A- A+
Imprese e Professioni
Milano. Alla Pesa Pubblica di via Melzo “Tra sacro e profano” di Alfredo Romìo

La Pesa Pubblica di via Melzo 19 Milano presenta, dal 20 Giugno e sino al mese di Settembre, la mostra “Tra sacro e profano”, di Alfredo Romìo, selezione di opere di questo giovane artista, che reinterpreta figure del mondo religioso in chiave moderna. Sono ritratti di Papi del 900, come Pio X e Giovanni Paolo II, icone che, con la loro posizione, identificano il potere del Pontificato e la loro politica.

I PAPI ATTORI E MODELLI

Pio X è un moderno James Dean, pontefice altamente spirituale e un pastore, con il suo volto che prega, Giovanni Paolo II è un modello di Versace dall’aspetto nordico, immagini forti, quasi isteriche, come ama definirle il giovane e apprezzato artista.

Ognuno di essi viene interpretato da un modello diverso e mai è raffigurato il vero volto, affinché si ricrei la messa in scena, l’imitazione e, attraverso le decorazioni, le posizioni e i colori, si risalga all’identità politica, sociale e pastorale del Pontefice rappresentato. I lavori sono realizzati su stampa banner, utilizzata per la pubblicità urbana, facendo riferimento al valore sociale della figura del pontefice, sulla quale viene applicata la pittura, in maniera materica, per esaltare la bellezza della campitura pittorica, la gestualità del pennello, contemporaneamente alla pulizia che concede la stampa, facendo entrare in contrasto i due metodi espressivi.

KITCH

Gli altri lavori a sfondo religioso sono riletti in chiave kitch contemporanea che strizza l’occhio al concept e alla cultura LGBT. Tra le opere esposte il pubblico potrà ammirare un Gesù Bambino reinterpretato che si ispira al bambino trovato morto sulle spiagge della Turchia, per un’appartenenza ideologica che non gioca con le vite umane, è un piccolo sarcofago che sposta l’attenzione sulle persone e il loro diritto alla vita. E’ una piccola tela 30x40 con telaio largo, come le teche con i corpi dei santi che si trovano sotto gli altari delle chiese.

La tecnica usata comporta tempi lunghi, si parte dalle foto elaborate poi con photoshop, poi stampate su plastica e ridipinte su olio e acrilico e poi intelaiate.

Non manca la Tentazione di Cristo nel deserto, che Alfredo Romìo ha collegato alla dipendenza dal sesso delle nuove generazioni. Satana è rappresentato con due teste-che sono in realtà i volti di due attori del mondo della pornografia americana, un profilattico copre tutto il corpo e una terza figura porta un guinzaglio che è la vergogna. Si parte da un concetto che poi si evolve.

La Passione di Nate Turner, poi, primo schiavo ribellatosi nel Sud degli Stati Uniti, ha il volto di un famoso attore Hollywoodiano, che ha anche messo il mi piace su Instagram all’artista. Dietro di lui, due figure bianche hanno in mano una forca per impiccarlo, il martirio per una giusta causa, perhè da quel momento partì la lotta per la liberazione dalla schiavitù a livello globale.

Alfredo Romìo

Romìo, di origine calabrese, ha studiato in Sicilia. “Alfredo Romio, analizzando il grande bagaglio iconografico dell’arte aulica crea, anche con l’ausilio di pratiche digitali, delle basi immaginifiche condite di estrema ironia, sulle quali interviene poi pittoricamente, dando vita a degli irriverenti santini popolari di grande formato” Prof. Stefano Pizzi, Titolare della Cattedra di Pittura dell’Accademia di Belle Arti di Brera

turner

“Come artista, la mia produzione esalta la bellezza del corpo umano, immerso in un mondo religioso, patinato e accattivante. I corpi di Santi e Martiri diventano cibo per gli occhi così come lo erano le cattedrali barocche, attraverso un’esecuzione inizialmente severa e rigorosa, poi gestuale e bidimensionale, dando alla luce opere che esaltano la leggerezza, il piacere, l’estasi, partendo dal fascino carnale della fede. Esiste un vero e proprio piacere parafiliaco nella materia pittorica, che proprio per questo motivo viene inserita sull’immagine stampata altrimenti già pronta. Si tratta di una produzione che, sebbene sia pregna di ambiguità, non è anticattolica, ma è il frutto di una mente che vede la fede come scintillante e desiderabile, arricchita di elementi Pop, estetica barocca, e liberalismo sessuale. E’ il prodotto di un cristianesimo edonistico, di una filosofia eretica, ma Appassionata”.  Alfredo Romìo

Il Movimento “Potsch”

Alfredo Romio è fondatore e promotore del movimento “Potsch”, formato dalle parole Pop e Kitsch, che si inserisce all’interno di un contesto Pop, con l’utilizzo di elementi e personalità, ma anche di personaggi di letterari o religiosi, popolari, per mezzo di un’estetica che si serve degli elementi kitsch, quali il luogo comune, il sentimentalismo patetico, la sensualità inopportuna, il pornokitsch.

Inizialmente nasce mediante l’applicazione della tecnica tradizionale, realistica, ma con il maturare del concetto dietro ai dipinti, si cominciano ad inserire elementi di rottura con l’accademismo, come l’eliminazione del panneggio, e l’appiattimento completo in stile poster, riequilibrati da un’impostazione pittorica tradizionale, evitando quindi l’imitazione della fotografia dilettantistica “da smartphone” (prospettive distorte, selfie). I contrasti di colore si sostituiscono ad ambientazioni cupe e naturalistiche, le quali sono ammesse esclusivamente con colori alterati, in modo che l’immagine, estremamente semplificata, risulti più immediata e viva.

