A- A+
Il buono, il brutto e il cattivo
Europee, tra gli sconfitti di Salvini. La Chiesa pop di Bergoglio
Advertisement

Ma è proprio vero che gli Italiani sono fascisti? Ma possiamo ancora dirci almeno Cristiani?

Niente è più divertente in Italia dell’analisi del dopo-voto che, da decenni nell’agone mediatico e fisico cerca di convincere tutti che tutti i partiti hanno vinto, quasi vinto, nessuno ha perso al massimo hanno pareggiato.

Questa volta non è così perché si staglia su tutti gli altri, il Movimento di Matteo Salvini che ottiene un terzo esatto dei voti, il PD che ha pareggiato, si ferma a 2/3 dei voti della Lega gli alleati alla metà e il brontosauro di Arcore, ex-tutto, addirittura a ¼.

Abbiamo dunque al governo un fascismo strisciante maggioritario,apparentemente innocuo,senza golpe o marce,senza squadrismi?

credo non sia così e penso che il voto di protesta intercettato dal leader Lumbard,vada molto oltre

Quasi una catarsi del carattere italico, della gente che odia le terrazze della Grande Bellezza,le mummie dei talk show e gli sguardi pietrificati di un potere sinistro che mai ha cercato di guardare il corpo vivo, le paure di un elettorato che ha trovato in “quelli di Via Bellerio” l’unica sollecitazione reale per un voto che appare convinto,senza ansie.

Dunque l’assioma italiano=fascista inconscio non regge, Matteo vince perché è vero, becero, greve, coraggioso, ma soprattutto elementare come il corpo elettorale che lo segue adorante, e la rete è stata per lui la vera benedizione, e non il rosario.

Avendo tutti contro non è caduto nella trappola, e si è limitato ad attaccare soltanto gli alleati,in questo “governo-maggioranza-opposizione”,ora che la piazza è sua, dovrà solo decidere quanto tenere in vita questo esecutivo e in Europa,si vedrà.

Tutti i commentatori parlano ancora d’altro e non cercano di  capire che questa rabbia convogliata, addomesticata in consenso, è un’operazione politica di rara abilità, Matteo non è Mussolini ma come “el crapun”, sente l’odore del popolo, è una bestia che sente gli umori del suo tempo (proprio come scrive Scurati),e non ha bisogno di un colpo di stato, il consenso è già in cassa, pronto per essere monetizzato.

Da non sottovalutare anche il complesso rapporto con la chiesa pop di Bergoglio,critica fino all’esasperazione sulle posizioni leghiste, che oggi si ritrova sconfitta politicamente e forse culturalmente, con conseguenze difficilmente prevedibili, e non solo per la battaglia,persa,sui migranti, ma anche su una diversa interpretazione semplificata del cattolicesimo.

Più che uno scontro sulla laicità dello Stato sembra una guerra per gestire i simboli classici e popolari della religiosità, e anche in questo Salvini,appropriandosene, è stato un magnifico comunicatore.

Ora è tempo di festeggiamenti in casa leghista,ma dopo questa sbornia numerica di oltre novemilioni di consensi, sono sicuro che Matteo, farà sentire il suo ruggito, è stato bravo, perché ha saputo aspettare e sopportare le intemperanze dell’alleato, ma ora la festa comincia davvero, soprattutto per lui.

Commenti
    Tags:
    europeesalvini chiesasalvini papa francescosalvini europeesalvini europee 2019salvini europee sovranistisovranismo
    Loading...
    in evidenza
    Dorothea, oro e sensualità E' la Fede Pellegrini delle nevi

    Biathlon, l'azzurra corre truccata

    Dorothea, oro e sensualità
    E' la Fede Pellegrini delle nevi

    i più visti
    in vetrina
    ANNA FALCHI reggiseno e lato B da scudetto... come la sua Lazio! Le foto Vip

    ANNA FALCHI reggiseno e lato B da scudetto... come la sua Lazio! Le foto Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Citroen porta l’edizione speciale “C-Series” in Italia con C3 Aircross

    Citroen porta l’edizione speciale “C-Series” in Italia con C3 Aircross


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.