I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Imprese e Professioni
Centro Mounier - Diretta Streaming - Curare e guarire dal Covid-19 a domicilio

Centro Culturale Cattolico Emmanuel Mounier - Milano - Come curare e guarire l'infezione da Covid-19 a domicilio. Conferenza e Dibattito in Diretta Streaming: 2/3/2021 ore 18:15 – 19:45 ---Ormai da oltre un anno siamo alle prese con la peggior epidemia vista dopo l’influenza spagnola di un secolo fa. La gran parte degli Stati, dopo alcune incertezze iniziali, ha reagito con estese limitazioni alle attività tipiche del vivere civile (lockdown, chiusure di attività economiche, didattica a distanza, mondo dello spettacolo fermo, manifestazioni sportive annullate o fortemente ridotte etc.) in attesa di una vaccinazione di massa che consentisse di ottenere una immunità di gruppo e, con essa, la riconquista della libertà di vivere (quasi) normalmente.
Canale Youtube: www.youtube.com/channel/UCCq_P4NKIjMFw3rhgs3KoMw 
Pagina FB: www.facebook.com/centro.mounier

I grandi sforzi profusi dal settore farmaceutico

L’Italia non ha fatto eccezione a questo approccio generalizzato, impostato più o meno rigidamente sull’alternativa “o lockdown o vaccino”. Adesso, se da un lato c’è motivo di rallegrarsi per il fatto che i grandi sforzi profusi dal settore farmaceutico (in sinergia con i Governi dei principali Stati) hanno permesso la messa a punto di vaccini efficaci contro il Covid-19 già da tre mesi, dall’altro constatiamo quanto sia difficile arrivaread una vaccinazione di massa a breve termine, e questo non tanto per problemi logistici di somministrazione (che peraltro esistono ma non sono il fattore limitante), quanto per la mancanza di dosi di vaccino da iniettare. Occorrerà probabilmente tutto il 2021 per avere vaccini per tutti.

Una possibilità aggiuntiva

Ma allora diventa ancora più attuale ed urgente volgere l’attenzione ad una possibilità aggiuntiva di affrontare l’epidemia da Covid-19, quella che forse avrebbe dovuto essere la "prima scelta" e meritare la massima attenzione fin dall'inizio in attesa del vaccino, e che accenda almeno a partire da oggi qualche luce in più nel tunnel in cui questa epidemia ci ha cacciato: la ricerca e l'applicazione di terapie per la cura di questa infezione.

E non ci riferiamo soltanto alle fondamentali ma comunque impegnative somministrazioni di plasma iperimmune o di nuovi anticorpi monoclonali, ma soprattutto alle più semplici ma non per questo scontate terapie sviluppate ed impiegate con successo ormai da molti mesi "sul campo"grazie alla generosità, al coraggio, all'esperienza e alla capacità di ragionare sui fatti di decine di medici e scienziati, la maggior parte dei quali impegnati in prima persona a diretto contatto con i propri pazienti, terapie somministrate nelle fasi iniziali dell’infezione, presso il domicilio dei pazienti stessi, senza dunque sovraccaricare le strutture ospedaliere, esattamente come accade ormai da anni nella cura di molte altre malattie infettive.

L'approccio terapeutico a domicilio

Purtroppo questo approccio terapeutico non ha finora raccolto la necessaria attenzione né delle organizzazioni sanitarie deputate a tracciare la linea di azione per il contrasto alla epidemia, né dei media, né del mondo politico, il quale non ha saputo/potuto valorizzare e mettere in campo queste terapie attraverso un adeguato rafforzamento della medicina territoriale, come offuscata nella sua capacità di analisi e sintesi curativa dal velo di Maia di un sistema “ospedale-centrico” e burocratico ingessato nei propri schemi abituali ancor più nell'emergenza della situazione e abbandonatosi all’attesa quasi messianica di un vaccino, cui si è integralmente votato fin dai prodromi dell’epidemia.

Il Centro Culturale Emmanuel Mounier

In questo incontro, reso possibile grazie all’attenzione del Centro Culturale Emmanuel Mounier su questi temi, alcuni stimati professionisti racconteranno le loro storie di successo, e coraggio, nella somministrazione di terapie precoci per la cura delle infezioni da Covid, nell’intento di contribuire a strapparle dall’anonimato nel quale esse sono state lasciate finora a languire, e possano avere quanto prima un posto di rilievo accanto alle misure di contenimento dell’infezione in attesa e verso la vaccinazione di massa.
E che almeno risulti più chiaro quanto sia inopportuno ed errato affrontare le fasi iniziali dell’infezione “con Paracetamolo e vigile attesa”. L’uso di questi due “ingredienti” oggi, è talvolta l’anticamera della terapia intensiva e di un successivo esito infausto domani: poiché, dopo mesi di pratica clinica, questo fatto risulta ormai accertato con ragionevole certezza e, al contrario, è risultato evidente che un intervento tempestivo e precoce con terapie domiciliari accessibili a chiunque impedisce alla malattia da Covid-19 di evolvere oltre la soglia di pericolo: è un dovere per tutti, ognuno secondo le proprie capacità, far in modo che la “macchina” sanitaria ne tenga conto.

Centro Culturale Cattolico Emmanuel Mounier - Milano
centro.mounier@gmail.com - facebook.com/centro.mounier - @CentroMounie
r

centro
 
Commenti
    Tags:
    centromounierdiretta streamingcurareguarirecoviddomicilio
    in evidenza
    House of Gucci, guarda il trailer Jared Leto irriconoscibile. FOTO

    Lady Gaga guida un cast stellare

    House of Gucci, guarda il trailer
    Jared Leto irriconoscibile. FOTO

    i più visti
    in vetrina
    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

    Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


    casa, immobiliare
    motori
    BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

    BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.