I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Imprese e Professioni
Sterify. Nel 2022 nuovi dispositivi medici con minor uso di antibiotici

CrowdFundMe è l'unica piattaforma di Crowdinvesting (Equity Crowdfunding, Real Estate Crowdfunding e Corporate Debt) quotata a Piazza Affari. La torinese Sterify è una startup innovativa che sviluppa prodotti medici per la cura e la prevenzione delle infezioni batteriche (soluzioni di lavaggio per protesi pre-impianto, cerotti per ferite e ulcere infette, gel per il trattamento di osteomieliti e per la cura delle parodontiti e perimplantiti), riducendo, o eliminando, l’ utilizzo degli antibiotici nella pratica operatoria che ha creato batteri multi-resistenti che, secondo l’Amr-Review, potrebbero determinare entro il 2050 il decesso di 10 milioni di persone nel mondo. 

La piattaforma tecnologica

Attraverso una piattaforma tecnologica, i cui brevetti sono già stati depositati, l’azienda piemontese mira a produrre e distribuire sul mercato, entro la prima metà del 2022, linee di dispositivi medici per chirurgia generale, oro-maxillo facciale, ortopedia, neurochirurgia e chirurgia estetica, in grado di eliminare i batteri e i loro biofilm, evitando che i microorganismi possano sviluppare resistenze. I prodotti di Sterify hanno i vantaggi di possedere un ampio spettro di azione e un grado di conservazione a temperatura ambiente, non creare resistenze e promuovere la rigenerazione dei tessuti.

La startup - nata nel 2020 (ma operativa dal 2018 per ricerca, sviluppo e validazione dei brevetti) come spin-off di Tiss’ You srl, “Regenerative Company”, specializzata nella ricerca e sviluppo di dispositivi medici per migliorare la naturale capacità di guarigione dei tessuti connettivi - si muove in un mercato globale che si stima toccherà i 35,6 miliardi di dollari nel 2022 (fonte Research&Markets); non a caso diversi grandi operatori internazionali, da Allergan ad AstraZeneca, passando per Roche, Gilead Sciences e Novartis,  hanno investito negli ultimi anni in acquisizioni di aziende del settore biomedicale.

Le infezioni batteriche

Sterify risponde, inoltre, a un’impellente domanda di mercato, sollevata (ma rimasta per ora inascoltata) dall’Organizzazione mondiale della Sanità, che da una decina di anni chiede agli enti pubblici e alle aziende di investire nella ricerca di nuovi prodotti per la cura e prevenzione di infezioni batteriche. Sempre meno aziende, però, riescono ad individuare molecole o miscele di esse in grado di soddisfare i requisiti delle normative sui farmaci o sui dispositivi medici, rendendo le poche imprese del settore ancora più appetibili per gli investimenti e le possibili future acquisizioni.

I fondi raccolti

I fondi raccolti nella campagna di equity crowdfunding su CrowdFundMe, che si concluderà a febbraio e che punta a un primo obiettivo di 150mila euro, saranno impiegati per la certificazione dei dispositivi (in gran parte), marketing e vendite (la startup vanta una capillare rete di distribuzione in Europa e Medio Oriente, grazie a rapporti commerciali consolidati da parte di Tiss’You srl), ricerca e sviluppo e validazione clinica dei prodotti.

Commenti
    Tags:
    sterifydispositivi mediciantibioticiorganizzazione mondiale della sanitàcrowdfundmetrendiest news
    in evidenza
    Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

    Tra mobilità e sostenibilità

    Automotive, da ALD la svolta
    Arrivano nuove soluzioni green

    
    in vetrina
    Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

    Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


    motori
    Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

    Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.