A- A+
Affari Europei
Google, Strasburgo chiede la separazione tra servizi commerciali e di ricerca

Il Parlamento europeo ha votato oggi a netta maggioranza una risoluzione non vincolante in cui si chiede la separazione dei servizi di ricerca online dagli altri servizi commerciali, una mossa diretta contro Google. Se sara' effettivamente applicata, infatti, metterebbe a repentaglio il modello economico del gigante del web che attraverso la ricerca gratuita ottiene informazioni cruciali sui suoi utenti, che poi utilizza per i servizi di pubblicita' e marketing online da cui deriva la gran parte dei suoi profitti.

La risoluzione, votata da 384 eurodeputati con 174 voti contrari e 56 astenuti, chiede alla Commissione Ue di "considerare di fare proposte per la separazione dei motori di ricerca da altri servizi commerciali," si legge in una nota del Parlamento europeo. L'Esecutivo Ue sta vagliando da tempo la legalita' di alcuni servizi di marketing offerti da Google e che sono considerati dannosi per la concorrenza.

In particolare, Google e' sotto accusa per indicizzare i risultati delle sue ricerche in modo da dare piu' risalto a prodotti o servizi (come hotel o pacchetti viaggio) che pagano per avere maggiore visibilita' o che sono parte della galassia degli interessi di Google. Il caso portato in Commissione da diversi operatori di e-commerce e' ora passato nelle mani della nuova commissaria alla concorrenza, Margrethe Vestager, dopo che il suo predecessore, Joaquin Almunia, e' stato costretto a evitare un compromesso con Google a causa delle forti pressioni contrarie a un accordo che sembrava favorire il gigante americano.

Ora il Parlamento chiede esplicitamente alla Commissione "di fare in modo da impedire ogni abuso nel marketing di servizi correlati da parte di operatori di motori di ricerca" e esorta la Commissione a impegnarsi perche' i risultati delle ricerche "non siano discriminatori". In particolare, la risoluzione chiede che "l'indicizzazione, la valutazione, la presentazione e il ranking da parte dei motori di ricerca devono essere imparziali e trasparenti."

"La separazione obbligatoria non penso sia la soluzione migliore", ha commentato il commissario Ue per l'economia digitale, Gunther Oettinger. Oettinger ha comunque precisato, parlando in conferenza stampa a Bruxelles, che "la risoluzione del Parlamento e' un parere importante che sottolinea quali siano le decisioni che devono essere prese dalla Commissione." Il commissario tedesco ha pero' aggiunto che "piu' che di separazione, parlerei di applicazione coerente del diritto europeo sulla concorrenza," ricordando che il caso Google, in relazione al possibile abuso di posizione dominante nel mercato del marketing online, e' attualmente al vaglio dell'antitrust europeo.

"Rispetto le opinioni e le scelte di un'istituzione di cui non sono parte. Posso dire a livello personale che non e' l'approccio culturale che preferisco". Cosi' il sottosegretario con delega alle telecomunicazioni, Antonello Giacomelli, ha risposto oggi a chi gli chiedeva una reazione alla risoluzione del Parlamento europeo.

Tags:
googleinformazioneparlamento europeo
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?

Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?


casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.