A- A+
Il buono, il brutto e il cattivo
Cara Milano, Versace da bere. Il creativo? E' a servizio del profitto
LaPresse

Non sono passati secoli eppure ci sembra così lontana l’era dei lustrini, del guadagno facile, della Milano energetica e scintillante, in una Festa Mobile continua, culla della più impressionante concentrazione di creativi che l’Europa occidentale ricordi. Gianni Versace era l’alfiere di quel luccichio, artefice di un cambiamento radicale nei modi e nella moda, creatore dell’illusione di un lusso diffuso e inarrestabile, una città che diventava un gigantesco Quadrilatero, allora ancora da inventare.

La moda ha forgiato la nostra città, ma quella capacità espressiva nasce dall’energia milanese, dall’interazione tra industria, intelletto, improvvisazione geniale e azzardo. Troppo banale ricordare l’inarrivabile pubblicità dell’Amaro che trasformava una città, e per la prima volta in un prodotto, una via monte napoleone lunga come tutto il paese, che in questa città voleva diventare protagonista ad ogni costo.

Ora tutto tace tra le luci fredde di una moda finanziaria e speculativa così distante da quel delirio immaginifico, anche Gianni è scomparso tragicamente da troppo tempo e gli altri sono diventati capitani di industrie multinazionali, attente ai mercati e alla quotazione in Borsa. Quel mondo non c’è più, si beve sempre ma con un allegria preoccupata e i danée, come nel caso di quest’ultimo colpo arrivano dagli USA, Donatella Versace ha fatto un grande affare ma ha sepolto per la seconda volta la spensieratezza e la bellezza dei colori creati da suo fratello.

E’ il mercato che domina, è l’economia che comanda e i creativi d’antan, diventati vecchi e meno spericolati si adeguano, forse perché troppo imbolsiti dai guadagni, o non più in grado di far sognare, non soltanto una città, ma l’intero mondo che ora si riprende il dominio del loro talento. Non è solo un passaggio di proprietà, da Versace a Kors, è l’ultima di una sequenza di impoverimento creativo a scapito di un potenziamento imprenditoriale, perché i marchi italiani continuano a mietere successi nel pianeta, ma l’imprinting è clamorosamente cambiato.

Dobbiamo farcene una ragione, siamo tornati ad essere periferia dell’impero finanziario, mentre nel decennio da bere, bastava avere idee innovative per piegare il denaro alle necessità del pensiero creatore. Nessuna nostalgia, ma una speranza che Versace viva a prescindere dai colossi che lo controlleranno e che anche da Wall Street non riusciranno ad inficiare la forza del suo sorriso spensierato in una città lontana nel tempo ma mai dimenticata.

Commenti
    Tags:
    versacemichael kors
    Loading...
    in evidenza
    Smart working, soft skills Ripensare il lavoro post-Covid

    Il rigoletto

    Smart working, soft skills
    Ripensare il lavoro post-Covid

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C

    Previsioni meteo: da lunedì nuova fiammata africana, punte massime fino a 38°C


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Citroen Berlingo, la soluzione ideale per le vacanze estive

    Citroen Berlingo, la soluzione ideale per le vacanze estive


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.