I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
#avvocatonline
Piste da sci e responsabilità

L’inverno è iniziato e la stagione sulle piste da sci anche. In migliaia saranno gli sportivi che nelle prossime settimane si lanceranno sulle piste di tutta Italia. Sappiamo che lo sci è uno sport bellissimo, ma purtroppo anche rischioso.

Quali sono le responsabilità quando si è sulle piste da sci? Chi sono i responsabili in caso di incidenti?

Escludendo le ovvie responsabilità di chi sfreccia senza preoccuparsi del prossimo e con la sua imprudenza causa degli incidenti, vi sono altri tipi di responsabilità.


 

Per esempio quelle dei maestri di sci e quelli dei responsabili degli impianti.

In merito è esplicativa una sentenza in cui si prende in esame la responsabilità di maestri e ente manutentore in caso di incidente durante una lezione di sci.

La sfortunata vicenda è accaduta a una ragazzina durante una lezione. La giovane, staccatasi non bene dal seggiolino dello skilift è scivolata all’indietro per una cinquantina di metri fino a sbattere contro uno dei piloni dell’impianto di risalita.


 

I genitori della piccola allieva hanno citato in giudizio, chiedendo un congruo risarcimento danni, scuola e maestro di sci, responsabili dell’incidente sugli sci per non aver vigilato in modo adeguato sulla sicurezza e la incolumità della bambina, ma anche il gestore dell’impianto, responsabile di non aver predisposto tutte le più opportune misure di prevenzione e sicurezza sulla pista da sci previste dalla legge 363/2003 (Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport invernali da discesa e da fondo).

 

Questo è quanto ha sancito il Tribunale di Trento nella sentenza 690/2014 che ha preso in esame il caso dell’incidente sugli sci statuendo quanto segue: “ l’incidente occorso al minore di età in occasione di una lezione di sci per principianti è riconducibile alla responsabilità contrattuale sia della scuola di sci e del maestrosia del gestore dell’impianto, se costoro non dimostrano in giudizio, in virtù del regime probatorio di cui all’articolo 1218 del codice civile, di aver adempiuto tutte le obbligazioni assunte, comprese quelle accessorie di protezione e vigilanza, ovvero di non aver potuto eseguire la prestazione dovuta per una causa ad essi non imputabile.”
In primis il Tribunale analizzando l’
incidente sugli sci, ha verificato le posizioni della scuola e del maestro di sci, affermando che “l’affidamento di un minore a una scuola di sci perché gli siano impartite lezioni comporta l’instaurazione di un vincolo negoziale per effetto del quale la scuola si assume, fra l’altro, anche l’obbligo di vigilare sulla sicurezza e l’incolumità dell’allievo in tutto il tempo in cui questi fruisce delle prestazioni concordate, e dall’altro che tra insegnante e allievo s’instaura, per contatto sociale, un rapporto giuridico nell’ambito del quale anche il primo viene a essere gravato di uno specifico obbligo di protezione, sicché è tenuto a evitare che l’allievo si procuri da solo un danno alla persona». La scuola ed il maestro avrebbero quindi potuto dimostrare di aver istruito adeguatamente l’allieva e di aver utilizzato le opportune misure cautelative per evitare situazioni di pericolo, ma l’assenza di tali prove ha portato il Tribunale all’affermazione di una condotta negligente e imprudente da parte dei soggetti citati in giudizio.

 

In secundis, per quello che concerne la responsabilità del gestore dell’impianto, il Tribunale ha affermato che «con l’acquisto del biglietto per l’utilizzo di un impianto di risalita si perfeziona tra lo sciatore e il gestore dell’impianto un rapporto di natura contrattuale, visto che, a fronte del conseguimento del pattuito corrispettivo, il gestore è tenuto a mettere a disposizione del cliente la pista di risalita, l’energia di trazione e l’ausilio per l’aggancio». Nello specifico del caso, le regole generali di prudenza e diligenza, prima ancora dell’articolo 3 della legge n. 363/2003, avrebbero dovuto imporre al gestore dell’impianto di risalita di mettere in sicurezza, tramite un rivestimento adeguato, il palo di acciaio contro il quale si è schiantata la bambina, questo avrebbe quantomeno ridotto l’entità delle lesioni subite in seguito all’incidente sugli sci.

 

Per questi motivi il Tribunale di Trento, statuendo in merito all’incidente sugli sci, ha riconosciuto la responsabilità contrattuale di scuola/maestro e del gestore dell’impianto, ai quali, in casi simili, potrà essere chiesto un congruo risarcimento danni.


 

Avv. Cristiano Cominotto AssistenzaLegalePremium.it

Commenti
    Tags:
    piste sci responsabilità risarcimento danni incidente
    in evidenza
    Kardashian, lato B o lato A? E il tatto di lady Vale Rossi...

    Diletta, Wanda... che foto

    Kardashian, lato B o lato A?
    E il tatto di lady Vale Rossi...

    i più visti
    in vetrina
    Alica Schmidt eletta l'atleta più sexy di Tokyo 2020

    Alica Schmidt eletta l'atleta più sexy di Tokyo 2020


    casa, immobiliare
    motori
    Si rubano circa 70 motoveicoli al giorno in Italia

    Si rubano circa 70 motoveicoli al giorno in Italia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.