I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
La Colonna infame
Quando i cervelli italiani smetteranno di essere in fuga?

 

Quando i cervelli italiani smetteranno di essere in fuga? Ciò che sto per raccontarvi è l’ennesima storia di una scienziata (barese di origine) che ha scoperto come fermare la crescita del glioblastoma, il più aggressivo dei tumori cerebrali. Costei è Anna Lasorella, professore di Pathology and Cell Biology and Pediatrics alla Columbia University di New York, che - insieme al marito/collega (Antonio Iavarone) - ha isolato la proteina ID2 responsabile della riproduzione delle cellule staminali tumorali.  

ricercatrice
 

Con questa scoperta si apre un nuovo fronte terapeutico in base al quale il cancro non sarà più curato sulla base dell’organo o tessuto di origine, ma la terapia sarà indicata dalla variazione genetica dell’organo colpito. Si tratta di ‘terapia personalizzata’ o ‘terapia di precisione’, come la definisce la professoressa Lasorella.

La ‘rivoluzione genomica’ nel cancro in Italia produce benefici molto modesti specialmente al sud a causa della carenza di centri di ricerca all’avanguardia nelle nuove tecnologie di sequenziamento in grado di integrare queste tecnologie con lo sviluppo di terapie basate sulle informazioni da esse derivate. A farne le spese sono soprattutto i malati del meridione italiano, i quali non hanno le stesse opportunità terapeutiche di quelli residenti negli altri Paesi europei o nelle aree del nostro Paese in cui la ricerca sul cancro è più in linea con gli stardard internazionali.

È evidente che ci troviamo di fronte all’ennesimo esempio di intelligenze italiane apprezzate fuori dai confini nazionali. Il sentimento di orgoglio  italico che - inizialmente - ci prende dinanzi a queste notizie lascia il posto ad una sola domanda: perché queste eccellenze non possono lavorare nel nostro Paese? Perché non si ripensa il sistema di ripartizione delle risorse fondamentali per la ricerca? Se non si interviene in questo senso i nostri migliori cervelli continueranno a  brillare all’estero. E soltanto lì.

(segreteria@mariellacolonna.com)

Commenti
    Tags:
    cancroscienzaricerca
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.