligans. Ultras da eroi a reietti

PUTIN INIZIA I PREPARATIVI PER I MONDIALI DI CALCIO DEL 2018 IN RUSSIA

Mancano ancora 18 mesi, ma l'attenzione sui Mondiali di calcio del 2018 in Russia sono già accesi. Fervono i preparativi per le infrastrutture e quelli dell'apparato di sicurezza. Ma non solo. A prepararsi sono anche gli ultras russi, nazionalisti vicini a Vladimir Putin che promettono di dare battaglia come già successo all'Europeo della scorsa estate in Francia dove furono protagonisti di molti scontri con gli hooligans inglesi.

I LEGAMI OSCURI CON GLI HOOLIGANS RUSSI

Alcuni osservatori e critici hanno sostenuto che l'armata di hooligans russi che ha seminato devastazione per le strade delle città francesi la scorsa estate fosse in realtà un "esercito di Putin", inviato dal Cremlino in Francia per creare caos. A capo di questa armata ci sarebbe Alexander Shprygin, 38enne capo dell'associazione dei tifosi di calcio russi.

GLI ULTRAS E IL MOVIMENTO ULTRANAZIONALISTA PRO PUTIN

Il dubbio di una certa continuità tra gli hooligans e Putin è alimentata dal ruolo politico di Shprygin, che è anche un assistente parlamentare di Igor Lebedev, importante uomo politico del partito ultranazionalista. Si tratta di un movimento che si professa liberaldemocratico e che è schierato nettamente al fianco del Cremlino. Nel corso degli anni Lebedev ha invitato Putin a bombardare Lettonia, Giappone e Turchia. Shprygin, suo braccio armato, ha lasciato due tifosi inglesi in coma e altri con lesioni gravi dopo gli scontri in Francia. E Lebedev ha appoggiato in maniera inequivocabile gli hooligans: "Non vedo nulla di sbagliato nel fatto che i tifosi combattano".

DA EROI NAZIONALI A REIETTI

Al ritorno in patria gli hooligans sono stati accolti alla sorta di eroi nazionali. Ma ora il vento sembra essere cambiato. Nelle scorse settimane il Cremlino ha iniziato a cambiare atteggiamento nei loro confronti in vista dei Mondiali del 2018. Il ministro dello Sport Vitaly Mutko ha detto che Shprygin e gli altri ultras danneggiano la reputazione della Russia.

STRETTA SUGLI HOOLIGANS: IL MONDIALE DI PUTIN NON SI TOCCA

Non solo. Shprygin è stato persino espulso dalla Federcalcio russa e arrestato per un presunto coinvolgimento in una rissa di massa tra ultras delle squadre rivali di Mosca per poi essere rilasciato senza accuse. La stessa sera è stato dato fuoco al suo Suv. Da eroi nazionali a reietti, gli hooligans russi si sentono traditi. La Polizia sta stringendo le maglie con perquisizioni e retate. Il messaggio è chiaro: il caos lo potete fare all'estero, in Russia dovete stare buoni per non rovinare i Mondiali di Putin.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
russia putin mondiali 2018mondiali 2018 russia
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Kia svela la nuova generazione della Niro

Kia svela la nuova generazione della Niro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.