I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Eppur si muove
Viva il clic! A morte il clic! Le giravolte di Beppe Grillo

«Viva il voto online!». Il Blog Beppe Grillo, nel giorno delle primarie Pd, decide di indicare chi sta dalla parte giusta della storia. E prendendosela col voto di «carta», nei gazebo, con le code nei seggi, scrive: «Nasconde una visione antistorica, antitecnologica, orientata al passato piuttosto che al futuro e anche un po' feticista».

 

Nel 2014, però, all’indomani della netta sconfitta del Movimento alle europee – complice la convinzione di una possibile manipolazione -, sul Blog si discuteva dei rimedi ai brogli elettorali. E, dopo aver passato al vaglio alcune soluzioni, si annotava: «Lo spoglio e il voto elettronico sono invece un temibile inganno ed ogni associazione di cittadini dovrebbe vigilare perché non venga attuato. Ogni sistema che interpone delle complicazioni non trasparenti nella fase di voto così come in quella di spoglio è sempre manipolabile e non facilmente controllabile. In pratica favorisce il broglio e contemporaneamente ostacola i meccanismi di controllo. Viceversa il sistema manuale, più laborioso, complica il meccanismo di broglio perché riguarda dati fisici (la scheda è materiale e non immateriale come nel voto elettronico) che per essere contraffatti devono essere spostati e modificati fisicamente». 

 

Qui per l’articolo integrale del 2 giugno 2014 (per chi temesse estrapolazioni indebite)

 

Questo ieri. Oggi, tuttavia, la musica è cambiata: «La democrazia non è questione di clic, di code ai seggi, di alzate di mano o di schede su cui segnare una croce. La democrazia è questione di consentire a tutti i cittadini di informarsi, di esprimere la propria opinione e di rendere effettiva la decisione collettiva. Come questo debba essere fatto: se online, ai seggi o tramite alzata di mano è un problema strumentale. Grazie alla tecnologia oggi è possibile votare online, un sistema molto più comodo rispetto a quello dei seggi fisici. E' completamente insensata la polemica sulla "democrazia dei clic" che sarebbe inferiore alla "democrazia delle schede di carta" di cui si fanno promotori il Pd, gli altri partiti del '900 e tutti i giornaloni. Nasconde una visione antistorica, antitecnologica, orientata al passato piuttosto che al futuro e anche un po' feticista».

 

Qui per l’articolo integrale del 30 aprile 2017 (per chi non lo avesse ancora visto)

 

Nelle bocche chiuse – diceva Cervantes (e ricordava Montanelli) – non entrano le mosche. 

Commenti
    Tags:
    beppe grillomovimento 5 stelledemocrazia direttaprimarievoto online
    in evidenza
    Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

    Costume

    Gregoraci lascia la casa di Briatore
    Racconto in lacrime sui social

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

    Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.