I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Imprese e Professioni
Le polizze su misura di Lokky. Intervista all’AD Paolo Tanfoglio

Lokky è il primo broker digitale esclusivamente dedicato al cliente e alla sua attività e collabora con solide Compagnie di Assicurazione operanti sul mercato italiano. Non è un comparatore, Lokky disegna la polizza su misura per le esigenze di ciascuna persona per aiutarla a spendere meglio, spendere meno, ma sempre garantendo un livello di copertura adeguato ai reali rischi della sua attività. Lokky è iscritto al Registro Unico degli Intermediari dell’IVASS ed è stato insignito del premio Miglior Prodotto Digitale per il Mercato Corporate 2020 dell’Italian Insurtech Summit.

Intervista a Paolo Tanfoglio

Come nasce Lokky?

Sono cresciuto in una famiglia di imprenditori, a stretto contatto con aziende locali e con un tessuto produttivo molto radicato sul territorio. Dopo alcune esperienze di studio e di alta formazione a Londra, ho lavorato in Italia e all’estero in grandi realtà internazionali della consulenza nei settori finanziari, per poi intraprendere dopo 10 anni la carriera imprenditoriale: negli ultimi anni mi sono occupato di servizi per il credito alle PMI e del lancio di un’iniziativa nel settore dei viaggi outdoor. Le esperienze in consulenza e nel credito alle piccole e medie imprese mi hanno sempre fatto pensare che anche in Italia si potesse innovare nei servizi bancari e assicurativi. Con Sauro Mostarda, co-founder & Executive Director di Lokky e amicizia dai tempi dell’MBA, abbiamo capito che c’era la possibilità di aiutare il tessuto imprenditoriale italiano fatto di piccole e medie imprese, innovando i prodotti assicurativi rivolti a questo mondo e il modo di proporli.

Cosa significa essere una insurtech company? Come innova la società?

lokkyPaolo Tanfoglio

Lokky è il primo broker assicurativo digitale rivolto a micro imprese, professionisti e freelance; selezioniamo a monte i nostri partner assicurativi in base alle caratteristiche dei prodotti che riteniamo più idonei per la nostra clientela e li digitalizziamo in modo tale che possano essere acquistati direttamente online.

Possiamo definirci una insurtech company nella misura in cui proponiamo soluzioni assicurative in una modalità totalmente innovativa per il mercato italiano, utilizzando i canali digitali per sottoporre a imprenditori e piccole e medie imprese un’offerta in tempo reale e paperless che gli consente di sottoscrivere una polizza in meno di 10 minuti, interagendo esclusivamente con la nostra piattaforma online: dalla comprensione dei bisogni assicurativi, alla personalizzazione del prodotto, passando per il pagamento sino ad arrivare all’emissione e alla sottoscrizione del contratto.

Attualmente copriamo le esigenze assicurative di più di 200 tipologie di clienti con soluzioni che vanno dall’Infortunio, a Danni al fabbricato, Responsabilità Civile, Malattia, RC Collaboratori, Danni al contenuto, Furto, Responsabilità amministratori, RC Professionale, Tutela legale e Altri danni ai beni.

logo lokky

Da un punto di vista tecnologico Lokky ha due caratteristiche principali: la prima è l’innovazione di processo, abbiamo digitalizzato un iter che, ad oggi, è sempre stato offline, basato sulla relazione fisica e sulla documentazione cartacea; la seconda innovazione riguarda, invece, il lavoro dei nostri data scientists: Lokky ha sviluppato, infatti, un algoritmo proprietario per la profilazione del cliente in grado di proporgli il miglior prodotto date le sue esigenze assicurative, eliminando così costi superflui e coperture non necessarie presenti, spesso, nell’attuale panorama assicurativo rivolto alle micro imprese e ai singoli professionisti.

Attualmente, infatti, i prodotti offerti dal mercato basano il calcolo del premio su pochissimi parametri, non riuscendo veramente a differenziare offerta e premio sulla base delle esigenze specifiche del cliente. Lokky utilizza le informazioni disponibili relative all’azienda, come ad esempio quelle presenti in camera di commercio o i dati reperibili in maniera automatizzata sul web. Grazie a queste informazioni è possibile offrire al cliente un miglior servizio di consulenza assicurativa che difficilmente riceverebbe nel mercato tradizionale per i vincoli di tempo e redditività tipici di un servizio erogato di persona.

