A- A+
Affari Mondiali
Diluvio sugli azzurri che verranno arbitrati dal... Conte Dracula

Diluvia a Natal. La citta' brasiliana che ospitera' Italia-Uruguay si e' svegliata sotto la pioggia. Piove forte da ore e il meteo prevede temporali in sequenza. Prevista pioggia anche alle 13 (le 18 italiane) quand si giocherà la partita, quando gli azzurri affronteranno la Celeste allo stadio Arena Das Dunas, nell'ultima e decisiva gara del girone D. Secondo le previsioni meteo, la temperatura dovrebbe aggirarsi tra i 25 e i 26 gradi. Condizioni climatiche differenti rispetto a quelle di Manaus e Recife dove gli azzurri hanno giocato le prime due gare. "Se dovesse piovere potrebbe essere meglio", diceva due giorni fa il responsabile medico della Nazionale, Enrico Castellacci.

Intanto desta autentico terrore l'arbitro chiamato a dirigere la gara. Il signor Moreno. Non Byron, per fortuna, ma certo il nome evoca tragici ricordi targati Mondiale 2002 (con eliminazione agli ottavi dopo un arbitraggio scandaloso nella memoria di tutti). Si tratta del 40enne messicano Marco Antonio Rodriguez Moreno (già visto in questa rassegna nel match tra Belgio e Algeria). L'unico precedente con una squadra italiana è legata al Mondiale ma per club. La finale Milan-Boca Juniors vinta 4-2 dai rossoneri con Kakà e Pippo Inzaghi dominatori. Chissà che non sia questo un buon auspicio. Curiosità: è soprannominato Chiquidrácula perché ricorda il figlio del Conte Dracula di un programma della tv messicana. Paragone che il fischietto non ama granchè, più che per problemi fisici a causa della sua fede (è un pastore protestante).

Tags:
diluviodraculaitalia uruguaynatal
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Britney Spears, è guerra con il padre: "Rivoglio la mia vita"

Britney Spears, è guerra con il padre: "Rivoglio la mia vita"


casa, immobiliare
motori
Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in