I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Lampi del pensiero
Reclusione totale, parziale riapertura: il nuovo capitalismo securitario
(fonte Lapresse)

L’ho detto e lo ridico. Il nuovo paradigma del capitalismo securitario e della sua riorganizzazione autoritaria e verticistica dei rapporti di forza si fonda su un’emergenza destinata a farsi inestinguibile: e ciò affinché inestinguibili divengano le misure autoritarie prese nel contesto dell’emergenza e inammissibili nell’ordine della normalità. La situazione d’emergenza, reale o narrata, si rivela funzionale alla produzione di un regime di razionalità politica che è esso stesso funzionale al nuovo ordine del capitalismo sanitario. Quest’ultimo, come già si è visto, alterna il distanziamento sociale permanente a momenti di temporaneo lockdown (che è, poi, il distanziamento sociale nella sua forma iperbolica). Nella forma tipica dello yo-yo, il capitalismo sanitario alterna senza posa la “fase 1” e la “fase”, la reclusione totale e la parziale riapertura: così facendo, desta la sempre viva illusione di una fine dell’emergenza che, invero, non giunge mai e, insieme, lascia ricadere sui cittadini irresponsabili e poco collaborativi la colpa del costante ritorno alla “fase 1”. Questa, che appare una obiettiva dinamica agli occhi dei più – sedati, terrorizzati e assuefatti dall’ordine del discorso terapeuticamente corretto –, coincide con una nuova razionalità politica, che si fonda sull’emergenza permanente, e con un nuovo metodo di governo, che per garantire la salvezza delle vite deve congelare le libertà e i diritti. Dice di farlo solo pro tempore, per la durata della crisi emergenziale: e, intanto, quest’ultima si prolunga di giorno in giorno, andando a sostituire la normalità e, con essa, il normale ordine delle libertà e dei diritti. Non si dimentichino, a tal proposito, le parole di Giuseppe Conte (16.5.2020): “stiamo affrontando un rischio calcolato con la consapevolezza che la curva epidemiologica può tornare a salire”. Esse si debbono leggere insieme con l’altro suo motto, più volte ribadito: quello in accordo con il quale la “fase 2” non è “un liberi tutti”. In sostanza, mentre i più si godono la temporanea libertà vigilata della “fase 2”, sempre limitata da quel principio del distanziamento sociale che è ormai la nuova norma organizzativa del capitalismo sanitario, il potere sembra già essere proiettato al ripristino della “fase 1”. Intanto, il 19 maggio già i “professionisti dell’informazione” ci informavano che i contagi stavano moltiplicandosi, addirittura raddoppiando: “Il bollettino della Protezione civile. Sono quasi raddoppiati rispetto a ieri i nuovi casi di Coronavirus in Italia” (“Il Fatto Quotidiano”, 19.5.2020). Ancora una volta – a proposito della già evocata falsa obiettività dei dati e della palese preferenza per il “worst case scenario” – non si sono peritati di comunicare se, oltre al numero dei contagiati, fosse salito anche quello dei tamponi effettuati. Insomma, se si presta fede al discorso politicamente, terapeuticamente e giornalisticamente corretto, il ritorno al lockdown pare già annunziato e ormai prossimo. Tanto il Presidente del Consiglio, quanto gli amministratori locali, hanno da tempo assunto la nuova fisionomia del “dominus” con poteri pressoché illimitati, che può discrezionalmente – come se la Costituzione mai fosse esistita – recludere i cittadini e fare abbassare le serrande alle attività. Così, ad esempio, nel Veneto del governatore Zaia: “Spritz alla mano e senza mascherina, Zaia: ‘siamo pronti a chiudere tutto’” (“Oggi Treviso”, 19.5.2020). E, non molto diversamente, ma forse con parole ancora più schiettamente neopadronali, il governatore della Sicilia, Musumeci: “I siciliani hanno dimenticato la paura, pronto a tornare indietro” (“La Repubblica”, 19.5.2020). L’aveva preceduta, sempre in Sicilia, il sindaco di Palermo: “Gente in spiaggia e nei parchi a Palermo? Orlando pensa a chiudere tutto” (“Ilsicilia.it”, 10.5.2020). Tra le tante dichiarazioni di questo tipo, che si rincorrono da nord a sud, spicca quella del sindaco di Pozzuoli, che apertamente ha fatto leva sul tema dell’irresponsabilità dei cittadini: “Poca responsabilità. Pronto a chiudere tutto” (“Vesuviolive.it”, 11.5.2020). Insomma, il regime di razionalità a cavaliere tra l’emergenziale e il terroristico sembra funzionare. Ed è pronto ora a far tornare la popolazione agli arresti domiciliari, addossandole peraltro la colpa di ciò. Come più volte ho detto, alla colpa del debito propria del paradigma della crisi economica si affianca ora la colpa terapeutica di chi non ha rispettato le norme e non ha “tenuto i conti in ordine” (dei contagi, in questo caso). Nella crisi economica come in quella terapeutica, le misure “punitive” si giustificano come dovute all’irresponsabilità pregressa di chi ora le subisce: in entrambi i casi, si paga e a caro prezzo l’aver vissuto “al di sopra delle proprie possibilità”.

 

Diego Fusaro (Torino 1983) insegna storia della filosofia presso lo IASSP di Milano (Istituto Alti Studi Strategici e Politici) ed è fondatore dell'associazione Interesse Nazionale (www.interessenazionale.net). Tra i suoi libri più fortunati, "Bentornato Marx!" (Bompiani 2009), "Il futuro è nostro" (Bompiani 2009), "Pensare altrimenti" (Einaudi 2017).

IMG 20180131 WA0000
 

Loading...
Commenti
    Tags:
    fusaroaperturefase 2coronavirus
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Dopo la fusione fra il Pd e il Csm nasce il nuovo simbolo

    Palamara-gate

    Dopo la fusione fra il Pd e il Csm nasce il nuovo simbolo

    i più visti
    in vetrina
    Heidi Klum nuda in piscina. Vestita solo con la collana. Le foto

    Heidi Klum nuda in piscina. Vestita solo con la collana. Le foto


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mini svela la nuova Countryman

    Mini svela la nuova Countryman


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.