A- A+
Attualità

 

I deputati francesi hanno approvato l'articolo più controverso della legge contro i clienti delle prostitute: quello che punisce l'uso di sesso a pagamento con una contravvenzione di 1.500 euro. In caso di recidiva l'infrazione diventa un reato punibile con una multa di 3.750 euro

La proposta avanzata dal governo socialista ha scatenato un dibattito su sesso e sessismo, nonché sull'evoluzione dell'industria del sesso, legata soprattutto all'arrivo di sempre più prostitute straniere, provenienti dall'Asia e dall'Europa orientale. Attualmente in Francia la prostituzione è legale, mentre non lo sono le case di appuntamenti, l'adescamento e lo sfruttamento della prostituzione.

Inoltre nelle scorse settimane era emersa una petizione firmata 70 celebrità, fra cui l'attrice Catherine Deneuve, che interpretò una prostituta nel celebre film 'Bella di giorno' di Luis Bunuel, il cantautore Charles Aznavour e l'ex ministro della Cultura e dell'istruzione, Jack Lang. "Senza sostenere né promuovere la prostituzione - si legge nel testo della petizione - respingiamo la penalizzazione di chi si prostituisce e delle persone che acquistano i loro servizi, e chiediamo un vero dibattito senza pregiudizi ideologici". Il tutto dopo la petizione lanciata da 343 uomini, tra i quali giornalisti e scrittori, chiamata "Touche pas à ma pute" ("Giù le mani della mia troia"). I firmatari si sono definiti "salauds", "porci". Tra i firmatari ci sono sia chi pensa che la prostituzione dovrebbe sparire sia chi pensa che dovrebbe restare. Ma hanno tutti una cosa in comune: dicono no alla penalizzazione. "Non è quella la strada".

Tags:
prostitutemultefrancia
in evidenza
La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale

Il video che inchioda Di Maio

La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale


in vetrina
KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo

KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo


casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.