I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Quelli che i numeri non dicono
Boom sulla concessione di prestiti per privati e aziende:effetto post lockdown

Una buona notizia arriva dal fronte economico: si tratta della crescita delle concessioni di prestiti per privati e aziende. Analizzando i dati nello specifico, i prestiti ad imprese e famiglie nell'ultimo trimestre sono finalmente aumentati in Italia, e il dato è estremamente positivo se confrontato ad altri paesi come Francia e Spagna.

Prestiti a credito in Europa

Da un'indagine condotta dalla Banca Centrale Europea, si evince un netto aumento dei prestiti più o meno in tutta Europa. Nello specifico, i dati diffusi dalla Banca d’Italia ad agosto hanno evidenziato un incremento dei finanziamenti per le imprese pari a circa il 3,7% nel mese di giugno rispetto allo stesso mese di un anno prima. È notevole, inoltre, una crescita dei prestiti per le famiglie, pari all’1,6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

In particolare, quest'ultimo dato risulta essere molto importante e l'aumento di prestiti per le famiglie si concentra soprattutto per quanto riguarda le ristrutturazioni e le richieste di mutuo.
Fuori dai confini nazionali, la Francia guida la classifica del rilancio, con un netto aumento dei prestiti per ambedue le categorie, con percentuali che superano il 10% per le imprese e sfiorano il 6% per le famiglie.

Il lockdown favorisce i prestiti per i mutui

Durante il periodo del lockdown, è stata bloccata ogni tipologia di mutuo, rimandandola ai mesi estivi e autunnali. Con il post lockdown, si è verificato, invece, un boom importantissimo per quanto riguarda la concessione dei mutui. Nello specifico, i crediti alle famiglie hanno permesso di usufruire dei mutui che erano stati in precedenza bloccati, se non addirittura respinti, e il mercato ne ha risentito in positivo: la crescita positiva si è verificata anche grazie all'abbassamento dei tassi di mutuo sulla casa.

Aumento dei prestiti grazie alla cessione del quinto

Una delle tipologie di prestito più richieste e più concesse è la cessione del quinto, specialmente nel periodo post lockdown. La formula è molto chiara e semplice e consente di non impattare in maniera drastica sulla vita del richiedente, poiché rimborsa il prestito con un quinto del proprio stipendio o della propria pensione.

Inoltre, si tratta di un prestito molto facile da ottenere e da erogare, identificandolo come il miglior sistema di concessione di prestito per la ripartenza successiva ai mesi del lockdown.

Il prestito può essere richiesto sia da enti privati che da aziende o imprese legate ad enti terzi. Come detto, la facilità di ottenimento coniugato alla possibilità di restituire la somma in un lasso di tempo che varia dai 2 ai 10 anni, ha permesso un vero e proprio boom di richieste di prestiti aventi questo sistema.

Per poter ottenere un prestito con la cessione del quinto, è necessario disporre di determinati requisiti che variano generalmente dall’istituto che eroga il prestito. Ma una regola principale è quella di fornire all'istituto la documentazione atta a dimostrare che si abbia un'attività di servizio stabile e regolare, quindi la possibilità di dimostrare di poter rimborsare il prestito.

Si aggiunge, inoltre, l'obbligo di sottoscrivere 2 diversi tipi di assicurazione:

  • un'assicurazione sulla vita;
  • un'assicurazione contro i rischi di impiego, ossia la possibilità da parte dell'ente erogatrice del prestito di potersi rifare nel caso l'utente venga affetto da una malattia grave o perda il posto di lavoro, non potendo più onorare le rate accordate.

L'estrema facilità di ottenere questo tipo di prestito ha permesso un boom di richieste e, generalmente, gli istituti tendono a concederlo anche in situazioni molto particolari, come per esempio in caso di pignoramento preesistente della richiesta. In tal caso, l'istituto di credito terrà conto della differenza tra la quota di patrimonio soggetta al pignoramento, e tratterrà non più un quinto, ma due quinti dello stipendio.

Può capitare che i richiedenti ricorrano a degli strumenti online atti alla simulazione della cessione del quinto, una sorta di prova per poter verificare i vantaggi del prestito e le rate che dovranno affrontare: grazie alla cessione del quinto simulazione si otterrà un quadro generale della propria situazione finanziaria futura per pianificare al meglio i propri progetti. In ogni caso, la tipologia stessa del prestito, che, appunto, prevede la sottrazione di un solo quinto al mese dello stipendio o della pensione, è stata pensata proprio per permettere alle famiglie di non subire colpi economici sul totale del reddito familiare, impattando il meno possibile sulle uscite mensili.

Il fatto che il post lockdown abbia determinato un boom sulla concessione dei prestiti per aziende e privati, inciderà in maniera estremamente positiva su tutto il sistema economico italiano ed europeo, flagellato dal blocco di quasi tutte le attività produttive ed economiche.

Loading...
Commenti
    Tags:
    prestitiprivatiaziendelockdown
    Loading...
    in evidenza
    Bologna celebra la mortadella Rievocazione senza pubblico

    359° COMPLEANNO

    Bologna celebra la mortadella
    Rievocazione senza pubblico

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, attacco gelido dall'Islanda all'Italia. Arrivano freddo e anche neve

    Meteo, attacco gelido dall'Islanda all'Italia. Arrivano freddo e anche neve


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford presenta il Transit Connect da 1 tonnellata

    Ford presenta il Transit Connect da 1 tonnellata


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.