I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Imprese e Professioni
Impianti sciistici. Usuelli dice "Basta criticare, ognuno faccia la sua parte"

Rinvio aperture impianti sciistici, Michele Usuelli (Più Europa-Radicali) dichiara: “Come politici non possiamo essere tifosi di aperture o chiusure, serve lavorare per il miglioramento dei protocolli di sicurezza. A dicembre abbiamo approvato all’unanimità una mozione per i test rapidi a fondo pista, ma poi nessuno ha portato il tema in conferenza Stato-regioni”. All’indomani della decisione, da parte del governo italiano, di rinviare la riapertura degli impianti invernali nelle regioni montane fino al 5 marzo, anche in Lombardia il tema della sostenibilità della riapertura torna a farsi sentire. I protocolli di sicurezza a livello nazionale e regionale per il settore invernale sono stati migliorati negli scorsi mesi.

Introdurre i test rapidi sulle piste della Lombardia

In Regione Lombardia, Michele Usuelli di Più Europa-Radicali fin da dicembre 2020 ha proposto una mozione urgente per l’introduzione dei test rapidi ogni 3 giorni sulle piste da sci, poi sottoscritta da tutti i capigruppo in Consiglio regionale e approvata all’unanimità. L'utilizzo dei test rapidi seriali, in particolare, è uno strumento che consentirebbe la riapertura con un ulteriore margine di sicurezza, tutelando sciatori, personale e tutta la bolla che "muove la montagna".

Impegno non rispettato dalla Regione

In occasione dell’approvazione della mozione, Michele Usuelli aveva ottenuto dai vertici regionali l’impegno a presentare la misura in conferenza Stato-Regioni ai fini del miglioramento del protocollo condiviso. A ciò non è però stato dato seguito, di fatto arenando i tentativi di miglioramento delle misure di sicurezza e contribuendo alla situazione di stallo odierna.

Michele UsuelliMichele Usuelli

Michele Usuelli commenta dunque così il rinvio della riapertura degli impianti sciistici: “Fin da prima di Natale abbiamo lavorato per il miglioramento dei protocolli di sicurezza, nello sci come in tutti gli altri settori. Dopo l’approvazione della mia mozione urgente a inizio dicembre, abbiamo lavorato perché Regione Lombardia sottoponesse all’attenzione della conferenza Stato-Regioni questa misura, inizialmente non prevista dai protocolli di sicurezza per gli sport invernali. Nulla però è successo, e a metà febbraio ci troviamo ancora con gli impianti chiusi. Ora, come politici non possiamo permetterci di tifare pro o contro chiusure o riaperture, ma dobbiamo sviluppare protocolli il più completi possibili, in modo da essere pronti a ripartire non appena le condizioni lo consentiranno. Al netto dell’andamento dell’epidemia, occorre che ci interroghiamo con continuità su cosa si può o non si può fare, su cosa si può migliorare, su quali soluzioni possono essere trovate per consentire a vaccinati e guariti di tornare a intraprendere specifiche attività, compresa quella degli sport di montagna. Servono però ascolto e collaborazione attivi a tutti i livelli, regionale e nazionale, fra maggioranza e opposizione, altrimenti continueremo a sacrificare l’efficienza e a inseguire l’epidemia piuttosto che a conviverci”.

Puntare su una comunità di persone con anticorpi

Già qualche giorno fa, Michele Usuelli, unico medico presente nel Consiglio Regionale della lombardia, diceva ad Affari Italiani: “Il mio consiglio all’assessore e alla giunta è il seguente: se il virus deve circolare il meno possibile e dobbiamo ottenere che ciò avvenga il più rapidamente possibile, più che parlare di Pil e di dare i vaccini alle regioni più ricche, il tema è di puntare su una comunità di persone con anticorpi, ovvero i vaccinati e i guariti dalla malattia. È questo un modo più utile per far ripartire il motore economico d’Italia. In questo senso Regione Lombardia dovrebbe seguire criteri scientifici e non di ricchezza per il piano vaccinale, e incoraggiare chi è guarito dalla Covid-19 a evitare di vaccinarsi per il momento, lasciando priorità a chi non si è mai ammalato. In questo modo anche l’immunità di gregge sarà raggiunta molto più velocemente”.

Commenti
    Tags:
    rinvioimpianti sciisticimichele usuellipiù europa-radicalitrendiest news
    in evidenza
    Diletta Leotta, incidente a luci rosse a Scherzi a Parte. LE FOTO

    Lo scherzo e l'imprevisto

    Diletta Leotta, incidente a luci rosse a Scherzi a Parte. LE FOTO

    
    in vetrina
    Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

    Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile


    motori
    Nuova Peugeot e-208, 400 km di autonomia grazie ad un nuovo motore elettrico

    Nuova Peugeot e-208, 400 km di autonomia grazie ad un nuovo motore elettrico

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.