I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
#avvocatonline
Quando è dovuta l'indennità di disoccupazione?

Nel caso un lavoratore venga licenziato o decida di lasciare il posto di lavoro, uno degli aspetti sui quali si deve ragionare è il diritto o meno a ottenere un'indennità di disoccupazione.

Ma vediamo nello specifico di cosa si tratta. Con indennità di disoccupazione, si intende quella somma erogata dallo Stato a tutti i lavoratori dipendenti che hanno perso involontariamente il lavoro. Tecnicamente prende il nome di Naspi Nuova Assicurazione Speciale per l’Impiego e viene gestita dall’INPS. Tale importo mensile viene erogato al lavoratore per un periodo limitato nel tempo, durante il quale si presume egli possa trovare una nuova occupazione. L’indennità viene erogata per un numero di settimane pari alla metà delle settimane contributive presenti negli ultimi quattro anni.

L’entità dell’indennità di disoccupazione viene stabilita a seconda delle tempistiche e delle leggi: negli anni infatti il suo valore è variata a seconda delle modifiche proposte dalle nuove leggi. È importante però ricordare al lettore che le modalità e i requisiti per il suo ottenimento restano fortunatamente invariati.

Tuttavia, un caso di giurisprudenza è diventato esemplare per spiegare concretamente la possibilità di ottenere o meno tale indennità. Si pensi al caso di un lavoratore che decida, contestualmente all’azienda nella quale lavora, di licenziarsi. Successivamente ha inviato la richiesta per ottenere l’indennità di disoccupazione che gli è stata però negata. Una volta ricevuta risposta negativa, ha deciso di fare ricorso sostenendo di essersi licenziato perché non avrebbe avuto, all’interno dell’azienda stessa, possibilità di avanzamento di carriera.

Attraverso la sentenza numero 17303 del 2016, i Giudici hanno confermato quanto stabilito dalle normative INPS. Questo implica che l’indennità di disoccupazione viene erogata esclusivamente a quei lavoratori dipendenti che sono stati licenziati, o obbligati a dimettersi. Qualora venga a mancare una delle due opzioni l’indennità non verrà emessa.

Commenti
    Tags:
    disoccupazioneindennitàavvocatoleggediritto del lavoro
    in evidenza
    Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

    Paparazzati in un hotel di lusso

    Casaleggio-Sabatini, che coppia
    Mano nella mano in dolce attesa

    i più visti
    in vetrina
    Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO

    Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes: il futuro è completamente elettrico

    Mercedes: il futuro è completamente elettrico


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.