I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Italia Atlantica
La recensione - L'etica del nazionalismo (Paul Coyer)

LA RECENSIONE

 

Paul Coyer, L'etica del nazionalismo.

Prefazione di Amy K Rosenthal

Postfazione di Bepi Pezzulli

Mondo Nuovo. Pescara, 2019 (88 pagg, Eur 15)

ISBN 978-88-32115-25-3

 

"La confusione è grande sotto il cielo. La situazione è dunque ottima" diceva Mao TseTung.

E qualcuno deve averlo preso alla lettera. Nel dibattito politico contemporaneo infatti la confusione è al tempo stesso norma e metodo. Invece, su un tema occorre fare chiarezza. Cosa sono e cosa rappresentano nazionalismo, populismo e sovranismo e perché non sono una forza inerentemente negativa, ma al contrario l'unico antidoto al declino dell'Occidente.

Il nazionalismo è storico. Prodotto da un’elaborazione iniziata con l’età napoleonica e conclusa con la Prima Guerra Mondiale. Quando i due grandi imperi dell’Europa centrale, l’Impero tedesco e l’Impero Asburgico, e i due grandi imperi Euro-asiatici, l’Impero russo e l’Impero ottomano, vennero a smembrarsi nel conflitto mondiale, emerse lo spazio politico per la creazione di Stati-nazione edificati attorno a criteri di omogeneità storica, culturale, linguistica e religiosa.

Il sovranismo è giuridico. Esso rappresenta l'opposizione al trasferimento di poteri e competenze dallo Stato nazionale al livello internazionale, multilaterale o sovranazionale, o il rimpatrio dei poteri così delegati. Il sovranismo è basato sulla difesa della democrazia e sulla resistenza allo svuotamento del principio rappresentativo che stabilisce un nesso di mandato sostanziale fra l’elettorato e i decisori politici.

Il populismo è politico. Esso è il rapporto diretto, e spesso carismatico del potere con le masse popolari.

Da ciò consegue un’osservazione logica: il nazionalismo, il sovranismo e il populismo possono essere tanto di destra quanto di sinistra.

Di ciò parla il saggio di Paul Coyer, L'etica del nazionalismo (prefazione Amy K Rosenthal, postfazione Bepi Pezzulli, Mondo Nuovo, Pescara 2019, pagg 88, eur 15) che si interroga su alcune delle questioni fondamentali che oggi tutti gli Stati nazionali si trovano ad affrontare: come rimanere prosperi e sovrani in un'economia globalizzata, come mantenere il potere correttivo della democrazia nazionale all'interno delle istituzioni sovranazionali e, in ultima analisi, come i cittadini possono mantenere il controllo della loro vita e dei loro mezzi di sussistenza in un mondo in cui sempre più settori della vita sono considerati al di fuori del controllo politico nazionale.

Concludendo: non si può accusare una cellula sana di essere diventata cancerosa. Lettura consigliatissima.

 

Giuseppe Mongiello

Commenti
    Tags:
    nazionalismo
    in evidenza
    Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality

    "Ci sarà anche Maxi Lopez"

    Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality

    
    in vetrina
    Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra

    Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra


    motori
    Renault Arkana: si conferma un pilastro della Renaulution

    Renault Arkana: si conferma un pilastro della Renaulution

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.