Le assicurazioni sono pronte per una soluzione così innovativa? Quale è la situazione attuale in Italia?

La situazione nel panorama assicurativo italiano è molto eterogenea: ci sono assicurazioni che nascono digitali e sono, quindi, nativamente pronte per essere integrate in una piattaforma online e ci sono, invece, compagnie più tradizionali e restie al cambiamento.

Sicuramente il mercato sta vivendo una fase di trasformazione senza precedenti, le tecnologie in rapida evoluzione e i cambiamenti nei comportamenti dei clienti stanno modificando la progettazione e l’offerta di prodotti e servizi assicurativi.

Solo due anni fa, ad inizio 2019, abbiamo incontrato più di 20 compagnie operanti nel mercato italiano e pochissime tra di esse erano pronte, sia per ragioni tecnologiche, sia per ragioni di equilibri interni da gestire; prima di concentrarsi sull’ideazione di prodotti innovativi è necessario, infatti, creare strutture che favoriscano l’innovazione e pianificare come incorporare queste soluzioni all'interno dell'azienda una volta che siano state sviluppate e testate.

Ad oggi, invece, abbiamo stretto partnership con 5 compagnie assicurative e altre sono interessate a intraprendere un percorso di innovazione e digitalizzazione al nostro fianco; altre assicurazioni ancora stanno, invece, percorrendo questo iter in maniera autonoma o con altre insurtech del mercato italiano.

A differenza di altri prodotti, come l’Auto, non tutti i clienti professionali conoscono le nuove possibilità offerte loro sul canale digitale, ed è per questo che un ampliamento dell’offerta, e del livello di attenzione da parte delle Compagnie, è cruciale per sostenere la crescita del mercato.

Su questo fronte, sicuramente, il lockdown è stato un vero e proprio acceleratore sia sui clienti finali sia, soprattutto, sulle compagnie tradizionali che sono state “costrette” a guardare alle potenzialità del digitale anche per l’offerta rivolta alle micro-imprese e ai professionisti.

A ottobre avete chiuso un Round da 1mln di Euro che ha visto l’ingresso di investitori privati strategici. Avete in programma un altro funding per il 2021? Se sì, quale è indicativamente l’obiettivo di raccolta? Quali tipologie di investitori cercate?

Il nostro obiettivo è offrire un’esperienza sempre più personalizzata ed in linea con le esigenze dei clienti, sia in termini di servizio che di prodotti offerti, attraverso l’implementazione di nuovi strumenti e soluzioni ad hoc che portino anche a un ulteriore miglioramento della user experience sulla piattaforma.

Per raggiungere questo traguardo ambizioso abbiamo sicuramente bisogno di ulteriori investimenti; al momento non abbiamo ancora delle tempistiche precise, ma ipotizziamo un ulteriore funding già nella seconda parte del 2021: il nostro scopo è quello di coinvolgere operatori che siano in grado di apportare un valore strategico al nostro percorso di crescita, siano essi di natura finanziaria o industriale. 

Quali sono i vostri obiettivi di crescita per il 2021? Prevedete di assumere altre risorse?
Negli ultimi mesi abbiamo ricevuto numerose proposte da parte di potenziali partner che offrono già servizi e prodotti a micro-imprese e a professionisti; i nostri obiettivi di crescita non sono quindi meramente quantitativi ma, soprattutto, qualitativi: per noi è fondamentale presentare al cliente finale un’offerta totalmente integrata che sia in grado di risolvere un problema, indipendentemente dalla composizione della soluzione.

Attualmente stiamo selezionando ulteriori risorse da inserire nel nostro team, con un focus su profili che abbiano una expertise nel settore tecnologico e assicurativo, e prevediamo che questo percorso di crescita del team continuerà in modo costante durante tutto l’anno. 

Commenti
    Tags:
    polizze su misuralokkypaolo tanfogliosauro mostardaassicurazionitrendiest news
    in evidenza
    Kardashian, lato B o lato A? E il tatto di lady Vale Rossi...

    Diletta, Wanda... che foto

    Kardashian, lato B o lato A?
    E il tatto di lady Vale Rossi...

    i più visti
    in vetrina
    Alica Schmidt eletta l'atleta più sexy di Tokyo 2020

    Alica Schmidt eletta l'atleta più sexy di Tokyo 2020


    casa, immobiliare
    motori
    Si rubano circa 70 motoveicoli al giorno in Italia

    Si rubano circa 70 motoveicoli al giorno in Italia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.