I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
Covid, in autunno torneranno le restrizioni. E sarà caccia dei non vaccinati
(fonte Lapresse )

I più si stanno già pregustando o godendo senza pensieri l'estate nel 2021. Non riescono o non vogliono immaginare che il rocchetto della pandemia come metodo di governo si trova ora, ancora una volta, nella fase 2: e che presto, segnatamente in autunno, non si uscirà dall'emergenza, ma si tornerà alla fase 1, quella dei confinamenti domiciliari coatti e delle misure maggiormente stringenti. Peraltro, l'ordine del discorso egemonico ce lo sta già da tempo segnalando con grande chiarezza e senza infingimenti: in autunno i contagi torneranno a lievitare e, con ciò, occorrerà agire conseguentemente.

Su affariitaliani.it, si dà notizia in questi giorni della affermazione del virologo meneghino Fabrizio Pregliasco, il quale segnala che i vaccini, anche con l'assunzione della doppia dose, non bastano a proteggere dalla variante delta e che, proprio per questo motivo, proprio in autunno i contagi saliranno in maniera non trascurabile. Non sfugga oltretutto che, esaurite le nazioni, adesso si è passati alle lettere dell'alfabeto greco per designare le nuove varianti, potenzialmente infinite, nel coronavirus. Insomma, come ricordavo, lo yo-yo non si ferma: al contrario, procede a pieno regime con l'usuale moto, allontanandosi verso la fase 2, per poi sempre di nuovo tornare alla fase 1 dei lockdown e delle misure più stringenti. Non mi stancherò di ripetere che si tratta a tutti gli effetti di un preciso metodo di governo delle cose e delle persone, occultato e glorificato dal lessico apparentemente medico-scientifico dispiegato con perizia dalla cricca mediatica dei virologi televisivi superstar.

I più seguitano in maniera irriflessa ad accettare, solo perché a dirlo è il discorso medico-scientifico, ciò che pure la Costituzione educherebbe a contrastare e a combattere: dai divieti di assemblea all' impedimento dell'esercizio delle attività lavorative, fino naturalmente alla contraddizione massimamente oscena della messa in stato di arresti domiciliari dell'intera popolazione. Insomma, stiamo accettando, perché a proporcelo è il discorso medico-scientifico, ciò che, se avessimo fatto nostra la lezione della Resistenza, dovremmo combattere in prima linea nel nome della Costituzione e degli inalienabili diritti. Non è del resto difficile prevedere ciò che accadrà in autunno: si dirà che per colpa dei non vaccinati i contagi seguitano a crescere e che, dunque, è necessario non solo perseverare con le misure repressive legittimate dal lessico medico-scientifico, ma anche andare a caccia dei non vaccinati, per imporre loro, in un modo o nell'altro, l'assunzione del siero benedetto.

Non appaia poi fuori luogo la definizione di "siero benedetto": se si considera il big business del Big Pharma legato alle vaccinazioni di massa, si tratta davvero di una benedizione dal cielo, per i grandi gruppi farmaceutici naturalmente. Insomma, proprio come per scardinare una porta non bisogna forzarla in una volta sola, ma, al contrario, portarla allo sfinimento aprendola e richiudendola in sequenza, lo stesso pare che il blocco oligarchico neoliberale stia facendo con le popolazioni sempre più stremate sul piano fisico e psicologico: mi avventuro a sostenere che il virus scomparirà quando la popolazione vivrà in lockdown, in distanziamento sociale, in diffidenza reciproca e secondo le modalità "da remoto" per inerzia, per abitudine, senza che nemmeno più vi sia bisogno di patogeni e decreti-legge a imporlo. Allora i più si troveranno effettivamente nella condizione del becchino di cui dice Shakespeare nell'Amleto, che per pura abitudine trova naturale fischiettare mentre scava fosse per i defunti.

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

Commenti
    Tags:
    covidvirologi covidvaccinati coviddiego fusaro
    in evidenza
    Tatangelo, bikini fa girare la testa Britney Spears senza il reggiseno

    E Ilary Blasi... FOTO DELLE VIP

    Tatangelo, bikini fa girare la testa
    Britney Spears senza il reggiseno

    i più visti
    in vetrina
    Federica Pellegrini, balletto irresitibile da medaglia d'oro dopo le Olimpiadi

    Federica Pellegrini, balletto irresitibile da medaglia d'oro dopo le Olimpiadi


    casa, immobiliare
    motori
    A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km

    A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.