A- A+
Lampi del pensiero
Coronavirus, una sciagura evitabile: di politicamente corretto si muore...

La situazione è ormai da pellicola di fantascienza. Il contagio si diffonde senza tregua, il numero delle vittime sale, si registrano resse nei supermercati, Milano è pressoché deserta. E, ovviamente, si fanno ineludibili le domande. Su come andrà a finire, ovviamente. Ma anche su quali e di chi siano le responsabilità dell’accaduto. Il punto di partenza, ormai acclarato, è che questa sciagura si sarebbe potuta evitare, se solo il sobrio realismo della responsabilità avesse prevalso sull’ideologia politicamente corretta dell’apertura a tutti i costi di porti e aeroporti, frontiere e confini.

Ora lo sappiamo: di politicamente corretto si muore. Letteralmente. I fatti, si sa, hanno la testa dura. E finiscono, assai spesso, per confutare le astratte teorie, rivelando, con le parole dell’Amleto, che vi sono più cose in cielo e in terra che nelle strampalate visioni ideologiche delle anime belle del turboglobalismo senz’anima. E così Conte, a fine gennaio, diceva dalla Gruber che tutto era sotto controllo: ieri sera ha, invece, asserito che vi sono state delle falle… Sala, sindaco di Milano, puntava il dito contro chi osava, poco tempo fa, sollevare il problema della possibile diffusione del Coronavirus: e si recava a fare colazione nel quartiere cinese di Milano.

Ieri ha, di fatto, decretato la chiusura dei luoghi pubblici della città. Insomma, ci pensa la realtà a confutare senza remore le astrazioni funzionali all’ordine del potere. A mostrare la falsità della openness, della libera circolazione deregolamentata e, non in ultimo, della privatizzazione: è grazie al pubblico, ai medici e ai ricercatori, che si stanno curando i contagiati. Senza il pubblico, tutto questo non sarebbe possibile. Le vere emergenze, che quelle che mettono a repentaglio la vita di un intero popolo, dimostrano la perversa falsità di un sistema – quello liberista – incardinato  sull’interesse egoistico e sul business privato. La classe politica italiana, bisogna avere l’onestà di riconoscerlo, è stata irresponsabile: ha agito come se nulla vi fosse di grave, come se non fosse di vitale importanza chiudere le frontiere e operare con la quarantena con tutti i provenienti dalla Cina.

In un tempo in cui qualcuno va a processo per il sequestro – vero o presunto – di navi, sarebbe da domandare qual è la pena prevista per chi, con la sua superficialità e approssimazione, ha reso possibile ciò che ora sta accadendo in Italia con il Coronavirus. È, in effetti, di una gravità estrema. E intanto la Francia vuole chiudere le frontiere con l'Italia. Idem la Romania. L'Austria ha già bloccato un nostro treno. Avete già capito chi sono i soli fessi irresponsabili del "sempre aperti porti e frontiere", vero?

IMG 20180131 WA0000
 

Loading...
Commenti
    Tags:
    diego fusarocoronavirus
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Conte: nessuno resterà solo Morirete di fame tutti insieme

    Coronavirus vissuto con ironia

    Conte: nessuno resterà solo
    Morirete di fame tutti insieme

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 2020 TRA VELENI E CHIARIMENTI: ALTA TENSIONE NELLA CASA. Gf Vip 4 News

    Grande Fratello Vip 2020 TRA VELENI E CHIARIMENTI: ALTA TENSIONE NELLA CASA. Gf Vip 4 News


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Si ispira ad Avatar l’auto del futuro secondo Mercedes

    Si ispira ad Avatar l’auto del futuro secondo Mercedes


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.