I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
Coronavirus, profezie sciamaniche sul ritorno dell'Italia alla fase 1
(fonte Lapresse)

Prendo le mosse da un titolo di giornale, che, se analizzato in trasparenza, racchiude in sé un intero mondo di significazione: “Seul paga la voglia di vita, il virus torna: è lockdown” (“Il Fatto Quotidiano”, 29.5.2020). La Corea del Sud, come si ricorderà, era stata in origine, dopo la Cina, il Paese più colpito dal Covid-19. Sembrava che, dopo un lungo supplizio, fosse ormai in procinto di tornare alla normalità. E, invece, apprendiamo oggi – benché i “sintomi” fossero già da tempo noti e segnalati – che dalla “fase 2” la Corea del Sud è tornata alla “fase 1”, quella del lockdown.

Con ciò è suffragata la mia tesi: la pandemia come metodo di governo del nuovo capitalismo terapeutico si fonda su un andamento a yo-yo, tale per cui “fase 1” e “fase 2” si succedono “pendolarmente”, per così dire, senza che realmente si esca mai dal circulus vitiosus. Non posseggo la sfera di cristallo e, per di più, la riflessione – insegna Hegel – dipinge “grigio si grigio” quando la realtà si è consolidata e non è più in fieri: tuttavia, per analogia, ritengo di poter sostenere che la Corea del Sud rappresenti l’immagine del nostro futuro. E si trovi, per così dire, semplicemente a uno stadio successivo dell’itinerario che anche l’Italia e altri Paesi dovranno percorrere: se le cose stessero davvero così, allora si potrebbe asserire che la Corea del Sud ci mostra l’immagine del nostro avvenire. Più in generale, ci restituisce una plausibile “fotografia” della pandemia e del suo andamento a yo-yo. In tal maniera, la tesi – su cui più volte mi sono soffermato – della pandemia infinita come via per la riplasmazione verticistica dei rapporti in seno al nuovo capitalismo autoritario appare tristemente confermata.

A corroborare questa mia lettura è anche, ovviamente, la narrazione egemonica, che in questi giorni senza posa va ripetendo che i contagi sono esponenzialmente in aumento anche in Italia e che non è arduo prevedere un ritorno, più o meno ravvicinato, del virus. Con le parole di Silvio Brusaferro, presidente dell'ISS (Istituto Superiore di Sanità): “La seconda ondata del coronavirus? Un dato obiettivo” (“La Repubblica”, 29.5.2020). Sembra, more solito, una predizione sciamanica, ma i “professionisti dell’informazione” e i sacerdoti della scienza ci assicurano che a parlare, con la loro incontrovertibile autorevolezza, sono i “dati obiettivi” (sic!): “per gli scenari che immaginiamo, in autunno, – leggo nel summenzionato articolo di “La Repubblica” – una patologia come il Sars-cov-2, si può maggiormente diffondere e si può confondere con altre sintomatologie di tipo respiratorio”. Sicché “la famosa ipotesi della seconda ondata è collegata a questo, che, dal punto di vista tecnico scientifico è un dato obiettivo”.  La conclusione sillogistica è che, con l’arrivo dell’autunno, v’è “una probabile possibilità di maggiore diffusione” del Coronavirus.

Stando a queste profezie tecnico-scientifiche, dunque, il ritorno alla “fase 1”, alla quale la Corea del Sud si è già di nuovo consegnata, dovrebbe avvenire in Italia, verosimilmente, nell’autunno del 2020. Vorrei tornare, ora, al titolo del “Fatto Quotidiano” da cui avevo preso le mosse. Esso non ci segnala solamente che, come si è sottolineato, la Corea del Sud è tornata al lockdown e alla “fase 1”. Ci fornisce anche quelle che, secondo la narrazione dominante, dovrebbe anche essere la causa di ciò: “Seul paga la voglia di vita”. La colpa del “ritorno” del Covid-19 è più o meno chiaramente attribuita al comportamento irresponsabile della cittadinanza di Seul, che ha, evidentemente, violato la sacra norma del distanziamento sociale.

E, per questa via, ha favorito il nuovo prosperare del virus. La colpa inespiabile della città di Seul è la sua “voglia di vita”, il suo desiderio di normalità e di relazioni degne dello stare al mondo. Il teorema della colpa sanitaria è, ancora una volta, pienamente operativo nell’ordine del discorso terapeuticamente corretto: se si torna alla “fase 1”, ciò avviene per colpa dell’irresponsabilità dei cittadini (gli “assassini dell’aperitivo”, si ricorderà), con la loro “movida” e la loro immatura “voglia di vita”. Voglia di vita e di relazioni che ora presenta il conto, e lo fa costringendo al lockdown gli irresponsabili e il loro immaturo desiderare.

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronavirusfase 2fase 3movidavaccino coronavirus
    Loading...
    in evidenza
    Elisabetta Canalis sexy da morire Costume leopardato. E il lato B...

    Belen, Diletta e... Le foto delle Vip

    Elisabetta Canalis sexy da morire
    Costume leopardato. E il lato B...

    i più visti
    in vetrina
    BELEN, LATO B IN BARCA: FOTO DA SOGNO IN MOTOSCAFO

    BELEN, LATO B IN BARCA: FOTO DA SOGNO IN MOTOSCAFO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Buon compleanno 500! Inaugurata la Virtual Casa 500

    Buon compleanno 500! Inaugurata la Virtual Casa 500


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.