I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Il cruscotto
SOVRAINDEBITAMENTO FAMILIARE

SOVRAINDEBITAMENTO FAMILIARE

Il D. L. 28/10/20 convertito con legge nr. 176 del 18/12/20 ha introdotto importanti modifiche alla legge 27 gennaio 2012 nr. 3 (già  in applicazione).

La maggior parte delle variazioni in argomento sono già contemplate dal codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (CCII) che entrerà in vigore, salvo ulteriori slittamenti, il 1° settembre p. v..

Con l’articolo pubblicato il 18 gennaio scorso ho trattato una prima modifica dal titolo

“debitore incapiente”

https://www.affaritaliani.it/blog/il-cruscotto/debitore-incapiente-717158.html?refresh_ce

L’argomento odierno vede interessato il nuovo art. 7/bis della legge 3/12 “PROCEDURE FAMILIARI”.

procedure familiari vign. 1 febb. 2021
 

Grazie ad esso “i membri della stessa famiglia possono presentare un'unica procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento”.

Una condizione si rende necessaria e cioè che i membri della stessa famiglia siano “conviventi o quando il sovraindebitamento ha un'origine comune”.

E’ opportuno chiarire che, oltre al coniuge, “si considerano membri della stessa famiglia i parenti entro il quarto grado e gli affini entro il secondo, nonche' le parti dell'unione civile e i conviventi di fatto di cui alla legge 20 maggio 2016, n. 76”.

Il 3° comma dell’articolo in commento dispone che “le masse attive e passive rimangono distinte” – vale a dire che nella proposta di accordo o nel piano del consumatore dovranno essere elencate distintamente le masse attive e passive di ogni richiedente la procedura in questione, ancorché nel complesso formino una sola pratica.

Può anche accadere che ogni membro abbia presentato una propria domanda. In tal caso “il Giudice adotta i necessari provvedimenti per assicurarne il coordinamento.

La competenza appartiene al Giudice adito per primo”.

In un recente webinar mi è stato chiesto chi sopporterà i costi relativi alla procedura in trattazione.

La mia opinione è la seguente.

Se la procedura familiare da sovraindebitamento nasce già come unica pratica, “la liquidazione del compenso dovuto all'organismo di composizione della crisi è ripartita tra i membri della famiglia in misura proporzionale all’entità dei debiti di ciascuno” – comma 5.

Per il compenso dell’advisor, per quanto non sia specificato dall’art. 7 bis, io ritengo che debba seguire lo stesso criterio.

Se, invece, gli iter procedurali nascono come singole procedure, con la riunione successiva, a mio avviso, i costi saranno rapportati all’entità dei debiti solo per la parte che vede le singole procedure riunite, mentre per tutto il resto saranno a carico di chi ha promosso le procedure medesime.

Mi è stato chiesto, altresì, quale sia il comportamento da adottare se tra i membri sovraindebitati della stessa famiglia ve ne sia qualcuno che non può essere considerato “consumatore”.

Il secondo periodo del 5° comma dell’articolo in esame dispone “Quando uno dei debitori non è un consumatore, al progetto unitario si applicano le disposizioni in materia di accordo di composizione della crisi”.

C O N C L U S I O N I

Questa importante modifica alla legge 3/12 ha uniformato l'indirizzo dei Tribunali, in quanto

vi era difformità di comportamento.

Alcuni accettavano già la presentazione in un'unica procedura riguardante sovraindebitati appartenenti allo stesso nucleo familiare, mentre altri applicavano rigidamente le disposizioni legislative.

E’ cosa assurda pensare che debiti in comune tra i diversi membri della famiglia che devono essere soddisfatti con redditi familiari altrettanto comuni, possano rappresentare procedure singole.

Il legislatore aveva già disposto il trattamento della crisi familiare nel codice della crisi, ma visto l’attuale pandemia e lo slittamento al 1° settembre p. v. come data di “entrata in vigore”, ha ritenuto opportuno anticiparne gli effetti intervenendo sulla legge 3/12.

La crisi familiare è stato ed è tuttora un argomento che non può essere trascurato.

Ho già attenzionato i lettori su questo argomento e riporto il link di un articolo attualissimo nel suo contenuto “La famiglia e il codice della crisi e dell’insolvenza” – occasione in cui importanti relatori delle ACLI esternarono il proprio pensiero sull’argomento.

https://www.affaritaliani.it/blog/il-cruscotto/come-orientarsi-nel-codice-della-crisi-insolvenza-664083.html

potete inviare i Vostri quesiti a:

angelo@andriuloweb.it

 

Commenti
    Tags:
    dl 28-10-2020legge 176/2020debitore incapienteprocedure familiarimembri della stessa famiglia
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara vs la censura social Le nuove foto scaldano il web

    Belen, Diletta e.. scatti Vip

    Wanda Nara vs la censura social
    Le nuove foto scaldano il web

    i più visti
    in vetrina
    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter

    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    il Museo Mercedes-Benz festeggia il suo 15 ° compleanno

    il Museo Mercedes-Benz festeggia il suo 15 ° compleanno


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.