I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
Covid, vaccino? Non ve lo impongono, vi tolgono i diritti se non lo fate. E la scuola...

Oggi è il 27 di marzo del 2021: cioè, salvo errore, il giorno pomposamente annunziato dal governo qualche tempo addietro come data ufficiale delle tanto attese riaperture delle palestre, dei teatri e dei cinema. Ovviamente, non aprirà proprio nulla di tutto ciò. Si tratta, con tutta evidenza, dell'ennesimo episodio della ormai collaudatissima saga dell'asino e della carota: saga che potrebbe suscitare anche una qualche ilarità, Se non fosse che siamo noi i suoi sventurati protagonisti. Né i teatri, né i cinema, né i ristoranti, né le palestre, né molte altre attività ancora riapriranno per ora: tutto è rinviato, ancora una volta, a più avanti, con l'ennesima prestazione della già citata dialettica dell'asino e della carota. In compenso, però, stanno per riaprire in tutta Italia le scuole: riapriranno secondo la già citata e discussa formula ricattatoria del tampone obbligatorio, a quanto pare, all'inizio di ogni settimana per studenti e docenti: anche in questo caso, niente di nuovo, se si considera che gli amministratori dell'ordine terapeutico si stanno rivelando dei professionisti del ricatto come metodo di governo.

Non vi impongono il vaccino, ma vi tolgono diritti se non vi vaccinate; riaprono le scuole, ma se e solo se accettate che i vostri figli vengano sottoposti ogni settimana alla pratica squisitamente biopolitica dei tamponi. Per inciso, una domanda mi pare davvero doverosa: le scuole riapriranno, a quanto pare; ma che cosa è stato fatto in concreto, di grazia, per metterle in sicurezza? Si sono potenziati i mezzi di trasporto pubblico, come era d'uopo fare? Si sono spesi danari a beneficio della sanità pubblica, o i pretoriani dell'ordine liberista preferiranno seguitare nella via dei lockdown assassini? Quel che più desta stupore, davvero, è che da ormai un anno di distanza dall'inizio di questa che ormai a tutti gli effetti è una nuova normalità gestita ad arte dal potere a beneficio del potere stesso, molti, se non i più, ancora non capiscano; e stoltamente ritengano che tutto ciò che sta accadendo sia puramente legato a una questione medico-scientifica e a una epidemia, senza alcuna connessione con ragioni profondamente politiche, sociali ed economiche. Che la questione medico-scientifica e l'emergenza epidemiologica esistano, solo stolti gruppi pittoreschi quanto settari lo negano: purtroppo in tantissimi, invece, negano che l'emergenza sanitaria ed epidemiologica abbia una portata politica, sociale ed economica.

Come non mi stanco di ripetere ormai da un anno, l'emergenza epidemiologica, che realmente esiste, è stata da subito utilizzata ad arte dal blocco oligarchico neoliberale per istituire una specifica razionalità politica in grado di garantire una "rivoluzione passiva", per dirla con Gramsci, cioè una rivoluzione dei gruppi dominanti a beneficio esclusivo degli stessi gruppi dominanti. Quando riusciremo a liberarci dal lockdown cognitivo permanente? Quando riusciremo a capire che la giusta lotta contro l'epidemia non può in alcun caso essere usata, come già da un anno capita, come base per ridurre le libertà e diritti e per implementare l'ordine a beneficio dei gruppi dominanti?

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

Commenti
    Tags:
    covid controllo sotto pellecovid controllo sopravvivenza
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    I ristoranti riaprono all'aperto E la pipì dietro un cespuglio?

    Covid vissuto con ironia...

    I ristoranti riaprono all'aperto
    E la pipì dietro un cespuglio?

    i più visti
    in vetrina
    Chiara Nasti e Nicolò Zaniolo si sono lasciati? Indizi clamorosi sull'addio

    Chiara Nasti e Nicolò Zaniolo si sono lasciati? Indizi clamorosi sull'addio


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Fiat Professional presenta il nuovo E-Ducato,100% elettrico

    Fiat Professional presenta il nuovo E-Ducato,100% elettrico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.