I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Imprese e Professioni
CrowdFundMe lancia la campagna di equity crowdfunding di Sixth Millennium

Al Park Hyatt di Milano Jonathan Pacifici ha presentato ad un folto pubblico di investitori la campagna di Sixth Millennium su CrowdFundMe.

Tutti possono partecipare al miracolo economico della Startup Nation 🚀 investendo nel primo gruppo di Venture Capital israeliano che apre il suo capitale al pubblico italiano.

CrowdFundMe, unica piattaforma di crowdinvesting (equity crowdfunding, real estate crowdfunding e corporate debt) quotata a Piazza Affari, lancia la campagna di equity crowdfunding di Sixth Millennium.

IL MERCATO HI-TECH ISRAELIANO

Parliamo di una holding industriale che acquista partecipazioni in startup ad alto contenuto tecnologico – cybersecurity, IoT, Big Data Analytics e fintech – con un focus sul mercato israeliano. La società fa parte del network di Sixth Millennium Venture Partners , il gruppo di Venture Capital israeliano fondato da Jonathan Pacifici (già General Partner di Wadi Ventures e Presidente del Jewish Economic Forum) e dal Prof. Reuven Ulmansky (veterano della 8200 – unità delle forze armate israeliane specializzata in cybersicurezza –  con esperienze nell’IAI – Israel Aerospace Industries – e Intel, docente di Technology Entrepreneurship alla Ben Gurion University).

ISRAELE HUB TECNOLOGICO

Con circa 7 miliardi di dollari di investimenti in startup (nel 2018) ed exit per 21 miliardi (2018, Fonte IVC), Israele è oggi uno dei principali hub tecnologici del pianeta. Investire in Sixth Millennium significa avere accesso, da un lato, a un portafoglio diversificato di startup israeliane attive nei settori a più alta crescita come cybersecurity, IoT, Big Data Analytics e fintech, dall’ altro, ai centri di ricerca e sviluppo di importanti multinazionali presenti nel Paese, con cui la holding ha degli stretti rapporti di collaborazione, quali Microsoft, Google, IBM Alphazone, Amazon, 8200 EISP, Gvahim, Siftech e anche le technology transfer company delle Università. Gli investimenti sono finalizzati alla realizzazione di plusvalenza dalle posizioni nelle singole startup, attraverso la cessione delle quotedelle partecipate a raggiungimento di exit (M&A, IPO etc.). In tutti questi casi la holding non accumula capitali, ma ridistribuisce gli utili ai soci. Una volta consolidato il portafoglio delle partecipate, Sixth Millennium ha tra i suoi obiettivi quello di puntare alla quotazione in modalità “crowdlisting”.

Jonathan Pacifici
 

Jonathan Pacifici e Reuven Ulmansky vantano un’esperienza decennale nell’ecosistema di Venture Capital israeliani. Un loro precedente veicolo di pre-seed ha investito in 15 startup, alcune delle quali già valutate decine di milioni di dollari. Sixth Millennium intende investire i capitali raccolti nella campagna di equity crowdfunding su CrowdFundMe, che punta a un primo obiettivo economico di 500mila euro, in un portafoglio differenziato con società attive nei vari settori di competenza come cybersecurity, Big Data, telefonia mobile e tecnologia cloud (nella foto Jonathan Pacifici)

Per saperne di più sulla campagna di equity crowdfunding di Sixth Millennium su CrowdFundMe: 

https://www.crowdfundme.it/projects/sixth-millennium/

CROWDFUNDME

CrowdFundMe è una delle principali piattaforme italiane di Crowdinvesting (Equity Crowdfunding, Real Estate Crowdfunding e Corporate Debt) ed è il primo portale a essersi quotato nella storia di Piazza Affari (marzo 2019). La società, oggi una PMI Innovativa con sede a Milano, è stata fondata nel 2013. L’anno di piena operatività sul mercato, tuttavia, è il 2016.

Il portale offre la possibilità di investire in società non quotate come startup o piccole e medie imprese, accuratamente selezionate tra quelle che presentano il maggiore potenziale di crescita. Gli investitori, sia retail che istituzionali, hanno così l’occasione di diversificare il proprio portafoglio investendo in società non quotate.

Ma CrowdFundMe offrirà anche strumenti fixed income, poiché nei primi mesi del 2020 inizierà a collocare titoli di debito. Inoltre, la società è entrata nel registro deilisting sponsor di ExtraMOT Pro3, il segmento obbligazionario di Borsa Italiana dedicato alle società non quotate per emissioni fino a 50 milioni di euro ciascuna.

CrowdFundMe, quindi, potrà non solo emettere titoli di debito (mercato primario) ma anche quotarli e seguire l’emittente per tutta la durata dello strumento (mercato secondario). Per il portale si apre così un nuovo canale di business in un mercato da 4,3 miliardi di euro (dato 2018, fonte: 5° Report italiano sui Mini-Bond del Politecnico di Milano).

Infine, CrowdFundMe può fare operazioni di “Crowdlisting”. Ovvero campagne di equity crowdfunding propedeutiche a successive quotazioni in borsa delle emittenti interessate.

Azioni ordinarie: ISIN IT0005353575

Commenti
    Tags:
    crowdfundmeequity crowdfundingsixth millenniumjonathan pacificitrendiest
    in evidenza
    Excel, scoppia la polemica social "E' più importante della storia"

    Il dibattito sulla scuola

    Excel, scoppia la polemica social
    "E' più importante della storia"

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

    Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.