I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Quelli che i numeri non dicono
E-commerce, crescono gli acquisti ma prevale la voglia di risparmiare

Tra gli effetti più significativi della crisi provocata dal COVID-19 vi è certamente la crescita delle vendite tramite il commercio online. Dopo l’impennata registrata durante la primavera dello scorso anno, in coincidenza con il lockdown nazionale, l’e-commerce si è attestato come alternativa sempre più autorevole agli acquisti ‘in-shop’, ossia all’interno di negozi fisici. 

Due sono, probabilmente, i fattori che hanno determinato il consolidamento di questo trend, più o meno evidente in praticamente tutti i settori merceologici (e non solo quelli in cui, tradizionalmente, l’e-commerce rappresenta un canale preferenziale), sono due:

  • le misure restrittive imposte, periodicamente, agli esercizi di vendita al dettaglio;
  • la possibilità di evitare spostamenti superflui e, di conseguenza, ridurre le occasioni di contatto con soggetti estranei.

A ciò va aggiunto un altro aspetto: chi ha dovuto rispettare un periodo di isolamento o quarantena, ha potuto contare sullo shopping online, facendosi recapitare il prodotto direttamente a casa propria.

La crescita degli acquisti online

Come detto, dopo i picchi toccati durante il lockdown, lo shopping online ha comunque ‘resistito’ a fronte delle progressive riaperture delle attività di vendita al dettaglio. Secondo un sondaggio condotto lo scorso ottobre da IZI, e riportato dalla versione online de Il Sole 24 Ore, circa un terzo dei consumatori italiani (32%) comprerà di più online rispetto a quanto non avesse fatto in precedenza; più in generale, lo stesso sondaggio mostra come proprio l’e-commerce possa rappresentare il principale sostegno alla ripresa economica. Dal punto di vista pratico, infatti, molti retailer hanno fatto leva sull’online per limitare i danni provocati dall’emergenza sanitaria. Non a caso, una delle principali tendenze dell’e-commerce per il prossimo futuro è la multicanalità, ossia un’integrazione sempre più profonda tra negozio online e offline.

Anche l’ISTAT, in un report pubblicato ad inizio dello scorso, ha confermato come l’e-commerce sia in crescita, con riferimento a dicembre 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019; nella nota diffusa dall’Istituto si legge che “le vendite al di fuori dei negozi calano del 12,3% mentre il commercio elettronico è in forte aumento (+33,8%)”.

La caccia al risparmio

Uno dei principali incentivi all’acquisto online è la possibilità di risparmiare rispetto, comprando un prodotto ad un prezzo inferiore rispetto a quello applicato da un rivenditore al dettaglio in negozio. Questo aspetto caratterizza sia le grandi piattaforme dedicate all’e-commerce sia gli shop online specializzati in un determinato settore. Il risparmio viene garantito da strategia di vendita e promozione a volte molto diverse tra loro; le più comuni sono lo sconto cumulativo (più acquisti e meno paghi), le offerte a tempo (prezzi ribassati solo per un determinato periodo) e i premi di fidelizzazione, ossia sconti esclusivi dedicati a clienti di lunga data. 

Molto spesso gli utenti che si rivolgono alla rete per cercare un prodotto da acquistare, cercando di risparmiare sulla spesa complessiva, non sanno bene come orientarsi rispetto all’enorme offerta di mercato. A tal proposito, uno strumento particolarmente utile è rappresentato dai portali specializzati in recensioni, come ad esempio Weboot

I siti di questo genere permettono di avere una panoramica più ampia sulle offerte relative ad un determinato settore merceologico; le recensioni, infatti, contengono tutti i dati sufficienti a confrontare due o più modelli dello stesso prodotto: non solo le specifiche tecniche ma anche i prezzi applicati dall’e-commerce di provenienza.

 La prospettiva di risparmiare, sia sul singolo prodotto che su acquisti cumulativi, rappresenta da sempre uno dei principali punti di forza della shopping online. Di certo, in un periodo non esattamente florido dal punto di vista economico come quello che si protrae da oltre un anno a questa parte, l’aspetto economico gioca un ruolo fondamentale nell’orientare il comportamento dei consumatori sul mercato.

 

Tags:
ecommercerisparmio
Loading...
Loading...
in evidenza
Wanda Nara vs la censura social Le nuove foto scaldano il web

Belen, Diletta e.. scatti Vip

Wanda Nara vs la censura social
Le nuove foto scaldano il web

i più visti
in vetrina
Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter

Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
il Museo Mercedes-Benz festeggia il suo 15 ° compleanno

il Museo Mercedes-Benz festeggia il suo 15 ° compleanno


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.