I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
#avvocatonline
Mettere like o condividere un post diffamatorio è un reato?

Offendere una persona sui social significa diffamarlo. Questo tipo di comportamento diffamatorio è rischioso perchè può dar luogo a una denuncia. Questo però è un fatto che ormai dovremmo conoscere tutti. Si dovrebbe infatti sempre prestare attenzione a non pubblicare dei post che possano offendere amici, conoscenti o anche persone sconosciute. Ma cosa accade nel caso in cui invece di mettere dei post offensivi ci limitiamo a mettere un like a post offensivi scritti da altri, oppure a condividerli? Su questi argomenti i giudici e gli avvocati si stanno interrogando da tempo.

Su questo argomento si dovranno espremere dei Giudici in Svizzera. Un cittadino elvetico è infatti recentemente stato denunciato per aver messo un like a un contenuto diffamatorio, ovviamente a detta di chi ha presentato la denuncia. Il like sarebbe diffamatorio perchè nel metterlo si manda all'attenzione di un determinato pubblico lo stesso post. Pubblico che solitamente è la propria cerchia di amici o follower, la quale può anche non essere numerosa, ma comunque conta un numero di persone che altrimenti probabilmente non sarebbe venuta a conoscenza del post diffamatorio.

Ci si è dunque interrogati se mettere un like a un post che risulti effettivamente diffamatorio equivalga a una diffamazione. La risposta che mi sento di dare in questo momento e secondo la giurisprudenza fino ad ora pervenutaci è che difficilmente un like potrà essere equiparato a diffamazione. Questo perchè per esserci diffamazione vi deve essere anche la volontà di diffamare e spesso un like viene messo senza pensarci troppo e a volte anche per motivi non legati al contenuto stesso del post.

Quello su cui invece si deve prestare molta attenzione è la condivisione dei post. Se infatti un like può non essere considerato come volontà di diffamazione, condividere un post diffamatorio significa essere correo della diffamazione stessa. Questo perchè volontariamente abbiamo condiviso, e quindi portato all'attenzione di un pubblico maggiore, il post incriminato. 

Quello che mi sento di consigliarvi è innanzitutto di usare i social con attenzione, ma anche di eviatre, se ritenete che un post possa essere diffamatorio, di mettere un like e soprattutto, se avete il dubbio che vi sia una diffamazione nel post che state leggendo, non condividetelo. Quello a cui potreste andare incontro è di essere chiamati a risarcire i danni di una diffamazione.

Commenti
    Tags:
    diffamazione onlinediffamazione socialassistenza legalecristiano cominotto#avvocatonline
    in evidenza
    Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

    Calcio e tv... bollente

    Carolina Stramare va in gol
    L'ex Miss Italia sfida Diletta

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

    Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.