A- A+
Affari Mondiali
Keylor Navas: El Gato del Costa Rica ora piace al Napoli

Una carriera onesta, che sta diventando interessante con il passare degli anni. Come il buon vino,  Keylor Navas migliora invecchiando. A 28 anni studia da stella. Fuori dal suo Paese (dove ha difeso i colori del Saprissa dal 2005 al 2010: sei titoli nazionali e una Champions del Centro America) si è ritrovato in Spagna nel 2011 con la maglia dell'Albacete. Niente di eccezionale nella stagione di ambientamento in Europa. E' poi esploso con il Levante in queste ultime due stagioni.

E ora si ritrova ai quarti di finale di un Mondiale e protagonista nella difesa meno battuta del torneo intero: due soli i gol presi quattro partite (chiedere a Balotelli e all'attacco azzurro, rimasto a secco). Il suo valore di mercato è salito alle stelle rispetto al milione e mezzo di anno fa. Forte anche del titolo di miglior portiere della Liga. Ora chi lo vuole e va bussare alle porte del suo club non può offrire meno di quattro milioni. Tra i pali ha movenze e riflessi felini (soprannome ufficiale El Gato) e ha guadagnato il rispetto anche di Cristiano Ronaldo (uno che è già andato a casa dal Brasile) e Leo Messi.

Dove potrebbe andare? Qualche recente rumors lo dava come possibile riserva di Neuer al Bayern Monaco. Ma alla luce di questo Mondiale prendono peso anche le voci legate a Benfica o Napoli che potrebbero anche consegnargli una maglia da titolare. Attenti però che si mormora pure di un interesse di un top club della stessa Liga spagnola...

Costa Rica storica. Grecia ko ai rigori - Al termine di una partita poco spettacolare ma ricca di emozioni, all'Arena Pernambuco di Recife, il Costarica ha battuto ai calci di rigore, dopo l'1-1 dei tempi regolamentari e dei supplementari, la Grecia, conquistando l'accesso ai quarti di finale, dove incontrera' (sabato) l'Olanda.La gara, a detta di molti l'ottavo di finale piu' "scarso" della kermesse iridata, ha confermato le qualita' e soprattutto i limiti delle due rappresentative, costruite piu' per operare in contropiede che per imporre il proprio gioco. In gol, durante i 90 minuti regolamentari, come nel match contro l'Italia, il capitano dei centroamericani Ruiz.  Il Costarica era passato in vantaggio con Ruiz al 7' della ripresa ma era poi rimasto in 10 uomini al 66' per l'espulsione di Duarte. Al 91' il pareggio greco con Papastathopoulos. Ai quarti, la rivelazione del Mondiale affrontera' il prossimo 5 luglio a Salvador l'Olanda.

La gara, poco spettacolare ma piena di emozioni, a detta di molti era l'ottavo di finale piu' "scarso" della kermesse iridata e ha confermato le qualita' e soprattutto i limiti delle due rappresentative, costruite piu' per operare in contropiede che per imporre il proprio gioco. In gol, durante i 90 minuti regolamentari, come nel match contro l'Italia, il capitano dei centroamericani Ruiz. In rete nei minuti di recupero, invece, come gia' era successo nella sfida decisiva del girone C contro la Costa d'Avorio, l'indomita Grecia, che ha agguantato gli avversari grazie a Papastathopoulos. Determinante, per la rimonta degli ellenici, e' risulata la giusta espulsione (per somma di ammonizioni) di Duarte, giunta al 21' della seconda frazione. Nei rigori decisivo l'errore del greco Gekas, con una super parata di Navas, seguita dalla trasformazione di Umana, che ha dato il via alla festa dei centroamericani. Il Costarica di Jorge Luis Pinto, dopo aver mandato a casa gli azzurri e l'Inghilterra, e' ripartito col "solito" 5-4-1, con Navas fra i pali; con Gamboa, Umana, Duarte, Gonzalez e Diaz in difesa; con Borges e Tejeda in mediana e con Ruiz e Bolanos larghi, a sostegno dell'unica punta Campbell. Tante le conoscenze italiane, invece, nel 4-5-1 disegnato da Fernando Santos per la Grecia, artefice dell'uscita di scena della Costa d'Avorio di Gervinho. In campo dal primo minuto il romanista Torosidis, l'ex Genoa e Milan Papastathopoulos, l'ex Inter Karagounis e il bolognese Christodoulopoulos. Relegati in panchina, invece, il veronese Moras, il bolognese Kone e i genoani Fetfatzidis e Tachtsidis.
  
Solo un'emozione nel corso del primo tempo regolamentare: al 37' Navas ha salvato il Costarica, compiendo un autentico miracolo su una conclusione ravvicinata di Salpingidis, servito alla perfezione da Holebas. Al 7' della ripresa il gol dei centroamericani, i quali in tutto il match hanno tirato in porta solo una volta. Bolanos, dalla fascia sinistra, ha servito Ruiz e il capitano con un piatto mancino, sporco ma efficace, ha battuto Karnezis. Sembrava fatta per la cenerentola Costarica, ma nel recupero, dopo uno dei diversi miracoli di Navas sul neoentrato Gekas, Papastathopoulos ha realizzato l'1-1. Due minuti dopo l'estremo difensore dei centroamericani ha deviato in corner un colpo di testa insidioso del "fresco" Mitroglou, rimandando tutto ai supplementari. Al 113' ancora Navas ha detto no agli ellenici, chiudendo lo specchio a Christodoulopoulos; al 121' poi il portiere del Costarica si e' superato, salvando nuovamente i suoi compagni su tiro ravvicinato di Mitroglou. Per il resto, nonostante la superiorita' numerica, si e' vista poca Grecia e, inevitabile, e' giunta la lotteria dei calci di rigore, che ha dato ragione al Costarica e al suo grande portiere, Navas.

Olanda-Messico 2-1, Huntelaar porta gli orange ai quarti

L'Olanda approda ai quarti di finale del Mondiale brasiliano. Gli orange guidati da Luis Van Gaal hanno battuto il Messico 2-1 ribaltando nel finale il risultato. Dos Santos al 3' della ripresa aveva portato in vantaggio la squadra di Herrera, poi nel finale al 43' il pari di Sneijder ed al 49' su rigore il gol qualificazione di Huntelaar dopo un fallo su Robben. Gli olandesi giocheranno i quarti di finale il prossimo 5 luglio a Salvador contro il Costarica.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
costaricagreciarigorimondiali
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare

Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare