I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Imprese e Professioni
Politiche di genere. "Inclusione Donna" sostiene Bussola Italia nel post-covid

Inclusione Donna e Bussola Italia: le politiche di genere devono essere al centro della ricostruzione economica e sociale post Covid.

Italia al penultimo posto nell’UE per occupazione femminile: 49% contro il 62% UE.

Inclusione Donna, la grande alleanza che riunisce oltre 60 associazioni rappresentative di più di 40 mila donne di tutti i settori professionali e imprenditoriali impegnate a favore della parità di genere, ha deciso di sostenere Bussola Italia, associazione nata in pieno lockdown con l’obiettivo di stimolare Governo e Parlamento a definire finalmente un piano a due anni per la ricostruzione economica e sociale del Paese dopo l’emergenza Covid.

Ne abbiamo parlato con Carolina Gianardi, cofondatrice di Inclusione Donna.

Intervista a Carolina Gianardi

Perché avete deciso di sostenere Bussola Italia?

Carolina GianardiCarolina Gianardi

Abbiamo deciso di sostenere Bussola Italia per ribadire che la parità di genere deve essere al centro della ricostruzione economica e sociale post Covid, da realizzarsi attraverso un piano che veda obiettivi e tempistiche concrete e chiare per la riduzione delle disuguaglianze nell’occupazione.

Inclusione Donna e Bussola Italia ritengono fondamentale che un sistema di monitoraggio, in linea con gli indicatori dell’OECD Better Life Index, venga applicato al piano di ripresa del Paese.

Con il Covid l’occupazione femminile è peggiorata?

Nel periodo del Covid, da ultimi dati Istat, le donne hanno perso il 2,2% del tasso di occupazione, il tasso di disoccupazione è salito del 2,3% mentre quello di inattività persino del 4%.

Eliminare gli ostacoli che impediscono la piena partecipazione delle donne al mercato del lavoro deve essere prioritario per il Paese. Senza un impegno chiaro sulle istanze che Inclusione Donna ha condiviso con le istituzioni è impensabile avvicinarsi agli obiettivi economici e sociali di lungo termine indicati dall’Europa per la ridefinizione del Piano Nazionale.

E a livello internazionale come ci collochiamo?

L’Italia è al penultimo posto nell’UE per occupazione femminile: 49% contro il 62% della media europea.

Nonostante gli impegni collettivi dichiarati in seno al G20 per ridurre il gender gap nel mondo del lavoro del 25% entro il 2025, l’Italia rimane fanalino di coda in Europa, meglio solo di Grecia, Malta e Cipro. Inoltre nel 2019 di fatto riscontra una retrocessione nella corsa alla parità di genere, portandosi secondo il World Economic Forum al 76esimo posto dal 70esimo dell’anno precedente.

Quali sono le iniziative che Inclusione Donna ha intrapreso?

Inclusione Donna è impegnata in un dialogo costante con le istituzioni, verso le quali avanziamo proposte concrete di miglioramento di provvedimenti allo studio oppure nuove iniziative. Per rendere il nostro lavoro ancora più mirato ed efficace abbiamo individuato sette istanze sulle quali lavoriamo costantemente:

1.    Eliminazione del Pay-Gap 
2.    Sostegno al reddito delle lavoratrici madri 
3.    Congedo parentale ed il congedo di paternità obbligatorio 
4.    Conoscenza delle misure esistenti volte ad incentivare l’assunzione di donne 
5.    Agevolazioni alle micro imprese femminili 
6.    Misure di conciliazione vita-lavoro anche per le libere professioniste 
7.    Incentivi a favore delle donne nelle professioni

È certamente un lavoro impegnativo, ma ci sono anche opportunità di miglioramento su questi temi che non dobbiamo lasciarci sfuggire. Inoltre l’ascolto e l’impegno che molte volte abbiamo trovato nei nostri rappresentanti politici, trasversali a tutti i partiti, ci sprona ad andare avanti. Il sostegno a Bussola Italia è un altro tassello che si aggiunge al nostro impegno complessivo.

Bussola Italia

bussola logo ufficiale

Nata lo scorso giugno, Bussola Italia è il risultato del lavoro congiunto di tre associazioni del mondo delle professioni, della business community e del civismo, attive tra Milano e Roma: Associazione per il Progresso Economico, Associazione CIVICUM, Associazione Forum della Meritocrazia. 

Capitalizzando anche le competenze di manager e professionisti che nel frattempo hanno aderito a Bussola Italia, verranno utilizzati quattro indicatori per stimolare le Istituzioni a prendere iniziative sui temi economici e sociali oggetto della proposta, ovvero la preparazione di un piano a 2 anni per la ricostruzione economica e sociale del Paese. Coerentemente con i valori di Bussola Italia di meritocrazia e valorizzazione delle competenze, ogni azione andrà misurata e valutata con criteri oggettivi.

Qui il link per approfondire

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    politiche di genereinclusione donnabussola italiapost-covidtrendiest newspaolo brambilla
    in evidenza
    Fine dell'Ue, terremoti, siccità... Nostradamus, le profezie 2022

    Che cosa accadrà il prossimo anno

    Fine dell'Ue, terremoti, siccità...
    Nostradamus, le profezie 2022

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre

    Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre


    casa, immobiliare
    motori
    Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia

    Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.