I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Inbound Marketing
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager

La pandemia in corso ha accelerato un processo già in atto da qualche anno, ossia la digitalizzazione di quasi tutti i tipi di business.

Questo cambiamento radicale ha portato alla nascita di un nuovo profilo professionale, quello del social media manager, deputato alla creazione e alla gestione dei canali social dei brand aziendali, con l’obiettivo di fidelizzare i clienti e aumentare le vendite.

Molti imprenditori e liberi professionisti si trovano nella condizione di doversi reinventare, ma non tutti riescono a farlo con serenità, magari perché non hanno ancora maturato esperienze significative. Si creano così dei blocchi mentali che portano le persone a desistere davanti alle prime difficoltà.

In questa intervista, Matteo Pittaluga, imprenditore e fondatore di Marketing Genius, ci spiega le azioni da intraprendere per diventare un SMM professionista partendo da zero, attraverso lo sviluppo di un mindset vincente.

1. Nei tuoi webinar, evidenzi spesso la mancanza del giusto mindset da parte di molti di coloro che si avvicinano alle professioni digitali: potresti chiarirci meglio il tuo pensiero in merito?

Guarda, per esperienza diretta ti posso dire di aver incontrato non soltanto imprenditori, ma anche dirigenti scolastici e docenti di molte business school, e ciò che è emerso dalle nostre riunioni è che gli studenti devono sviluppare un corretto approccio mentale, d’affiancare al lato puramente tecnico e nozionistico.

I contenuti formativi sono importanti ovviamente, ma da soli non bastano: è determinante sviluppare anche la consapevolezza interiore sul chi siamo e sul nostro vero potenziale. Ti faccio un esempio: quando studiavo lingue all’Università, avevo dei compagni di corso brillanti e super intelligenti; tuttavia, non riuscivano a trasmettere all’esterno il loro valore, e si ritrovavano a rinunciare anche a proposte di lavoro molto prestigiose, perché ritenute eccessivamente sfidanti per loro.

Addirittura, fallivano anche dei colloqui abbastanza semplici, perché non credevano abbastanza nelle loro possibilità.

Il mindset è importante, almeno quanto la formazione professionale, a maggior ragione quando si vuole intraprendere una professione non ancora inquadrata nei percorsi accademici tradizionali, come quella del social media manager.

2. Avresti dei consigli pratici per sviluppare un mindset vincente, adatto anche a chi sta partendo da zero in una nuova professione?

Il primo consiglio che posso dare è quello di vedere te stesso in un modo diverso. All’inizio non è così facile, perché le persone attorno a te tendono a etichettarti ancora con la vecchia professione e non vedono il tuo potenziale di trasformazione: se fino a quel momento hai fatto il cameriere, le persone faticheranno a immaginare una tua carriera da consulente digitale di successo.

L’immagine di te stesso nel passato persisterà per qualche tempo. Prima di creare un’immagine vincente da proiettare all’esterno, dovrai lavorare sul tuo io interiore, soprattutto quando non ci sono ancora risultati tangibili.

La via migliore è quella di immedesimarsi già in uno stato di abbondanza, vivendo il proprio percorso con serenità, come se i primi clienti fossero già lì a confermarlo.

Il secondo consiglio è quello d’intervenire sullo spazio attorno a te, anche con dei piccoli cambiamenti. Ad esempio, prepara già un tuo spazio di lavoro a casa, come una scrivania, e crea un angolo pulito e ordinato da trasformare in ufficio. Inoltre, anche se lavori da remoto, indossa gli abiti che indosseresti se ti recassi in ufficio: quest’abitudine ti aiuterà a identificarti ancora di più nel ruolo che ti stai costruendo.

Infine, se vuoi svolgere l’attività di social media manager, preparati a curare la tua immagine digitale sui canali social: l’acquisizione del primo cliente avverrà solo quando capirai che sei tu il tuo primo cliente!

Una volta che avrai fatto pratica su di te, sarai pronto a farla sugli altri con scioltezza e facilità.

Nei nostri corsi, insegniamo agli studenti come strutturare la loro presenza sui canali social e come creare un sito web personalizzato, che andrà a comporre il loro spazio distintivo su Internet, il loro biglietto da visita.

3. Grazie per gli spunti utilissimi che stai dando. C’è qualcosa di particolare che vuoi dire a chi sta leggendo quest’intervista e vede se stesso come un “caso disperato”?

Innanzitutto, non esistono per la mia esperienza casi disperati, ma solo situazioni che richiedono un po’ più di tempo e pazienza per essere risolte.

Il consiglio che posso dare è quello di lasciar andare il proprio passato, trattenendo solo gli insegnamenti che ci servono a non ripetere più gli stessi errori; per il resto, dimentichiamo tutte le vibrazioni negative e volgiamo lo sguardo al premio che troveremo alla fine del nostro percorso di trasformazione. Ogni tanto, faranno capolino dei pensieri che ci spingeranno a rinunciare e a tornare alle abitudini precedenti: ignoriamole e andiamo avanti.

Questi momenti di debolezza e smarrimento sono normali, e anche a me capitano ogni tanto: l’importante è saperli riconoscere e riportare il focus sui nostri obiettivi.

Pensiamo a che persone vogliamo diventare e prepariamoci a uscire dalla nostra zona di comfort, adottando i comportamenti e i valori della nuova versione di noi stessi.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    social media manager
    in evidenza
    A Parigi la pizza la fanno i robot Gli italiani insorgono sui social

    MediaTech

    A Parigi la pizza la fanno i robot
    Gli italiani insorgono sui social

    i più visti
    in vetrina
    Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%

    Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%


    casa, immobiliare
    motori
    nuovo Honda HR-V, rigorosamente ibrido

    nuovo Honda HR-V, rigorosamente ibrido


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.