I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Imprese e Professioni
Apre Tàscaro, il bàcaro che porta la tradizione veneta a Milano

Una cucina autentica che spazia tra cichéti, spritz e suggestioni contemporanee

I sapori della Laguna de Venesia e il suo dna gastronomico sbarcano nell’elegante e multietnico quartiere di Porta Venezia con l’apertura di Tàscaro, il primo bàcaro nel cuore di Milano che rivisita un simbolo della cultura veneziana attraverso un format di nuova generazione.

Tàscaro, in via Sirtori 6 a Milano.

Cucina, prodotti, team e design: tutto parla di questo territorio con l’obiettivo di far rivivere la sua atmosfera e i suoi sapori veraci con un piglio contemporaneo. Si parte da un attento recupero delle ricette della nonna curato negli anni dalla fondatrice Sandra Tasca, da sempre appassionata di buon cibo e da diversi anni consulente nell’ambito della ristorazione, che annovera nel suo curriculum format di successo come Al Mercato e The Botanical Club oltre ad importanti realtà di riferimento nell’ambito panificazione, pizzerie e lievitati.

SANDRA TASCA

Sandra TascaSandra Tasca

“Quando ho deciso di aprire Tàscaro la mia idea è stata quella di celebrare una cucina dai sapori genuini, quelli che ricordano i pranzi della domenica in famiglia. Ho recuperato i vecchi ricettari delle donne di casa selezionando le preparazioni più significative" ci confida con una punta d'orgoglio Sandra Tasca, l'ideatrice del primo "bàcaro veneziano a Milano", cui ha dato il proprio nome, con una bella crasi fra Tasca e bàcaro.

LO CHEF TESEO FENINI

Il twist sulle ricette della nonna è stato ordito dall’eclettismo culinario dello chef Teseo Fenini, con esperienze Al Mercato e al The Yard, che ha saputo esaltare i diversi piatti iconografici puntando sulla cifra stilistica più autentica.

I sapori della tradizione tra cichéti, Tàscari, ombrete e differenti varianti di spritz.

Il menu di Tàscaro è una sintesi di sapori che hanno saputo tramandarsi nel corso degli anni, ma soprattutto una rilettura di piatti regionali in chiave contemporanea e dinamica da mangiare sul posto o a casa. Le proposte, tutte disponibili in piccole porzioni ( appunto, cichéti), e d’asporto, raccontano le ricette della laguna attraverso un’attenta ricerca delle materie prime del territorio. Tra i produttori selezionati spicca la nota macelleria Carlo Alberto in provincia di Verona, un punto di riferimento per chi cerca carni di qualità, etiche e sostenibili, e l’azienda agricola Riccardo, una realtà vinicola d’eccellenza famosa per il suo prosecco.

CICHETI E TASCARI

Il menù si divide tra cichèti e Tàscari, simbolo del locale che rappresenta l’evoluzione 2.0 del classico tramezzino veneziano: un bocconcino a mezza luna, dalla caratteristica forma panciuta e a sorriso, realizzato in collaborazione con la veneta Aurora Zancanaro del micro panificio milanese LePolveri, che ha creato un impasto a base di farine vicentine biologiche selezionate, di tipo 1 e semintegrali. Disponibili in molteplici varianti, i Tàscari saranno farciti con sughi e ingredienti del territorio come i moscardini in umido, i fagioli in salsa alla veneta e il baccalà alla vicentina.

GLI SPRITZ

Diversi gli spritz con cui abbinarli: proprio come avviene in un autentico bàcaro è disponibile la variante con vino e selz, Aperol, Campari, Select e Cynar. Per chi invece ama l’amaro, il consiglio è di degustare un rinfrescante Leone, cocktail pre dinner tipico di Bassano del Grappa dalle caratteristiche molto particolari, costituito da distillato di ginepro, vino aromatizzato, aromi naturali, erbe aromatiche e zucchero, con gradazione alcolica di soli 20 gradi, che inizia a riscuotere sempre maggior successo anche fuori sede.

Immancabile in carta un vero status symbol dell’aperitivo veneziano come l’ombreta, che in dialetto significa appunto bicchiere di vino proposto nel tipico formato da osteria che rappresenta un vero rituale di fine giornata per gli abitanti della città.

CICHETI VENETI, MA NON SOLO

Oltre ai cichéti veneti come sopressa, polenta e schie, ecco i tipici gamberetti della laguna, e sfiziose polpettine di carne. Quotidianamente saranno proposti svariati piatti cult, interpretati con il tocco eclettico e la mano leggera dello chef Fenini. Per chi vuole fermarsi a cena, o farsi un aperitivo lungo, i must saranno il baccalà mantecato, il fegato alla veneziana, la zuppa di trippa, le seppie in nero con polenta bianca e le sarde in saor più qualche piatto a sorpresa.

La cantina è in sintonia territoriale con il menu e prevede una selezione sapiente di un numero di etichette particolarmente espressive del dna regionale e capaci di esaltare al meglio il campionario di specialità venete proposte dal locale.

Un bacaro di moderna concezione tra arte, design e identità veneta.

tascaro1

L’interior design del locale è stato firmato dall’architetto Elisa Pascotto dello studio Unreal Architects e docente per corsi di alta formazione di design d’interni nel mondo ho.re.ca, che con Sandra Tasca condivide radici venete e passione per il mondo della ristorazione. “Quando Sandra ha condiviso con me la sua visione di Tàscaro ho subito immaginato come poter dar forma alle sue idee attraverso la realizzazione di un locale dal design contemporaneo e urbano, in grado al contempo di esaltare la matrice veneziana del progetto. Ho pensato così a come esaltarla"

L’interior design del locale punta a far emergere anche a livello visivo lo spirito e la dimensione conviviale tipica di questi luoghi attraverso un’architettura sapiente che rievoca il fascino delle calli veneziane e un’attenta ricerca sui materiali con ampio uso di grais porcellanato, legno e ferro. Tanti i richiami all’arte e i giochi con la simbologia di Venezia: dalla scenografica presenza sulla parete della sala principale dei 4 cavalli che rappresentano il gruppo scultoreo presente sulla facciata della Basilica di San Marco simbolo di forza e potere, al logo del ristorante che richiama la ben nota pittura veneziana, fino alle opere d’arte contemporanea firmate da un talento siciliano che verranno rese note solo all’apertura del locale.

Un'ombreta de vin da Tàscaro, in via Sirtori 6 a Milano

Commenti
    Tags:
    tascarobacarobacaro milanospritztradizione venetasandra tascateseo feniniaurora zancanaro
    in evidenza
    Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

    Paparazzati in un hotel di lusso

    Casaleggio-Sabatini, che coppia
    Mano nella mano in dolce attesa

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

    Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo


    casa, immobiliare
    motori
    Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes

    Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.