I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Il buono, il brutto e il cattivo
Fabio Fazio e la nobile arte della piaggeria
Fabio Fazio

Ha la faccia del bravo ragazzo, quasi un nerd, studioso liceale, di quelli che piacciono alle mamme perché non tradiscono le future spose.

E’ partito dal cabaret, dalle imitazioni, dallo spettacolo leggero per poi fare il grande salto, ovviamente senza alcun rischio, nel mondo dell’intrattenimento della chiacchiera che, da una decina d’anni, ha sostituito il giornalismo, in tivvù.

Parla a gettone e si prepara scientificamente, si fa dare lezioni di seduzione da Mr.Been, e considera Saviano uno scrittore, anzi, un grande scrittore.

Nessuno sfugge alla sua rete retorica, alla melassa soporifera cui costringerebbe anche il capo di Al Qaeda, pontifica, imitando Vespa e pensando, poveri noi, che quello sia un luogo mediatico di imparzialità.

Invece è il fortino conservatore delle rendite di posizione, dell’establishment che gioca con il volgo, col popolo bue che ride alle sue battute da avanspettacolo, che sguazza nella prevedibilità.

Meglio la tv in bianco e nero delle veline di Stato che questa finta libertà d’espressione a senso unico, sempre rivolta all’esaltazione dell’idolo di turno, sempre per una certa area politica, sempre capace di interpretare l’antica parte del Megafono del Potere, uno strumento neutro, pronto ad assistere tutti i Padroni.

A un milione di euro al mese, lordi.

Diranno che serve alla RAI, io dico che serve al suo 740, che invidiamo molto, e ci piacerebbe che lo schieramento di parte, di cui le televisioni commerciali sono maestre, non venisse considerato un atto immorale, ma almeno non facciamo le vergini in quel bordello.

Fazio Fabio è l’immagine di questo stato gattopardesco che sopravvive alle sue rovine culturali, intellettuali e politiche, il custode del giardinetto mediatico dove i vecchi pensionati alla Bersani possono giocare con i nipoti del PD, e la poli-marchetta cinematografica delle produzioni amiche, avrà sempre spazio sulla poltrona incatenata.

In effetti “che tempo che fa’” racconta un paese che non esiste, dove tutti sembrano buoni, dove ognuno dovrebbe aver capito quanto valga Cottarelli, Zoro, la super-attrice prezzolata, o il fantasma politico di Adriano Celentano, un luna park dell’ovvio che non prevede scontri, alterchi, due ore rassicuranti per conciliare il sonno agitato degli italiani.

Fazio Fabio non ci piace perché oltre alla celebrazione ipocrita del “famoso” è campione del servilismo che ha ridotto in schiavitù il sistema mediatico italiano e i suoi spettatori, che vada avanti con Volo, e gli altri della Banda Ovunque che invece di farci ridere dal palco del vecchio cabaret, pensano di poterci spigare il futuro del paese, e della politica. Non ne abbiamo bisogno, ci teniamo le nostre idee, e le nostre rabbie, senza il bagliore accecante della telecamera.

Commenti
    Tags:
    fabio faziomaurizio de caroroberto savianoche tempo che fa
    in evidenza
    "Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

    Spettacoli

    "Governo ma non troppo..."
    Crozza imita Speranza. VIDEO

    i più visti
    in vetrina
    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

    Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


    casa, immobiliare
    motori
    CUPRA Born,ordinabile in Italia

    CUPRA Born,ordinabile in Italia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.