La rappresentazione di personaggi sacri o letterari, si presta quindi alla creazione di icone, servendosi di elementi iconografici tradizionali applicati ad una rappresentazione caustica e patinata, non dissacrando il soggetto, ma elevandolo a “mito” televisivo, musicale, commerciale.

La serie “Iconography” esalta quindi la bellezza del corpo umano, immerso in un mondo religioso e accattivante. I corpi di Santi e Martiri diventano cibo per gli occhi così come lo erano le cattedrali barocche, attraverso un’esecuzione inizialmente severa e rigorosa, poi gestuale e bidimensionale, dando alla luce opere che esaltano la leggerezza, il piacere, l’estasi, partendo dal fascino carnale della fede.

Il tutto è necessario che venga dipinto ad olio sulla tela, poiché è l’atto del dipingere che mima un vero e proprio amplesso per dare alla luce un prodotto tangibile e, cosa più importante, godibile. Ciò che ispira il lavoro finito è, spesso, il modello stesso: studiandone i lineamenti e la forma fisica, si arriva alla completa associazione con una figura storica o religiosa (è il caso del dipinto “Vergine Maria”, ispirato dalla glaciale bellezza dell’attrice Cate Blanchett).

I dipinti vengono così concepiti per un ambiente ecclesiastico scintillante e desiderabile, inserendo elementi di cultura Pop, estetica barocca, liberalismo sessuale, confezionando il prodotto di un cristianesimo edonistico, con una filosofia sicuramente eretica, ma appassionata.

BIOGRAFIA ALFREDO ROMIO

Alfredo Romio nasce a Corigliano Calabro (CS) il 30 Agosto 1994. Dal 2004 al 2013 studia pittura sotto il Maestro Alfonso Pietro Caravetta e, da lì, partecipa a tre mostre collettive, due organizzate dall’INTERACT Club nel 2010 e nel 2013 ed una con il Maestro Caravetta nel 2012. Dal 2012 al 2015 è iscritto all’ Istituto Superiore di Studi Musicali PI Tchaikovsky di Nocera Terinese (CZ) dove compie approfonditi studi di Teoria Musicale, Violino e Pianoforte; contemporaneamente è Secondo Violino dell’Orchestra Filarmonica della Calabria. Il 19 Luglio 2017 prende il Diploma di Primo Livello in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Catania. Il 13 Agosto 2017 inaugura la sua prima mostra personale, patrocinata dal comune di Corigliano Calabro, dal titolo “Iconography”, esponendo undici dei lavori più rappresentativi del percorso di ricerca del triennio. Entra a far parte dell’Accademia di Belle Arti di Brera nell’anno accademico 2017-18 per conseguire il Diploma di II Livello in Pittura. Nel Maggio 2018 viene scelto come vincitore del 1° Premio ex aequo del concorso “150 Paul Harris” indetto da Rotaract Club Ravenna, Rotary Club Ravenna e Rotary Club Ravenna Galla Placidia e i suoi tre studi sul ritratto di Paul Harris vengono esposti al MAR (Museo d’Arte della città di Ravenna). Nel Luglio dello stesso anno partecipa all’evento annuale “Brera Accademia Aperta 2018” rappresentando l’indirizzo di Pittura dell’Accademia di Brera e ad Ottobre è vincitore della prima edizione di “Open Innovation Art”, dove due lavori in esposizione alla Cariplo Factory del Base di Milano vengono acquistati ed esposti permanentemente in loco.

Sempre ad Ottobre, il suo lavoro “Ornithogalum” ideato per il calendario di “Fiera Milano Media” 2019 è in esposizione durante “Connected Manufactoring Forum”, organizzato da Business International, alla Fabbrica del Vapore, a Milano. Nel novembre dello stesso anno è uno dei tre studenti che espongono al padiglione dell’Accademia di Brera per “Inverart 2018” ad Inveruno (MI). Nel febbraio del 2019 è uno degli artisti selezionati a rappresentare il Biennio di Storia dell’Arte Contemporanea di Andrea Del Guercio, professore dell’Accademia di Belle Arti di Brera, esponendo allo Spazio HUS di Milano. Nel Mese di Marzo fa una mostra personale con due colleghi presso “My Fragrances” di Corso Garibaldi, mentre dalla fine di Aprile partecipa con “La Creazione di Adamo” all’esposizione itinerante “TERRA-MATER-MATERIA” tra Strettino, Varsavia e Cracovia, ancora in corso. Nel Mese di Maggio partecipa alla mostra “Art&Fashion” con OverArt e la boutique Biffi e all’esposizione conclusiva del progetto “Per Paolo VI”, di cui ha contribuito all’organizzazione, e il suo lavoro “San Paolo VI Papa con Duomo di Milano” viene pubblicato, oltre che sui siti locali, anche su “Avvenire” e “L’Osservatore Romano”.

sito web https://romioalfredo.wixsite.com/vanalfred
Facebook https://www.facebook.com/AlfredoRomio
https://www.facebook.com/vanalfredart/
Instagram https://www.instagram.com/van_alfred_art/

pesa
 

Commenti
    Tags:
    pesa pubblicatra sacro e profanoalfredo romiolgbtpotsch
    Loading...
    in evidenza
    Silvio Berlusconi senatore a vita? No, "seratone a vita". Lo striscione

    Costume

    Silvio Berlusconi senatore a vita?
    No, "seratone a vita". Lo striscione

    i più visti
    in vetrina
    BELEN IN BARCA: LATO B, SENO ESPLOSIVO, OMBELICO SEXY... LE FOTO

    BELEN IN BARCA: LATO B, SENO ESPLOSIVO, OMBELICO SEXY... LE FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Renault: la tecnologia ibrida e-tech in Italia con Clio, Captur e Megane

    Renault: la tecnologia ibrida e-tech in Italia con Clio, Captur e Megane


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.