I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
#avvocatonline
Lettere insistenti da Equitalia? Si può chiedere risarcimento
Equitalia, nuova sentenza: con una dichiarazione il contribuente può bloccare il pignoramento

Quante volte si è sentito parlare o siamo stati testimoni di insitenti lettere da Equitalia con pretese di pagamento. Molte volte queste ultime hanno pretese legittime, ma quando non è così? Quando quindi l'ente di riscossione insiste nelle pretese senza avere il diritto per farlo? Una recente Cassazione si è espressa proprio in tal senso.

 

 

 


Una recente sentenza della Corte di Cassazione ha infatti condannato per colpa grave Equitalia per aver insistito pretestuosamente, e senza averne diritto, nel voler riscuotere in modo forzato un credito. Questa potrebbe essere un’eccellente notizia per tutti i contribuenti che sono tartassati dall’ente di riscossione, specialmente quando si è in presenza di ricorsi vinti dal contribuente e che vengono ignorati chiedendo comunque pagamenti o minacciando pignoramenti. Il tutto senza che vi sia ragione nel farlo.
 

Quello che viene precisato dalla Cassazione n. 25582/2015 è che “l’agente di riscossione agisce in giudizio in proprio, sia pure in virtù del sottostante mandato che lo lega con l’ente titolare del credito”. Per questo motivo, sempre secondo gli ermellini, spetterebbe a Equitalia e non al suo mandante la scelta se rinunciare o meno all’azione in questione. Da questo ne consegue che, come per ogni altro soggetto dotato di una legittimazione processuale, anche l’agente della riscossione può essere condannato a un risarcimento danni. Questo implica quindi che Equitalia sia responsabile dei modi in cui richiede la riscossione dei crediti. Specialmente quando le richieste sono infondate e continuative.

Quello che ha puntualizzato l’avvocato di una nota associazione di difesa dell’ambiente e dei consumatori è che questa ordinanza ha segnato una decisiva e importante vittoria per i contribuenti. Questi ultimi infatti, sempre secondo l’associazione, sarebbero sempre più spesso vessati da Equitalia. D’ora in poi però, se la stessa dovesse insistere in modo ingiustificato nel pretendere la riscossione, dovrà far fronte non solo alle spese processuali, ma anche al risarcimento danni morali verso il contribuente interessato.

Commenti
    Tags:
    risarcimento danniequitaliaavvocatoavvocatiassistenza legale
    in evidenza
    Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

    Politica

    Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

    La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.