I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Il buono, il brutto e il cattivo
Infrastrutture, La Piazza scatena il dibattito.Conte? Giusto pensare in grande

“Ciò che infonde coraggio ai nostri sogni è la profonda convinzione di poterli realizzare”, così il grande architetto le Corbusier stigmatizzava la difficoltà tutta politica, ieri come oggi di spingere l’intelletto, la visionarietà dell’architettura oltre quelle che vengono considerate le possibilità della tecnica e del pensiero corrente.

Per il ponte/tunnel di Messina si sono scatenati per decenni o secoli posizioni romantiche utopistiche, irragionevoli o semplicemente irrealizzabili, naturalmente se pensiamo a quello che si può fare e a quello che si potrebbe immaginare. Il dibattito è stato rilanciato dal premier Giuseppe Conte durante "La Piazza", intervistato dal direttore di Affaritaliani.it Angelo Maria Perrino, Un dibattito che da due giorni occupa le pagine di tutti i giornali.

GIUSEPPE CONTE A LA PIAZZA DI AFFARITALIANI.IT. IL VIDEO



 

DSCF2206
 

Non voglio fare  filosofia della progettazione ma l’idea di Conte giunge in un momento in cui la Politica deve dirci se è ancora in grado di creare le condizioni per buttare il cuore, anche metaforicamente, oltre l’ostacolo.

Poi si parlerà dei miliardi di euro, dei problemi di eco-compatibilità ambientale della mega-struttura e del controllo sullo sviluppo di questa impressionante infrastruttura, tra Ingegneroni e Studiosoni che cominceranno a schierarsi per l’una(ponte) o l’altra(tunnel) soluzione, ma intento bisogna dare il merito al Presidente di aver tolto le castagne dal fuoco di aver voluto stanare le migliori energie creative dal torpore della consuetudine.

Perché ci dovrebbero essere vincoli teorici alla realizzazione del progetto? Perchè bisogna accettare la consuetudine tecnologica e applicarla a quanto e semplicemente possibile realizzare.

Un ponte o un tunnel sono progetti già visti e realizzati, e a decine, in tutte le parti del mondo, e Scilla e Cariddi non fanno certo più impressione delle altre ubicazioni, ma ripeto io parlo da progettista non da tecnologo o strutturista per cui, mi piacerebbe spostare l’ago del dibattito sul significato di quanto è possibile realizzare, con i mezzi attuali e quello che è possibile immaginare sperimentando le forme più estreme di innovazione, oggi sconosciute.

Il collegamento serve e su questo nessuno discute da decenni, la sua realizzazione preoccupa da sempre ma nessuno fino ad oggi ha voluto creare le condizioni per arrivare all’attivazione di un programma/progetto e soprattutto ha scelto le modalità preliminari di esecuzione, dunque: ponte o tunnel?

Qualcuno finalmente dovrà scegliere e decidere (parola desueta nella politica contemporanea) se quello che può diventare il simbolo, troppo spesso annunciato di una rinascita  e di una nuova stagione di infrastrutture moderne, sostenibili e soprattutto auspicabili per quei disastrati territori, questo affinchè tutto non si riduca d una sterile diatriba tra Ordini di Ingegneri.

Ci piace ovviamente l’idea di una visione diversa, certo molto complessa, del collegamento, come se ci fosse la necessità di spingere al massimo le possibilità strutturali di questo antico sogno(nato molto tempo fa) e mai completamente abbandonato, una magia tecnologica in grado di dare un significato molto più alto della mera opera ingegneristica.

Dunque grande sostegno teorico e culturale all’impegno del Presidente del Consiglio che ha sparigliato le carte, dando alle scelte politiche un valore fino ad oggi sconosciuto, anche perché è giusto che il decisore stimoli un dibattito, giusto o sbagliato che sia, almeno creerà formule analitiche diverse per gli architetti e per gli ingegneri che vorranno accettare la sfida.

In un momento in cui la cosa pubblica gioca di sponda, o abbozza, non mi pare un impegno secondario, e sognare  anche con i piedi per terra può diventare una delle forme più alte di razionalità.

Non mi pare proprio un dibattito balneare, ce ne faremo carico, come editorialisti e come progettisti.

Loading...
Commenti
    Tags:
    giuseppe contestretto di messinatunnel sottomarinoinfrastrutture
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot Night Vision,alza gli standard di sicurezza nella guida notturna

    Peugeot Night Vision,alza gli standard di sicurezza nella guida notturna


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.