A- A+
Quelli che i numeri non dicono
Italia ed eCommerce, un rapporto a due facce

Guardando solo ai risultati italiani si potrebbe pensare che l'eCommerce stia definitivamente decollando: gli ultimi rapporto parlano di una crescita costante delle vendite online, soprattutto nel settore dell'abbigliamento, che resta il preferito dagli utenti tricolore. Ma allargando lo scenario, scopriamo che rispetto ad altri Paesi d'Europa siamo decisamente indietro, con un'incidenza ancora bassa rispetto al totale degli acquisti "fisici".

I numeri dell'eCommerce in Italia

Insomma, lo shopping online nel nostro Paese ingrana le marce più alte, ma altrove si viaggia a velocità molto più elevate. Certo, elementi positivi ci sono, a cominciare dal continuo incremento dei volumi di fatturato, che secondo il consueto rapporto della Casaleggio Associati dovrebbe raggiungere nel 2017 un totale di 31,7 miliardi di euro (ovvero il dieci per cento in più del consuntivo del 2015), e dalla crescita degli eshopper italiani, arrivati al 30 per cento della popolazione.

Le strategie per resistere ai colossi

Non meno importante è l'impatto di alcuni settori merceologici: il più decisivo è sempre la moda online, dove si stanno anche sperimentando interessanti strategie di risposta al predominio dei marketplace mondiali come Alibaba o Amazon, che rischiano di saturare il comparto e azzerare la concorrenza. Chi non vuole solo sopravvivere ma tentare di competere deve cambiare filosofia, puntando su diverse tattiche come la specializzazione in alcuni segmenti specifici o nuove e più dirette modalità di relazione con il cliente, come dimostra il successo italiano di https://www.sweetstore.it/, giovane piattaforma che sta conquistando sempre più spazi anche attraverso il passaparola social.

La maturazione dello shopping online

Secondo il rapporto della Casaleggio Associati, l'eCommerce italiano sta entrando in una fase di maturazione e consolidamento. E anche altre ricerche specifiche consolidano l'ottimismo, dimostrando innanzitutto l'incremento di fiducia che i consumatori del Belpaese stanno avendo verso le soluzioni di acquisto online, al punto che la diffusione degli accessi tout court al Web ha raggiunto l’88,7 per cento della popolazione tra gli 11 e i 74 anni, mentre 20,7 milioni sono coloro che hanno dichiarato di aver utilizzato almeno una volta nel corso del 2016 Internet per fare compere.

Tra gli ultimi in Europa

Tutto bene? Non proprio: come dicevamo, se analizziamo il contesto europeo i risultati italiani sono decisamente inferiori alle medie e alle performance di altri Paesi. Partiamo proprio dal numero di eshopper "abituali" (e non casuali): in Italia sono il 29 per cento degli utenti del Web, mentre su scala europea sono il 55 per cento. Il nostro risultato è addirittura il terzultimo, migliore soltanto di quanto fatto in Bulgaria e Romania, mentre in testa alla classifica degli "spendaccioni in Rete" ci sono i cittadini di Regno Unito, Danimarca e Lussemburgo.

Spesa ancora bassa

Anche le cifre della spesa pro capite degli eshopper ci inchioda sul fondo delle graduatorie europee: non solo perché ci si rivolge agli acquisti online principalmente per risparmiare, ma anche perché gli italiani sfruttano le piattaforme digitali per ricercare servizi, soprattutto nel settore del turismo, mentre sono ancora poco diffuse le conversioni di acquisti di altri prodotti (ma qualcosa si muove anche qui).

A due velocità

Insomma, nel Web e nell'eCommerce si evidenzia (ancora una volta) un’Italia che viaggia a due velocità, dove convivono gli analfabeti digitali (il nostro Paese è al penultimo posto in Europa per tasso complessivo di penetrazione di internet nella popolazione) tagliati fuori dall’economia digitale e  uno zoccolo duro di eshopper convinti, ma anche aree in cui invece si naviga a 1 Giga di velocità e zone ancora prive di dotazione infrastrutturali per collegamenti a banda larga, visto che il 30 per cento di popolazione risulta senza adeguati servizi di connessione. Quando si interverrà per correggere queste storture, il Paese entrerà davvero nell'epoca digitale.

 

Tags:
ecommercemodamarketplace
Loading...

i più visti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuovo Opel Mokka First Edition, ordinabile solo on line

Nuovo Opel Mokka First Edition, ordinabile solo on line


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.